Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Le città e le regioni collaborano con l'UEFA per promuovere gli investimenti regionali dell'UE nello sport  

President Karl-Heinz Lambertz, EU Commissioner Tibor Navracsics and UEFA First Vice-President Karl-Erik Nilsson

Photo gallery | Twitter: #CohesionAlliance

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) e l'UEFA hanno unito le loro forze al fine di migliorare l'accessibilità dei finanziamenti dell'UE per lo sport. I due organi hanno sottolineato l'importanza degli investimenti regionali dell'UE – la politica di coesione – nel sostenere le regioni affinché possano promuovere lo sport a livello locale, e il loro ruolo nel favorire la coesione territoriale in tutta l'Europa. Questo il messaggio contenuto nella dichiarazione congiunta firmata dal Presidente del CdR Karl-Heinz Lambertz e dal primo vicepresidente dell'UEFA Karl-Erik Nilsson nel corso di un convegno ad alto livello tenutosi oggi a Bruxelles.

Alla presenza di rappresentanti delle istituzioni europee – tra i quali il commissario Tibor Navracsics – e delle 55 federazioni nazionali affiliate all'UEFA, il convegno ha messo in risalto l'importanza dei finanziamenti dell'UE per lo sport nell'ambito della #CohesionAlliance (Alleanza per la coesione), una coalizione che riunisce tutti coloro che pensano che la politica europea di coesione debba continuare a essere un pilastro del futuro dell'UE.

"Condividiamo lo stesso fine dell'UEFA: rafforzare la solidarietà e la coesione in Europa, - ha dichiarato il Presidente del CdR Karl-Heinz Lambertz . Quelli nello sport sono investimenti dal rendimento sicuro, che contribuiscono alla salute, all'inclusione sociale, al turismo e allo sviluppo economico. Per questo motivo è essenziale che l'UE continui a erogare fondi sufficienti per consentire alle regioni e alle città di offrire infrastrutture sportive adeguate in un contesto transfrontaliero. Come sostenitori della #CohesionAlliance sappiamo per esperienza che i fondi strutturali dell'UE possono davvero fare la differenza e offrire una qualità di vita migliore e più sana alle nostre comunità".

Gli ha fatto eco Karl-Erik Nilsson , primo vicepresidente della UEFA, che nel firmare la #CohesionAlliance il 20 marzo di quest'anno, ha affermato: "L'UEFA è convinta dell'importanza dello sport, e ogni anno offre un contributo importante attraverso il suo programma di assistenza HatTrick , grazie al quale sostiene infrastrutture e attività sportive in tutta Europa. Ma gli sforzi dell'UEFA devono a loro volta essere sostenuti da appositi finanziamenti dell'UE, in particolare per il livello di base. Investire nello sport significa investire nel futuro dell'Europa. Le organizzazioni sportive, le autorità nazionali e le istituzioni dell'UE devono collaborare per sfruttare al massimo tutte le opportunità di finanziamento esistenti".

"Lo sport presenta un potenziale straordinario per aiutarci a affrontare le grandi sfide poste alle nostre società e a promuovere lo sviluppo delle città e delle regioni, - ha affermato dal canto suo il commissario per l'Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport Tibor Navracsics . Per sfruttare al meglio questo potenziale, dobbiamo trovare il modo di integrare lo sport nelle nostre azioni in tutti i settori di intervento. In particolare, occorre inserirlo più efficacemente nelle strategie locali e regionali, basandosi sui singoli punti di forza e sulle ambizioni delle regioni e delle città.

Nella dichiarazione congiunta firmata dal Presidente Lambertz e dal primo vicepresidente Nilsson, il CdR e l'UEFA affermano che:

Lo sport contribuisce in modo significativo al conseguimento degli obiettivi strategici della politica di coesione dell'UE e degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

La proposta della Commissione europea di raddoppiare i finanziamenti del programma Erasmus nel prossimo bilancio a lungo termine dell'UE (che coprirà il periodo 2021-27) e l'attenzione riservata allo sport di base, alla buona governance e all'integrità nello sport rappresentano apprezzabili passi avanti.

Attualmente, la mancanza di politiche basate sullo sport e di infrastrutture per lo sport di base costituisce uno dei principali ostacoli all'accesso libero ed equo alle attività sportive per tutti i cittadini, comprese le persone con disabilità. Garantire l'accesso universale alle attività sportive è fondamentale per consentire lo sviluppo economico e sociale e per incrementare il numero complessivo di persone coinvolte nelle attività sportive.

Il contributo dello sport al rafforzamento dello sviluppo economico e alla promozione dell'inclusione sociale dovrebbe essere maggiormente riconosciuto. I regolamenti che disciplinano i fondi strutturali e d'investimento europei (fondi SIE) e altre politiche europee pertinenti dovrebbero sostenere politiche basate sullo sport, inclusi gli investimenti nelle infrastrutture sportive, al fine di rafforzare la solidarietà e la prosperità attraverso lo sport.

Il CdR e l'UEFA convengono di collaborare nel quadro della #CohesionAlliance per una politica di coesione forte che promuova la coesione economica, sociale e territoriale in tutta l'UE nel periodo successivo al 2020.

Il CdR ha rivolto molte di queste raccomandazioni alla Commissione europea in un recente parere sull'integrazione dello sport nel programma di lavoro dell'UE post-2020 (relatore: Roberto Pella (IT/PPE), sindaco di Valdengo).

Nota informativa

#CohesionAlliance (Alleanza per la coesione) è una coalizione che riunisce quanti ritengono che la politica di coesione dell'UE debba continuare ad essere uno dei pilastri sui cui poggia il futuro dell'Unione. In conseguenza della Brexit e della necessità per l'UE di finanziare nuove priorità quali la difesa, la sicurezza e il controllo delle frontiere esterne, le dotazioni finanziarie per la politica di coesione rischiano di subire dei tagli nel prossimo bilancio a lungo termine dell'UE – o quadro finanziario pluriennale (QFP) – che fissa i tetti di spesa dell'UE per il periodo successivo al 2020.

Per scongiurare questo rischio e sensibilizzare in merito al ruolo vitale della politica di coesione, la #CohesionAlliance è stata lanciata in origine nell'ottobre 2017 dalle principali associazioni delle regioni e delle città - la Comunità di lavoro delle regioni europee di confine (AGEG-AEBR), l' Assemblea delle regioni d'Europa (ARE), la Conferenza delle assemblee legislative regionali europee (CALRE), il Consiglio dei comuni e delle regioni d'Europa (CCRE), la Conferenza delle regioni periferiche marittime d'Europa (CRPM) ed Eurocities - insieme al Comitato europeo delle regioni .

L'obiettivo dell'Alleanza per la coesione è che il bilancio dell'UE dopo il 2020 consenta di mettere a disposizione di tutte le regioni dell'Unione una politica di coesione più forte, più efficace e visibile. Dal lancio dell'iniziativa, la dichiarazione dell'Alleanza è stata sottoscritta da oltre 8300 firmatari a titolo individuale, 116 regioni, 109 città e province, 50 associazioni di enti locali e regionali, 40 europarlamentari e 35 associazioni di categorie dell'UE.

Contatti stampa:

Lauri Ouvinen

Tel. (+32) 22822063

lauri.ouvinen@cor.europa.eu