Regioni in azione: dalla neutralità climatica all'eradicazione della povertà energetica  

​Michele Emiliano and Kata Tüttő

Un osservatorio europeo della neutralità climatica e obiettivi dell'UE volti a eliminare la povertà energetica figurano tra le misure proposte dagli enti locali e regionali per un'Europa climaticamente neutra entro il 2050

La povertà energetica e la lotta al riscaldamento globale sono stati i temi principali della 23 a riunione della commissione Ambiente, cambiamenti climatici ed energia (ENVE) del Comitato europeo delle regioni. All'ordine del giorno anche l'attuazione a livello locale degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) e dell'accordo di Parigi sul clima, come pure il sostegno esplicito alle regioni carbonifere. In vista delle elezioni europee di maggio, il presidente ENVE Cor Lamers ha sottolineato la necessità di "essere all'altezza delle aspettative dei giovani sull'emergenza climatica che stiamo vivendo".

Inaugurando la 23 a riunione della commissione Ambiente, cambiamenti climatici ed energia (ENVE), il presidente Cor Lamers (NL/PPE) , sindaco di Schiedam, ha dichiarato: "I giovani europei ci ricordano ogni settimana l'emergenza climatica che stiamo vivendo, e dobbiamo essere all'altezza delle loro aspettative. Occorre mettere a punto misure nuove e innovative volte a massimizzare le potenzialità per convertire la transizione all'energia pulita in Europa in crescita e occupazione sostenibili. In quanto assemblea delle città e delle regioni dell'UE, ci impegniamo a compiere ogni sforzo per mettere in atto meccanismi formali intesi a coinvolgere gli enti locali e regionali nelle politiche UE e nazionali in materia di clima ed energia."

I membri hanno adottato un progetto di parere sul tema Un pianeta pulito per tutti - Visione strategica europea a lungo termine per un'economia prospera, moderna, competitiva e climaticamente neutra . Il relatore Michele Emiliano (IT/PSE) , presidente della regione Puglia, ha affermato: "Abbiamo bisogno di nuove misure e di finanziamenti pubblici più mirati a livello UE e nazionale, se vogliamo realizzare un'economia a zero emissioni e conseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'ONU. La transizione ad un'economia neutra in termini di emissioni di carbonio è un'opportunità per offrire incentivi alle tecnologie pulite, alle nuove competenze e all'occupazione. Una tariffazione adeguata delle energie fossili nel quadro del sistema di scambio delle quote di emissioni o ai fini dell'imposizione fiscale costituisce un presupposto essenziale per la transizione verso le energie rinnovabili. La direttiva sulla tassazione dell'energia e le norme in materia di aiuti di Stato dovrebbero ridurre le imposte sulle energie rinnovabili in modo da promuoverne la commercializzazione."

Le città e le regioni chiedono di aumentare almeno fino al 30 % l'obiettivo di spesa del bilancio dell'UE per il clima, insieme a sgravi fiscali nell'ambito di programmi di finanziamento dell'UE climaticamente neutri. Il parere di Emiliano ribadisce la richiesta del CdR alle istituzioni dell'UE e agli Stati membri di creare una piattaforma multilivello permanente per il dialogo in materia di energia, di istituzionalizzare i contributi determinati a livello locale (LDC) nei piani nazionali per l'energia e il clima (PNEC) e di istituire un osservatorio europeo della neutralità climatica per individuare e assistere le zone vulnerabili sul piano climatico. 

Nel parere di Emiliano viene chiesto di coinvolgere sistematicamente le regioni e gli enti locali nell'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile e dell'accordo di Parigi come pure nei lavori preparatori per la COP25, anche conferendo ad un rappresentante del CdR il ruolo di osservatore in tutti i lavori preparatori degli organi dell'UNFCCC. Il parere, che sarà messo ai voti alla plenaria di giugno, contribuisce alla strategia climaticamente neutra per il 2050 pubblicata dalla Commissione europea nel novembre 2018.

I membri hanno adottato all'unanimità il parere sul tema Governance multilivello e cooperazione intersettoriale per combattere la povertà energetica . La relatrice Kata Tüttő (HU/PSE) , consigliera del XII distretto di Budapest, ha dichiarato: "Più di 50 milioni di europei hanno difficoltà a riscaldare la propria abitazione durante l'inverno a causa dei prezzi elevati dell'energia, dei bassi redditi e dell'umidità e insalubrità delle case. Troppi europei devono scegliere se mangiare o riscaldarsi in inverno. L'UE ha obiettivi molto ambiziosi in materia di energia e di ambiente. È tempo che si prefigga anche l'obiettivo di porre fine alla povertà energetica."  

La relatrice Tüttő difende il diritto universale ad un'energia a prezzi accessibili e propone "una moratoria sulla sospensione della fornitura di servizi pubblici in caso di omesso pagamento, affinché nessuna famiglia sia lasciata senza servizi di riscaldamento o raffreddamento di base". Il parere sarà messo ai voti nella sessione plenaria del CdR del 26 e 27 giugno 2019.

I membri hanno stabilito di elaborare un parere d'iniziativa sul Patto dei sindaci dopo il 2020 e hanno nominato relatrice Benedetta Brighenti (IT/PSE) , membro del consiglio comunale di Castelnuovo Rangone, Emilia-Romagna.

I membri della commissione ENVE si riuniranno dal 12 al 14 giugno 2019 a Bucarest per una conferenza congiunta con il 12º piano strategico per le tecnologie energetiche (piano SET) della Commissione europea. Insieme con l'Associazione dei comuni rumeni e la presidenza rumena del Consiglio dell'UE, esamineranno gli strumenti tecnologici e finanziari in grado di favorire la diffusione sul mercato di prodotti e servizi ecologici innovativi e di realizzare la transizione energetica a livello locale.

I membri hanno tenuto uno scambio di vedute sui seguenti pareri:

Un'Europa sostenibile per il 2030: seguito riservato agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, alla transizione ecologica e all'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici , elaborato dalla relatrice Sirpa Hertell (FI/PPE). Le città e le regioni chiedono obiettivi e indicatori di progresso per l'attuazione degli OSS a livello locale e regionale. Il parere dovrebbe essere adottato nell'ottobre 2019.

Attuare l'accordo di Parigi attraverso una transizione energetica innovativa e sostenibile a livello regionale e locale , elaborato dal relatore Witold Stępień (PL/PPE). Il parere dovrebbe essere adottato nell'ottobre 2019.

Attuare il pacchetto Energia pulita: i piani nazionali integrati per l'energia e il clima come strumento per un approccio locale e territoriale in termini di governance alle questioni del clima e dell'energia attiva e passiva , elaborato dal relatore József Ribanyi (HU/PPE). Il parere dovrebbe essere adottato nell'ottobre 2019.

Nota per la stampa:

Le foto della riunione della commissione ENVE possono essere scaricate qui .

Cliccare qui per accedere a tutti i documenti della riunione della commissione ENVE .

Il Comitato europeo delle regioni ha espresso il suo punto di vista sulle diverse componenti del pacchetto "Energia pulita" elaborando i seguenti pareri:  

Un "new deal" per i consumatori di energia , relatore: Michel Lebrun (BE/PPE), membro del consiglio comunale di Viroinval (aprile 2016).

Governance dell'Unione dell'energia ed energia pulita , relatore: Bruno Hranić (HR/PPE), sindaco di Vidovec (luglio 2017).

L'efficienza energetica nell'edilizia , relatore: Michiel Rijsberman (NL/ALDE), assessore provinciale del Flevoland (luglio 2017).

Energia da fonti rinnovabili e mercato interno dell'energia elettrica , relatrice: Daiva Matonienė (LT/ECR), membro del consiglio comunale di Šiauliai.

Gennaio 2019 - comunicato stampa della Commissione europea . "Un pianeta pulito per tutti - Visione strategica europea a lungo termine per un'economia prospera, moderna, competitiva e climaticamente neutra" - Testo completo della strategia (IT) .

Gennaio 2019 - Terza relazione della Commissione europea sui prezzi e i costi dell'energia in Europa .

Contatti stampa: David Crous | david.crous@cor.europa.eu | +32 (0) 470 88 10 37