Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Le regioni devono essere al centro della politica economica europea  

Il periodo di austerità che ha fatto seguito all'ultima crisi ci ha insegnato che è necessario modificare le attuali norme dell'UE in materia di governance economica e promuovere gli investimenti pubblici

L'indispensabile partecipazione delle città e delle regioni alla preparazione della ripresa europea dopo la crisi della Covid-19 e alla definizione di un nuovo sistema europeo di governance economica è stata al centro della prima riunione della commissione Politica economica (ECON) svoltasi dopo la pausa estiva.

I membri della commissione ECON hanno tenuto un primo dibattito sul dispositivo per la ripresa e la resilienza , lo strumento da 672,5 miliardi di euro (312,5 miliardi di euro in sovvenzioni e 360 miliardi di euro in prestiti) concepito per sostenere gli Stati membri dell'UE nell'attuazione delle riforme e negli investimenti nelle priorità comuni dell'Unione. Il dispositivo per la ripresa e la resilienza costituisce il principale strumento finanziario incluso nel fondo di salvataggio Next Generation EU , lo strumento per la ripresa da 750 miliardi di euro, detto anche piano per la ripresa dell'Europa .

Christophe Rouillon (FR/PSE) , sindaco di Coulaines, è il relatore generale del parere sul tema Piano di ripresa per l'Europa a fronte della pandemia di Covid-19: dispositivo per la ripresa e la resilienza e strumento di sostegno tecnico , che sarà adottato nella sessione plenaria di ottobre 2020. Rouillon ha dichiarato che "il piano per la ripresa da 750 miliardi di euro deve consentirci di uscire dalla crisi della Covid-19 e di riorientare il modello di sviluppo europeo. In quanto rappresentanti istituzionali delle città e delle regioni, ci rammarichiamo che la governance sia eccessivamente centralizzata a livello nazionale e che le ambizioni in materia di sviluppo sostenibile non siano sufficienti. Per quanto riguarda i fondi strutturali della politica di coesione, dobbiamo evitare di creare duplicazioni e di spogliare un santo per vestirne un altro. Il fondo per la ripresa, noto come "dispositivo per la ripresa e la resilienza", può rappresentare un vero e proprio salto di qualità per incrementare la capacità di investimento europea, ma non si potrà realizzare senza la partecipazione delle città e delle regioni d'Europa".

La riunione, che si è tenuta interamente a distanza, si è inoltre concentrata sui testi redatti da due rappresentanti della regione Vallonia. I membri della commissione ECON hanno votato il progetto di parere sul tema Riesame della governance economica , elaborato da Elio di Rupo (BE/PSE) , Ministro-presidente della Vallonia, e hanno proceduto a uno scambio di opinioni sul progetto di parere sul tema Riesame della politica commerciale , elaborato da Willy Borsus (BE/Renew Europe) , vicepresidente e ministro dell'Economia e del commercio. L'adozione di quest'ultimo parere da parte della commissione ECON è prevista per il 19 novembre.

Elio di Rupo (BE/PSE) ha affermato: "L 'attuazione della sospensione dei meccanismi del patto di stabilità e crescita durante la pandemia di Covid-19 consente agli Stati e agli enti locali di rispondere ai bisogni dei cittadini e delle imprese. Tuttavia, le norme della governance economica devono essere riesaminate in modo approfondito per essere all'altezza delle ambizioni di un'Europa che risponda alle aspirazioni dei suoi cittadini e per trasferire le imprese strategiche essenziali (sanità, alimentazione, ecc.). Auspico che la Commissione europea proponga un testo ambizioso per un'Europa resiliente, digitale e sostenibile".

Al dibattito ha partecipato anche la relatrice del Parlamento europeo sul riesame della governance economica, Margarida Marques (PT/PSE) . A causa delle misure contro la Covid-19, la votazione sul testo, interamente organizzata a distanza, si concluderà giovedì 1º ottobre. L'adozione del parere da parte della sessione plenaria del CdR è prevista per il 9-10 dicembre 2020.

Il 28 luglio Elio Di Rupo e Christophe Rouillon hanno avuto un incontro virtuale con Paolo Gentiloni , commissario europeo per l'Economia. Hanno entrambi sottolineato l'importanza di porre le comunità locali e regionali al centro di ogni piano di ripresa nazionale.

In precedenza, il 2 luglio, il Presidente del CdR, Apostolos Tzitzikostas , aveva incontrato il commissario Gentiloni per discutere del modo migliore di coinvolgere le regioni e le città nella gestione del fondo Next Generation EU .

Il commissario Gentiloni parteciperà alla sessione plenaria di ottobre del CdR per prendere parte a un dibattito sulla resilienza e la ripresa.

I membri della ECON hanno inoltre avuto uno scambio di opinioni con Fabian Zuleeg, direttore esecutivo del gruppo di riflessione indipendente European Policy Centre (EPC), sugli sviluppi delle future relazioni economiche e commerciali tra l'UE e il Regno Unito, nonché sulla riserva di adeguamento alla Brexit. Il nuovo strumento speciale è stato concepito per contrastare le conseguenze negative impreviste negli Stati membri e nei settori maggiormente colpiti dal recesso del Regno Unito dall'UE. Secondo le conclusioni del Consiglio europeo straordinario del 17-21 luglio 2020 , la riserva di adeguamento alla Brexit disporrà di una dotazione di 5 miliardi di euro per il periodo 2021-2027.

La commissione ECON ha nominato Isolde Ries (DE/PSE) , prima vicepresidente del parlamento del Land Saarland, relatrice del parere sul tema Piano d'azione per le materie prime essenziali . Il piano d'azione è stato presentato dalla Commissione europea il 3 settembre.

L'impatto della pandemia di Covid-19 nelle regioni dell'UE e le sfide che ne derivano per gli enti locali e regionali saranno l'argomento del primo "barometro annuale regionale e locale dell'Unione " , che il Presidente del Comitato europeo delle regioni (CdR) e presidente della regione Macedonia centrale Apostolos Tzitzikostas illustrerà in un intervento alla sessione plenaria del CdR del 12 ottobre. Il barometro attinge a studi appositamente commissionati e ad una serie di altre ricerche per svolgere una valutazione attenta e dettagliata della crisi della Covid-19 e di alcune delle principali questioni politiche e strategiche messe in luce da questa.

Documenti di riunione

Cliccare qui per iscriversi alla Settimana europea delle regioni e delle città 2020.

Contatti stampa:

Matteo Miglietta

Tel. +32 (0)2 282 2440

Cell. +32 (0)470 895382

matteo.miglietta@cor.europa.eu

Share: