Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Intervento del Presidente del Comitato europeo delle regioni Apostolos Tzitzikostas alla sessione inaugurale della plenaria della Conferenza sul futuro dell'Europa  

"Consentitemi prima di tutto di ringraziare i copresidenti per lo straordinario lavoro svolto e la preziosa assistenza fornita.

Cari colleghi, sono qui a nome del milione di rappresentanti politici eletti a livello regionale e locale, delle 300 regioni e dei 90 000 comuni di tutta Europa.

Cari amici, se oggi respiriamo un'aria più pulita, consumiamo prodotti di ottima qualità, abbiamo ospedali meglio attrezzati, disponiamo di scuole e servizi pubblici digitalizzati – tutto questo lo dobbiamo all'Unione europea.

Eppure, se chiedete al cittadino medio in Europa se ha la sensazione e se si rende conto di quanto l'Unione europea abbia un impatto sulla sua vita quotidiana, credete che vi darà la risposta giusta? Temo di no. È colpa del cittadino? Certo che no. Significa che siamo noi ad aver sbagliato qualcosa.

Ed è questo che dobbiamo fare per tutta la durata della Conferenza che si inaugura oggi: abbiamo bisogno di prestare ascolto, di intavolare un dialogo credibile e di concentrarci sulle reali esigenze e preoccupazioni dei cittadini. Ma prima di tutto dobbiamo dar vita a una nuova visione che ci unisca tutti sul clima, sulla mobilità, sull'economia locale e sull'occupazione locale, sulla digitalizzazione e, naturalmente, sui nostri valori europei, sull'istruzione e sulla cultura.

Dobbiamo avvicinare l'Europa ai suoi cittadini e far capire a tutti il messaggio che Bruxelles e l'UE non sono lontane. Anzi, proprio il contrario: l'Europa è ovunque.

Perciò il Comitato europeo delle regioni è qui oggi per contribuire a questo processo e apportare un valore aggiunto in ogni regione, città o piccolo comune, attraverso l'attività politica che svolgono i nostri membri, grazie ai nostri dialoghi locali con i cittadini e tramite le alleanze che abbiamo costruito in tutta Europa con le associazioni territoriali ed europee, e le varie famiglie politiche.

Sono più che sicuro che ci riusciremo e che insieme potremo fare di questa Conferenza un successo!"

Alla sessione inaugurale della plenaria della Conferenza sul futuro dell'Europa hanno preso la parola 8 membri del CdR:

  • Apostolos Tzitzikostas (EL/PPE), Presidente del Comitato europeo delle regioni, della regione Macedonia centrale (Grecia) e presidente dell'Associazione delle regioni greche

  • Vasco Alves Cordeiro (PT/PSE), primo vicepresidente del Comitato europeo delle regioni, consigliere della regione autonoma delle Azzorre (Portogallo)

  • Roberto Ciambetti (IT/ECR), Capo della delegazione italiana al CdR, Presidente del Consiglio regionale del Veneto, Coordinatore della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Provincie autonome italiane

  • Olgierd Geblewicz (PL/PPE), presidente del gruppo PPE, presidente della regione Pomerania occidentale (Polonia) e dell'Associazione polacca delle regioni

  • Kata Tüttő (HU/PSE), vicepresidente del gruppo PSE e vicesindaca di Budapest (Ungheria)

  • François Decoster (FR/Renew Europe), presidente del gruppo Renew Europe e sindaco di Saint Omer (Francia)

  • Kieran McCarthy (IE/AE), presidente del gruppo AE (consigliere comunale di Cork, Irlanda)

  • Muhterem Aras (DE/Verdi), presidente del parlamento del Land Baden-Württemberg, Germania

Altri 3 membri del CdR sono intervenuti in qualità di rappresentanti nominati dai rispettivi parlamenti nazionali: Matteo Bianchi (IT/ECR), consigliere comunale di Morazzone (Varese) e deputato del Parlamento italiano, Birgit Honé (DE/PSE) e Karel Vanlouwe (BE/AE).

L'ex Presidente del CdR Karl-Heinz Lambertz (BE/PSE) ha inoltre preso la parola durante la sessione degli interventi su richiesta.

Portavoce del Presidente:

Michele Cercone

Tel. +32 (0)498 98 23 49

Michele.Cercone@cor.europa.eu

Share: