Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Il Green Deal europeo traccia le nuove priorità per le città e le regioni  
Mentre il riscaldamento globale aggrava le sfide climatiche, la nuova commissione ENVE concentrerà i suoi lavori sulle opportunità offerte dal Green Deal

Il 27 febbraio il sindaco di Siviglia Juan Espadas (ES/PSE) ha presieduto la sua prima riunione come presidente della commissione Ambiente, cambiamenti climatici ed energia (ENVE) del Comitato europeo delle regioni (CdR). Il Green Deal europeo costituisce la priorità assoluta per questo nuovo mandato. I prossimi pareri della commissione ENVE riguarderanno temi come l'acqua, l'aria pulita, l'idrogeno e la biodiversità. Sono stati nominati nuovi relatori per i pareri sui seguenti temi: la legge europea sul clima, il patto climatico e il nuovo piano d'azione per l'economia circolare.

La 2 a riunione della commissione ENVE ha avuto inizio con un dibattito sul Green Deal. Il presidente della commissione ENVE e sindaco di Siviglia Juan Espadas (ES/PSE) ha dichiarato: "Il Green Deal europeo è una sfida enorme, ma anche una grandissima opportunità che non possiamo permetterci di perdere. Dobbiamo rafforzare la nostra alleanza con il Parlamento europeo per far sentire più forte la voce delle città e delle regioni nelle prossime riforme legislative e politiche. Dobbiamo svolgere un ruolo attivo per garantire che il Green Deal apporti vantaggi concreti ai nostri cittadini sotto forma di nuovi posti di lavoro, una migliore qualità dell'aria, un'energia a prezzi accessibili e soluzioni di mobilità pulita per tutti. In qualità di rappresentanti locali e regionali dobbiamo impegnarci a garantire che la transizione ecologica rappresenti un cambiamento positivo per tutti."

Il parlamentare europeo Pierre Larrouturou ha sottolineato la necessità di "moltiplicare le risorse finanziarie disponibili, che è l'unico modo per riuscire a realizzare la transizione cui punta il Green Deal" . Il relatore generale del Parlamento europeo sul bilancio 2021 ha raccomandato di adottare norme di trasparenza per garantire che le banche e le compagnie di assicurazione eliminino gradualmente gli investimenti a favore dei combustibili fossili. "È un obiettivo realizzabile, ma ora dobbiamo definire un calendario preciso".

Il relatore del CdR sul Fondo per una transizione giusta (JTF), Vojko Obersnel (HR/PSE) , ricorda che "se l'UE è realmente impegnata a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, allora abbiamo bisogno di finanziamenti adeguati, che non devono andare a scapito della politica di coesione. In tempi di crescente populismo, non possiamo accettare che il Fondo per una transizione giusta sia messo in contrapposizione con il Fondo sociale europeo. Non possiamo spiegare ai cittadini che in una regione i programmi del mercato del lavoro devono essere tagliati per sostenere la transizione verde di un'altra regione. Abbiamo bisogno di finanziamenti supplementari per il nuovo Fondo, e questa sfida sta mettendo alla prova la credibilità dell'UE." L'adozione del parere di Obersnel è prevista per la prossima sessione plenaria del 25 e 26 marzo 2020.

I membri hanno tenuto uno scambio di vedute sui seguenti pareri di prossima adozione:

Idrogeno: Verso una tabella di marcia per l'idrogeno pulito - Il contributo degli enti locali e regionali a un'Europa climaticamente neutra , presentato dalla relatrice Birgit Honé (DE/PSE). "Abbiamo urgente necessità di una strategia europea per l'idrogeno verde, insieme a un quadro dell'UE che rafforzi la creazione di un'economia forte dell'idrogeno. Questa fonte di energia offre grandi opportunità per l'innovazione, la creazione di valore e l'occupazione in molte regioni dell'UE e costituisce un elemento fondamentale per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione e di neutralità climatica del Green Deal" , ha dichiarato la ministra per gli Affari federali ed europei e lo sviluppo regionale della Bassa Sassonia. L'adozione del parere è prevista per la prossima sessione plenaria del 13 e 14 maggio.

Acqua: Controllo dell'adeguatezza della direttiva quadro sulle acque e della direttiva sulle alluvioni , presentato dal relatore Piotr Całbecki (PL/PPE). "Per la gestione delle risorse idriche dobbiamo utilizzare strumenti innovativi fondati sulla ricerca, sulla scienza interdisciplinare e su soluzioni basate sulla natura. L'obiettivo del parere è presentare proposte concrete volte a migliorare e semplificare la legislazione, migliorando nel contempo gli standard di qualità dell'acqua nei nostri territori" , ha affermato il presidente della regione Cuiavia-Pomerania. L'adozione del parere è prevista per la sessione plenaria del 13 e 14 maggio.

Aria pulita: "La scarsa qualità dell'aria provoca morti premature e problemi respiratori cronici, accelera la perdita di biodiversità e incide negativamente sul patrimonio culturale. Solo tramite iniziative e progetti innovativi a livello locale e regionale, sostenuti da fondi dell'UE, possiamo avere un impatto reale sul miglioramento della qualità dell'aria per i nostri cittadini", ha dichiarato János Ádám Karácsony (HU/PPE), consigliere comunale di Tahitótfalu e relatore del parere Il futuro della politica dell'UE in materia di aria pulita, nel quadro dell'obiettivo "inquinamento zero" . L'adozione del parere è prevista per la sessione plenaria del 1° e 2 luglio.

Biodiversità: "L'enorme e meravigliosa biodiversità del nostro pianeta è a rischio. È necessario agire ora per proteggere e ripristinare i nostri ecosistemi e la biodiversità a tutti i livelli, da quello locale a quello globale. Per il successo della nuova strategia dell'UE in materia di biodiversità, le città e le regioni devono essere coinvolte nella definizione di azioni politiche ambiziose, nel loro adeguato finanziamento e nell'attuazione" , ha sottolineato il relatore Roby Biwer (LU/PSE), consigliere comunale di Bettembourg, durante lo scambio di opinioni sul parere Città e regioni improntate alla biodiversità oltre il 2020 alla COP 15 della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica e nella prossima strategia dell'UE . L'adozione del parere è prevista per la sessione plenaria del 13 e 14 maggio.

I membri della commissione ENVE hanno nominato i seguenti relatori:

Juan Manuel Moreno Bonilla (ES/PPE), presidente della regione Andalusia, è stato nominato relatore del parere "Una normativa europea sul clima che sancisca l'obiettivo della neutralità climatica entro il 2050".

Tjisse Stelpstra (NL/ECR), assessore provinciale della Drenthe, è stato nominato relatore del parere sul nuovo piano d'azione per l'economia circolare.

Rafał Trzaskowski (PL/PPE), sindaco di Varsavia, è nominato relatore del parere sul patto climatico.

Cliccare qui per accedere a tutti i documenti della riunione.

Contatti stampa : David Crous | david.crous@cor.europa.eu | +32 (0) 470 88 10 37