Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
L'UE deve aiutare tutte le regioni, le città e i piccoli ‎ centri ad azzerare le emissioni dei trasporti entro il 2050  

L'impulso dato dall'UE all'utilizzo di combustibili alternativi a basse emissioni è fondamentale
nella corsa contro i cambiamenti climatici, ma questa transizione deve essere giusta

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) avverte che il sostegno dei leader locali e regionali dell'UE al Green Deal europeo rischia di venire meno se settori chiave dell'economia locale sono lasciati indietro nella transizione verso un futuro più sostenibile. Nel dibattito in sessione plenaria sul futuro dei trasporti e nel parere sul rafforzamento delle norme in materia di emissioni di CO 2 per autovetture e furgoni e sulla realizzazione di infrastrutture per i combustibili alternativi per le città e le regioni dell'UE, i membri del CdR hanno sottolineato in particolare la necessità di assicurare la parità di trattamento tra le zone urbane e quelle rurali.

Nel corso del dibattito in sessione plenaria con Adina Vălean , commissaria europea per i Trasporti, i leader locali e regionali hanno sottolineato la necessità di sostenere tutte le regioni e le città nella realizzazione di trasporti più sostenibili, un elemento chiave affinché l'UE possa raggiungere l'obiettivo della neutralità climatica giuridicamente stabilito per il 2050. Il dibattito si è concentrato su come rendere i trasporti più sostenibili alla luce dell'obiettivo del Green Deal dell'UE di ridurre del 90 % le emissioni dei trasporti entro il 2050. Pur condividendo pienamente le riduzioni previste dalla Commissione, le regioni e le città hanno segnalato la necessità di un approccio equo e paritario, in particolare tra le zone urbane e quelle rurali, in quanto la Commissione europea propone investimenti significativi nelle stazioni di ricarica e rifornimento per incoraggiare il passaggio alla mobilità elettrica o sostenibile.

Il Presidente del Comitato europeo delle regioni e presidente della regione greca della Macedonia centrale, Apostolos Tzitzikostas , ha dichiarato: "La piena decarbonizzazione dei nostri modi di trasporto è necessaria e realizzabile se vengono soddisfatte le esigenze specifiche di ogni regione, città e piccolo centro. Tutti i livelli di governo devono unire le forze e investire nell'ambito dei piani nazionali per la ripresa, con un cofinanziamento specifico dell'UE concesso agli enti locali e regionali. Molte regioni dipendono dall'industria automotive , per cui accelerare la transizione verde significa investire nella riqualificazione della forza lavoro locale. Questa trasformazione europea verso una mobilità verde deve essere vista come un'opportunità, e non come un onere, per i governi, l'industria e i cittadini."

Adina Vălean, commissaria per i Trasporti, ha dichiarato: "Entro il 2030 prevediamo che sulle strade dell'UE circolino almeno 30 milioni di autovetture elettriche, rispetto al milione di oggi. Ma le infrastrutture devono rispondere alla domanda. La nostra proposta di regolamento sull'infrastruttura per i combustibili alternativi adotta un approccio basato sul mercato, garantendo la disponibilità delle stazioni di ricarica e rifornimento di cui abbiamo bisogno sia per soddisfare questa domanda sia per incoraggiare un numero ancora maggiore di cittadini e imprese a passare a veicoli elettrici o a celle a combustibile a idrogeno. I nostri obiettivi basati sulla distanza consentiranno ai conducenti di viaggiare in tutta l'Unione senza preoccupazioni per l'autonomia del loro veicolo, mentre gli obiettivi basati sulla flotta garantiranno la presenza di un numero sufficiente di punti di ricarica, lasciando nel contempo agli Stati membri e alle regioni la scelta su dove collocarli".

Nel parere sul rafforzamento delle norme in materia di emissioni di CO 2 per autovetture e furgoni e sulla realizzazione di infrastrutture per i combustibili alternativi, il CdR chiede un meccanismo di cofinanziamento europeo che consenta a tutte le regioni di migliorare le proprie infrastrutture per offrire carburanti più ecologici e stimolare la domanda di veicoli più sostenibili. Tuttavia, il CdR sottolinea la necessità di un approccio più integrato alla pianificazione, in particolare per collegare più efficacemente le zone urbane e quelle rurali. Anche la disponibilità di combustibili alternativi in tutta l'UE è un problema importante, in particolare nelle zone più rurali e remote che non dispongono delle infrastrutture necessarie. Nel 2020 il 70 % di tutti i punti di ricarica delle auto elettriche si trovava in soli tre paesi europei – Paesi Bassi, Francia e Germania – e questo fatto, insieme a un accesso relativamente più facile a veicoli più inquinanti in altre parti d'Europa, in particolare nelle regioni centrali e orientali dell'UE, sta creando disuguaglianze.

Adrian Teban (RO/PPE), sindaco di Cugir e relatore del parere, ha sottolineato: "È necessario un meccanismo equo di transizione a livello europeo per le regioni che dipendono dall'industria automobilistica al fine di gestire le trasformazioni del settore, garantire che il nuovo modello di mobilità sostenibile basato su carburanti alternativi sia accessibile, anche sul piano economico, per tutti i cittadini e fare in modo che nessuna regione venga lasciata indietro.

I membri del CdR hanno sottolineato la necessità di analizzare l'impatto economico regionale della transizione verso veicoli stradali a emissioni zero per garantire che l'UE fornisca un sostegno alla transizione giusta in tutte le regioni. Il CdR sta costituendo un'alleanza di regioni per garantire una transizione giusta ed equa, in particolare nelle regioni in cui il settore automotive rappresenta una parte importante dell'economia locale.

Contesto

Per garantire una transizione giusta verso la neutralità climatica per tutte le città e le regioni europee, il Comitato europeo delle regioni ha lanciato la campagna Green Deal a livello locale . L'iniziativa mira a porre le regioni e le città al centro del Green Deal europeo per consentire ai leader locali e regionali di agire nella lotta contro i cambiamenti climatici e aumentare la realizzazione di progetti sostenibili finanziati dall'UE nelle comunità locali di tutta l'Unione europea.

Contatto stampa:

Theresa Sostmann

Tel. +32 2282 2457

Theresa.Sostmann@cor.europa.eu

Condividi :
 
Notizie correlate

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/CLIMATE-COMMITMENTS.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/ZERO-TRANSPORT-EMISSIONS.ASPX

The European Committee of the Regions and the European Economic and Social Committee step up their climate commitments
The European Committee of the Regions and the European Economic and Social Committee step up their climate commitments
08.12.2022

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/SOCIAL-COHESION-RISKS.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/ZERO-TRANSPORT-EMISSIONS.ASPX

La coesione sociale ed economica è a rischio se i territori remoti vengono trascurati dalle politiche dell'UE
La coesione sociale ed economica è a rischio se i territori remoti vengono trascurati dalle politiche dell'UE
01.12.2022

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/SMES-HOUSEHOLD-ENERGY-CRISIS.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/ZERO-TRANSPORT-EMISSIONS.ASPX

Crisi energetica: città, regioni, PMI e famiglie hanno bisogno di sostegni mirati tramite fondi d'emergenza dell'UE
Crisi energetica: città, regioni, PMI e famiglie hanno bisogno di sostegni mirati tramite fondi d'emergenza dell'UE
01.12.2022

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/CIRCULAR-TRANSITION-TEXTILES-CLOTHING-LEATHER-FOOTWEAR-INDUSTRY-.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/ZERO-TRANSPORT-EMISSIONS.ASPX

Città e regioni chiedono regole chiare e fondi UE per rendere il settore tessile sostenibile
Città e regioni chiedono regole chiare e fondi UE per rendere il settore tessile sostenibile
30.11.2022

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/FOOD-CRISIS-EU-REGIONAL.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/ZERO-TRANSPORT-EMISSIONS.ASPX

Crisi alimentare: città e regioni chiedono investimenti nella produzione locale per garantire cibo sostenibile a prezzi accessibili
Crisi alimentare: città e regioni chiedono investimenti nella produzione locale per garantire cibo sostenibile a prezzi accessibili
30.11.2022