Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Programma di azione per l'ambiente 2030: ‎ la pandemia di COVID-19 dimostra la necessità di un legame più forte tra salute e ambiente  

Il 95% della popolazione urbana dell'UE è esposto a concentrazioni di sostanze inquinanti superiori alle linee guida dell'OMS sulla qualità dell'aria

Il Comitato europeo delle regioni ha presentato un parere in merito all'Ottavo programma di azione per l'ambiente (PAA), la strategia ambientale comune dell'UE per il 2030 che sostiene il Green Deal europeo . Secondo la relazione 2020 dell'Agenzia europea dell'ambiente , le prospettive ambientali dell'Europa nei prossimi decenni sono scoraggianti. L'Europa risente di un'intensificazione dell'agricoltura, della perdita di biodiversità, del declino degli ecosistemi e della fauna selvatica e della scarsa qualità dell'aria. Ben il 95% della popolazione urbana dell'UE è esposto quotidianamente a concentrazioni di sostanze inquinanti superiori alle linee guida dell'OMS sulla qualità dell'aria, cosa che provoca ogni anno 400 000 decessi prematuri.

Nella relazione 2020 sullo stato dell'ambiente , l'Agenzia europea dell'ambiente avverte che l'Europa si trova ad affrontare sfide ambientali di una portata e di un'urgenza senza precedenti. Sebbene le politiche dell'UE in materia di ambiente e clima abbiano apportato notevoli benefici negli ultimi decenni, l'Europa è alle prese con problemi persistenti in settori quali la perdita di biodiversità, l'uso delle risorse, l'impatto dei cambiamenti climatici e i rischi ambientali per la salute e il benessere.

Dimitrios Karnavos (EL/PPE) , sindaco di Kallithea e relatore del CdR sull'8° PAA, ha dichiarato: " La pandemia di COVID-19 ci ha fatto capire che abbiamo urgentemente bisogno di un ambiente migliore, di città più sane e di un'aria più pulita. Dobbiamo garantire che il nuovo programma d'azione per l'ambiente promuova un contesto imprenditoriale sostenibile e incoraggi gli investimenti verdi come base per conseguire un ambiente privo di sostanze tossiche, offrire migliori condizioni di vita alle persone e creare comunità più resilienti. Ma non si possono lasciare le città e le regioni da sole. Si dovrebbero dotare gli enti locali e regionali degli strumenti giusti e di risorse adeguate per attuare sul campo la legislazione e le politiche ambientali, senza le quali non potremo rafforzare la resilienza alle pandemie future né tanto meno raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 ".

Il CdR sottolinea che la politica ambientale tradizionale e settoriale è in gran parte inefficace e chiede di adottare una politica integrata per creare sinergie ed evitare squilibri. I membri propongono di adottare un approccio basato su una vita sana per tutti in tutte le politiche dell'UE che promuovono la salute umana e un pianeta, un'economia e una società sani, con opportunità per tutti.

Data la complessità delle attuali sfide ambientali, l'8° PAA non può essere realizzato in misura sufficiente dagli Stati membri da soli. Gli enti locali e regionali hanno competenze in importanti settori dell'ambiente. È fondamentale un loro pieno coinvolgimento nell'elaborazione e nell'attuazione delle politiche ambientali, ma anche nel dialogo con i cittadini, le imprese, i centri di ricerca, il mondo accademico e le parti interessate locali, sottolineano i membri.

I membri chiedono il sostegno della Commissione europea per garantire la piena partecipazione degli enti locali e regionali a tutte le dimensioni della definizione di politiche ambientali. A questo proposito, il CdR si rammarica del fatto che l'8° Programma di azione per l'ambiente non contenga alcun riferimento alla piattaforma tecnica per la cooperazione ambientale , un forum istituito nel 2012 tra la Commissione europea e il CdR allo scopo di promuovere il dialogo sui problemi e le soluzioni locali e regionali nell'applicazione del diritto ambientale dell'UE.

Il CdR fa osservare che gli sforzi per una ripresa verde dovrebbero tenere conto delle disparità e delle sfide territoriali e garantire che nessuna comunità sia lasciata indietro. Le comunità locali e regionali hanno bisogno di strumenti e risorse adeguati per migliorare l'attuazione sul campo delle politiche ambientali. I membri fanno notare che il modo migliore per attuare politiche ambientali basate sulle specificità di ciascun territorio è seguire un approccio basato sul territorio. Il CdR chiede che l'8° PAA vada oltre la tipologia urbano-rurale e faccia esplicito riferimento a tutti i tipi di comunità, comprese le zone costiere, montane, insulari, arcipelagiche e ultraperiferiche.

I membri chiedono investimenti ambiziosi nei principali settori verdi per creare crescita e occupazione rafforzando al tempo stesso la resilienza, e sottolineano l'urgente necessità di intensificare la ricerca e di accrescere le conoscenze e la disponibilità pubblica di dati facilmente accessibili.

I leader locali e regionali chiedono la piena integrazione delle politiche in materia di ambiente, di clima e di economia circolare nelle azioni di bilancio, economiche e sociali dell'UE, comprese quelle che rientrano nel piano di ripresa post COVID-19. Attualmente, il 30% delle risorse del bilancio a lungo termine dell'UE e del pacchetto Next Generation EU è destinato alla lotta contro i cambiamenti climatici.

Il CdR chiede una maggiore cooperazione tra la Commissione europea e gli enti locali e regionali al fine di migliorare la disponibilità e l'interoperabilità dei dati a livello locale e regionale, che è fondamentale per attuare con successo l'8° PAA.

Sebbene i membri sostengano il nuovo quadro di monitoraggio proposto dalla Commissione europea nell'8° PAA, e con la dovuta considerazione per quadri esistenti, come il riesame dell'attuazione delle politiche ambientali , il CdR chiede la definizione di indicatori principali per settori importanti quali l'economia circolare, il clima e l'energia, la riduzione delle sostanze tossiche, la biodiversità e l'inquinamento zero. Il CdR propone di coinvolgere gli enti locali e regionali nella messa a punto di nuovi indicatori, tra i quali dovrebbero figurare la garanzia della qualità, l'equilibrio, l'applicabilità, la definizione delle priorità, la flessibilità, la tempistica e la periodicità.

Gli enti locali e regionali sostengono un maggiore impegno nell'educazione ambientale e nei progetti per i giovani al fine di accrescere la consapevolezza ambientale.

Contesto:

Dalla metà degli Anni '70, la politica ambientale dell'UE è guidata da programmi d'azione per l'ambiente consecutivi, che definiscono gli obiettivi prioritari da realizzare nel corso di un determinato periodo di tempo. Dato che il 7º PAA si è concluso nel 2020, la Commissione europea ha pubblicato una proposta di 8º PAA per il periodo fino al 2030, rivolta ad integrare il Green Deal europeo.

Basandosi sul Green Deal europeo, l'8º PAA fissa sei obiettivi prioritari .  

La crisi della COVID-19 è l'occasione per premere sull'acceleratore dell'agenda ambientale. Cliccare qui per leggere la nostra intervista con Dimitrios Karnavos (EL/PPE) sull'8º Programma d'azione per l'ambiente, pubblicata il 19 gennaio 2021.

Cliccare qui per accedere alla relazione L'ambiente in Europa: Stato e prospettive 2020 dell'Agenzia europea dell'ambiente.

Per quanto riguarda l'inquinamento atmosferico, dal 2000 si è registrata nell'UE una diminuzione delle concentrazioni nell'aria dei principali inquinanti. Tuttavia, il 95% della popolazione urbana dell'UE rimane esposto a concentrazioni di inquinanti superiori a quelle previste dalle linee guida sulla qualità dell'aria dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e quasi il 20% della popolazione urbana dell'UE vive in zone con concentrazioni di inquinanti atmosferici superiori ad almeno uno standard di qualità dell'aria dell'UE. In alcune zone, in particolare nelle regioni carbonifere, la qualità dell'aria si sta deteriorando fino a raggiungere livelli pericolosi. L'esposizione al particolato fine causa ogni anno in Europa circa 400 000 decessi prematuri.

Natura 2000 , la più grande rete coordinata di aree protette al mondo, offre un rifugio alle specie e agli habitat più preziosi e minacciati d'Europa.

Il CdR ha presentato pareri legislativi sui precedenti programmi di azione per l'ambiente. Nel 2019 ha adottato un parere d'iniziativa sul tema Verso un 8º programma d'azione in materia di ambiente , elaborato dal relatore Cor Lamers (NL/PPE) , sindaco di Schiedam, e sostenuto da uno studio specifico.

Basandosi sul Green Deal europeo, l'8º PAA fissa sei obiettivi prioritari .  Per valutare e per rendere noto se l'UE si trovi sulla strada giusta per conseguirli, la proposta di 8º PAA suggerisce di istituire un nuovo quadro di monitoraggio.

Il 13 ottobre 2020 la Commissione europea e il Comitato europeo delle regioni si sono impegnati a dare il via ad una nuova fase di cooperazione per accelerare l'attuazione del Green Deal nelle regioni e nelle città d'Europa. Nel corso di un dibattito al CdR, il vicepresidente esecutivo della Commissione Frans Timmermans, responsabile per il Green Deal europeo, ha invitato i governi locali e regionali ad assumere la titolarità del Green Deal e a dargli forma nei settori di loro competenza.  Il nostro comunicato stampa sull'evento è consultabile qui .  

Il Green Deal a livello locale ( Green Deal Going Local - GDGL) è una nuova iniziativa del Comitato europeo delle regioni che intende porre le città e le regioni al centro del Green Deal europeo e garantire che sia la strategia dell'UE per la crescita sostenibile che i piani per la ripresa dalla crisi della COVID-19 si traducano in finanziamenti diretti per le città e le regioni e in progetti concreti per ogni territorio. L'iniziativa è stata lanciata il 15 giugno 2020 con la creazione di un gruppo di lavoro ad hoc composto da 13 membri .  Consultate qui il comunicato stampa .

Per scoprire 200 buone pratiche nell'ambito del Green Deal, consultate la nostra mappa online .

Contatto stampa:

David Crous

david.crous@cor.europa.eu

+32 (0) 470 88 10 37

Share: