Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Agricoltura biologica: i leader locali chiedono di svolgere un ruolo più incisivo nell'attuazione e nella valutazione del piano d'azione  

L'agricoltura biologica, grazie al suo impatto positivo sull'ambiente e sul clima in termini di miglioramento del sequestro del carbonio e della salute del suolo, della conservazione della biodiversità e del benessere degli animali, contribuisce agli obiettivi del Green Deal europeo e a quelli previsti dalle strategie dell'UE "Dal produttore al consumatore" e sulla biodiversità. Il 2 dicembre il Comitato europeo delle regioni (CdR) ha adottato il parere Piano d'azione dell'UE per l'agricoltura biologica .

Il CdR accoglie con favore il piano d'azione dell'UE per l'agricoltura biologica e ne approva l'approccio globale. L'obiettivo del piano è aumentare la produzione e il consumo di prodotti biologici, riducendo in tal modo l'uso di fertilizzanti, pesticidi e antimicrobici. Articolato intorno a tre assi – aumento dei consumi, aumento della produzione e ulteriore miglioramento della sostenibilità del settore – il piano propone 23 azioni.

Uroš Brežan (SI/Verdi), sindaco di Tolmino e relatore del parere Piano d'azione dell'UE per l'agricoltura biologica , ha dichiarato: "È urgente aumentare il sostegno all'agricoltura biologica al fine di garantire il conseguimento dell'obiettivo di destinare il 25 % dei terreni agricoli all'agricoltura biologica entro il 2030. Dobbiamo garantire che la prossima politica agricola comune contribuisca al Green Deal europeo e agli obiettivi delle strategie "Dal produttore al consumatore" e sulla biodiversità. Dato che gli enti locali e regionali svolgono un ruolo fondamentale nella creazione e nello sviluppo di "biodistretti" e nella strutturazione del settore biologico, essi dovrebbero essere coinvolti da vicino sia nell'attuazione che nella valutazione del piano d'azione attraverso una rete a livello regionale. Invitiamo pertanto la Commissione a istituire una rete di questo genere".

I leader locali hanno fatto presente il ruolo fondamentale che svolgono nel sensibilizzare i cittadini a livello locale, nell'informare i consumatori sugli effetti positivi dell'agricoltura biologica e nel mettere a punto programmi didattici per tutti i livelli scolastici, sin dalla scuola per l'infanzia. Il parere fa rilevare che agli enti locali e regionali spetta un ruolo fondamentale anche nello strutturare il settore biologico in termini di produzione, logistica e commercio, e nel facilitare una cooperazione strutturata tra produttori e consumatori.

Per stimolare la produzione è necessario mobilitare tutte le politiche europee e nazionali al fine di aumentare il consumo di prodotti biologici, hanno sottolineato i leader locali. Nel 2019 la superficie dell'Unione coltivata con metodi biologici era circa dell'8 %, mentre le sovvenzioni per l'agricoltura biologica rappresentano solo l'1,5 % del totale del bilancio agricolo europeo. L'agricoltura biologica è sottofinanziata nell'ambito della PAC, che attualmente non è pienamente in linea con gli obiettivi del piano d'azione per l'agricoltura biologica. Inoltre, il parere raccomanda alla Commissione di valutare con attenzione i piani strategici nazionali presentati dagli Stati membri nell'ambito della PAC per verificare che contribuiscano a raggiungere l'obiettivo di destinare il 25 % dei terreni agricoli all'agricoltura biologica entro il 2030.

Il CdR accoglie con favore il riconoscimento dei biodistretti quali strumenti efficaci per lo sviluppo rurale. Nella zona geografica di un biodistretto gli agricoltori, i cittadini, le amministrazioni pubbliche locali, le associazioni e le imprese commerciali, turistiche e culturali raggiungono un accordo sulla gestione sostenibile delle risorse locali secondo i principi e i metodi di produzione e consumo biologici. Pertanto, tali regioni in particolare dovrebbero ricevere sostegno e servizi comuni attraverso una rete che dovrà essere istituita dalla Commissione europea.

Informazioni di riferimento:

  • Piano d'azione per l'agricoltura biologica - Grazie alla produzione di alimenti di elevata qualità con un basso impatto ambientale, l'agricoltura biologica svolgerà un ruolo fondamentale nello sviluppo di un sistema alimentare sostenibile nell'Unione europea. Un sistema alimentare sostenibile è al centro del Green Deal europeo. Nel quadro della strategia "Dal produttore al consumatore" del Green Deal la Commissione europea ha fissato un obiettivo che prevede "almeno il 25 % della superficie agricola dell'UE investita a agricoltura biologica entro il 2030 e un aumento significativo dell'acquacoltura biologica". Per conseguire questo obiettivo e aiutare il settore biologico a raggiungere il suo pieno potenziale, la Commissione ha presentato un piano d'azione per la produzione biologica nell'UE.
  • Piani strategici della PAC: Problemi e aspettative per l'agricoltura dell'UE: Le proposte legislative della Commissione europea in merito alla riforma della politica agricola comune (PAC) sono state pubblicate nel 2018. Da allora in questo settore sono intervenuti diversi sviluppi significativi, tra cui l'adozione del Green Deal europeo e delle relative strategie " Dal produttore al consumatore " e sulla biodiversità , nonché l'accordo sul quadro finanziario pluriennale (QFP) 2021-2027, oltre a un sostegno supplementare di 7,5 miliardi di EUR allo sviluppo rurale a titolo dell'iniziativa Next Generation EU nell'ambito del pacchetto per la ripresa e la resilienza.
  • Coltivare senza prodotti fitosanitari
  • La strategia dell'UE "Dal produttore al consumatore" : Il 20 maggio 2020 la Commissione europea ha pubblicato la comunicazione dal titolo "Una strategia 'Dal produttore al consumatore' per un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell'ambiente".
  • IFOAM Organics Europe : la sezione per l'Europa dell'IFOAM è l'organizzazione di coordinamento a livello europeo degli alimenti e dell'agricoltura biologici. Essa rappresenta l'agricoltura biologica all'interno del processo decisionale europeo e promuove la trasformazione del settore agroalimentare. Il suo lavoro si basa sui principi dell' agricoltura biologica : salute, ecologia, equità e assistenza. Con quasi 200 membri in 34 paesi europei, le sue attività coprono l'intera filiera alimentare biologica.

Ordine del giorno della sessione plenaria

Trasmissione in streaming : sul sito web del CdR.

Contatti stampa:

Wioletta Wojewodzka

Tel. +32 473 843 986

wioletta.wojewodzka@cor.europa.eu

Share: