Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
L'UE ha bisogno di una legge sugli oceani con obiettivi chiari per migliorare l'ambiente marino  

In questa intervista Emma Nohrén (SE/Verdi) risponde a cinque domande sul ruolo degli enti locali e regionali nella protezione dell'ambiente marino. La vicesindaca del comune svedese di Lysekil è relatrice di un progetto di parere in cui si chiede una nuova normativa dell'UE sugli oceani, con obiettivi finali e intermedi chiari per ridurre l'inquinamento marino e ripristinare gli ecosistemi marini. Con il sostegno adatto, gli enti locali e regionali possono definire nuove misure e progetti che contribuiscano a salvare gli oceani, creando al tempo stesso occupazione e rilanciando l'economia. Ogni anno viene scaricata negli oceani una quantità di plastica compresa tra 4,8 e 12,7 milioni di tonnellate. Il 75 % dei rifiuti che finiscono in mare consiste di plastica.

Perché i nostri oceani e i nostri mari sono importanti per noi come cittadini europei?

Gli oceani e il clima sono due facce della stessa medaglia! Sono interconnessi e interdipendenti da sempre. Gli oceani regolano il clima e forniscono ossigeno, cibo e molti servizi ecosistemici. Tale equilibrio deve essere mantenuto, o gli oceani cominceranno a rivoltarsi contro di noi. Ad esempio, gli scienziati vedono già segnali del fatto che l'Oceano Artico comincia a liberare più gas a effetto serra di quanti ne catturi.

La natura e i mari sono importanti anche per lo svago, la salute e il benessere mentale, come abbiamo capito molto bene a causa della pandemia e delle conseguenti restrizioni. Le città e le regioni costiere sono testimoni dell'attrazione esercitata dagli oceani su coloro che desiderano vivere vicino al mare e sui turisti. È essenziale preservare la salute dei mari e della vita marina, che sono in effetti le principali attrazioni delle nostre coste.

Come relatrice del progetto di parere del CdR sulla protezione dell'ambiente marino da parte degli enti intranazionali, qual è il messaggio principale che desidera trasmettere?

Il messaggio è che bisogna agire subito! Abbiamo già perso molto tempo prezioso e non abbiamo ancora raggiunto un buono stato ecologico , vale a dire che dobbiamo utilizzare le risorse marine in modo sostenibile per garantire continuità alle generazioni future.

In tutta l'UE, i governi infranazionali hanno competenze in settori essenziali che incidono sull'ambiente marino. Nei comuni e nelle regioni prendiamo decisioni riguardanti i trasporti, il turismo, la gestione delle acque reflue e delle acque meteoriche, e molti altri settori quali la gestione dei rifiuti, la pianificazione urbana e rurale, le concessioni di licenze edilizie, l'agricoltura e la produzione industriale, che hanno tutti un impatto diretto sull'ambiente marino.

Gli enti locali e regionali hanno ampie competenze che consentono loro di proteggere l'ambiente marino, ma hanno certamente bisogno di maggiore sostegno. Le nostre risorse finanziarie sono già limitate ed è molto difficile trovare ulteriori fondi e ottenere il personale necessario anche solo per iniziare. Per questo proponiamo di istituire una task force europea sulla biodiversità marina, ossia un gruppo di responsabili di progetto che intervenga su richiesta e sia in grado di animare la nostra azione e di aiutarci a realizzare i progetti giusti.

Cosa risponderebbe a coloro che affermano che in questo momento non dovrebbe essere questa la nostra priorità?

È una priorità che avremmo dovuto affrontare già da molto tempo. Abbiamo trascurato troppo a lungo lo stato degli oceani. Per di più, abbiamo trattato gli oceani come discariche per tutti i tipi di inquinanti e solo di recente ci siamo resi conto dell'entità del problema. Se non agiamo in modo rapido e deciso, si verificheranno cambiamenti irreversibili. La difficoltà consiste nel fatto che la maggior parte dei danni agli oceani avviene sotto la superficie e non è visibile all'occhio umano. La perdita di biodiversità è già immensa, perciò dobbiamo agire prima che sia troppo tardi. Le città e le regioni costiere conoscono molto bene il vero valore del mare e sanno perfettamente che salvare l'ambiente marino quando è parzialmente compromesso costa meno che ripristinarlo quando è distrutto.

Se domani diventasse commissaria europea per l'Ambiente, gli oceani e la pesca, cosa farebbe per l'ambiente marino nella prima settimana del Suo mandato?

Chiederei ai miei servizi di elaborare una nuova proposta di regolamento per una legge dell'UE sugli oceani. Vuole sapere perché? Perché abbiamo già la direttiva quadro sulla strategia per l'ambiente marino , la politica comune della pesca e altri atti legislativi, ma mancano ancora una strategia globale e un obiettivo ambientale per i nostri oceani. Sono in tanti a sapere che dobbiamo limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5 gradi, ma qual è l'obiettivo per salvare gli oceani?

È importante avere obiettivi e scadenze misurabili. Una legge sugli oceani indicherà la direzione e invierà un chiaro segnale alla società, oltre a creare la certezza e la stabilità necessarie per fare in modo che le imprese investano in nuove soluzioni che collochino l'UE all'avanguardia della transizione verde, che è l'idea centrale del Green Deal europeo . Credo inoltre che una legge sugli oceani susciterà il consenso e il coinvolgimento dei cittadini, e sancirà il ruolo dell'UE nell'importante opera globale di protezione degli oceani in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Qual è il rapporto tra i lavori sulla protezione dell'ambiente marino e il Green Deal europeo?

È il momento di ricominciare e di fare le cose giuste! Nell'UE abbiamo le idee, la tecnologia e le competenze per una transizione verso un'Europa climaticamente neutra. La politica climatica dell'UE è al centro del Green Deal europeo. Come ho già detto, non si può regolare il clima se si lasciano da parte gli oceani. La legge sul clima deve pertanto essere integrata da una legge sugli oceani, che stabilisca obiettivi e scadenze per migliorare l'ambiente marino.

Le azioni dirette a salvare gli oceani comprendono il ripristino della biodiversità, la riduzione dell'inquinamento e la transizione verso un'economia circolare, e tutti questi settori costituiscono l'essenza del Green Deal europeo. Attualmente i fondi dell'UE destinati a migliorare l'ambiente marino sono sottoutilizzati, ma con il giusto sostegno gli enti locali e regionali possono elaborare misure e progetti che contribuiscano a salvare gli oceani, a creare occupazione e a rilanciare l'economia per uscire dalla crisi economica e sociale causata dalla pandemia di COVID-19.

Quali dovrebbero essere le tre priorità fondamentali per tutte le città e regioni costiere dell'UE nei prossimi 5-10 anni?

Questo dipende anzitutto dalla loro collocazione geografica. I quattro bacini marittimi dell'UE sono alle prese con problemi diversi, ma dovremmo comunque considerare queste azioni prioritarie:

proteggere gli habitat costieri - le azioni potrebbero essere le seguenti: stabilire norme di gestione per le zone marine protette entro 12 miglia dalla costa, definire nuove norme di pesca per la zona, ridurre il traffico navale, creare baie silenziose, rivedere la pianificazione edilizia urbana e garantire la sostenibilità del turismo.

Ridurre la dispersione di nutrienti nelle acque - le azioni potrebbero essere: avviare un dialogo con gli agricoltori locali per cambiare le pratiche agricole e ridurre l'uso di fertilizzanti, migliorare il trattamento delle acque reflue, raccogliere e trattare le acque reflue nelle aree rurali e creare zone umide per ridurre il ruscellamento.

Ridurre i rifiuti, l'inquinamento e il rumore subacqueo - le azioni potrebbero essere: migliorare gli impianti per il trattamento dei rifiuti e delle acque reflue nei porti, fornire elettricità alle navi nei porti, cambiare le rotte di navigazione e avviare progetti con le regioni più a monte per evitare lo scarico di rifiuti e l'inquinamento nei fiumi.

Contesto:

Il progetto di parere sul tema Gli enti locali e regionali e la protezione dell'ambiente marino è un dossier del gruppo di lavoro Green Deal a livello locale del CdR. Costituito nel giugno 2020 e composto da 13 rappresentanti eletti a livello locale e regionale , tale gruppo di lavoro ha l'obiettivo di garantire che le città e le regioni dell'UE siano direttamente coinvolte nella definizione, nell'attuazione e nella valutazione delle numerose iniziative nell'ambito del Green Deal europeo, la strategia di crescita sostenibile dell'UE per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

Ridurre i rifiuti marini. Nota informativa del Parlamento europeo (2019).

Contatti stampa: pressecdr@cor.europa.eu