Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
I leader regionali e locali chiedono un New Deal basato su un'agenda rurale chiaramente definita e maggiori investimenti per aiutare le comunità rurali a uscire dalla crisi  

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) ha discusso con Janusz Wojciechowski, commissario europeo per l'Agricoltura, su come promuovere la ripresa nelle zone rurali europee. Le regioni e le città chiedono un Rural Deal , un "patto rurale" che fissi obiettivi e coordini la politica agricola comune, i fondi strutturali e il dispositivo per la ripresa e la resilienza al fine di superare la crisi nelle zone rurali, rafforzare la coesione, rendere più verde l'industria agroalimentare, sostenere i produttori locali e diversificare le opportunità di crescita nelle comunità rurali. Il patto dovrebbe inoltre prevedere una governance inclusiva che mobiliti gli attori dell'UE, nazionali, regionali e locali per realizzare una ripresa sostenibile nelle zone rurali europee. Questi punti sono stati ribaditi in un parere sulla strategia dell'UE per rivitalizzare le comunità rurali (un vero e proprio invito a presentare un'agenda rurale), approvato dai membri del CdR.

La pandemia di COVID-19 ha aggiunto un'ulteriore dimensione al perseguimento del rilancio rurale nelle regioni dell'Unione europea, rendendolo ancora più urgente. Le zone, i centri e i comuni rurali hanno fortemente risentito della riduzione della domanda di prodotti agricoli, con la chiusura di bar e ristoranti e il crollo dell'attività turistica in tutta l'UE. Inoltre, sono più vulnerabili in quanto hanno un accesso limitato a centri medici, ospedali, trasporti e dispongono di una connettività a internet carente o addirittura inesistente. Il divario digitale ha avuto un impatto particolare sull'istruzione e sulle imprese.

Una Brexit "dura" rischia poi di infliggere un colpo durissimo a molte regioni rurali e sarà devastante per le contee come Leitrim, dove vive il relatore del CdR sul rilancio rurale, Enda Stenson.

" La crisi in atto esige che l'UE trasformi la sua visione a lungo termine per le zone rurali in un vero e proprio 'patto rurale'. Dobbiamo realizzare i nostri obiettivi di migliorare i trasporti, la connettività, la sanità e i servizi d'istruzione, ma anche diversificare le economie rurali e promuovere una produzione agroalimentare locale sostenibile ", ha dichiarato il Presidente del Comitato europeo delle regioni, Apostolos Tzitzikostas .

Janusz Wojciechowski , commissario europeo per l'Agricoltura, ha osservato che " tutti i settori d'intervento e i fondi dell'UE devono puntare a realizzare gli obiettivi della visione rurale, ottimizzando la cooperazione e la coerenza dei finanziamenti UE e nazionali. Trovare modi migliori e più efficaci di utilizzare i meccanismi di sostegno esistenti per rispondere alle esigenze delle zone rurali è in effetti uno degli obiettivi importanti di tale visione".

Nel corso del dibattito i membri del CdR hanno sottolineato la necessità di un approccio sistematico, attraverso l'adozione di "un'agenda rurale" reale e concreta. Poiché le dotazioni per la Politica agricola comune (PAC) nel nuovo quadro finanziario pluriennale sono notevolmente inferiori rispetto all'attuale periodo di programmazione, è ancora più importante garantire la coerenza e l'armonizzazione tra il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e altri fondi europei, come il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), il Fondo sociale europeo e Orizzonte Europa. Aumentare gli investimenti è possibile, grazie agli sforzi senza precedenti che l'UE dovrà compiere nel prossimo decennio e facendo in modo che tutte le pertinenti politiche dell'UE tengano conto dello sviluppo rurale. Tali sinergie consentirebbero agli attori rurali di affrontare meglio le questioni trasversali, rafforzare la cooperazione e migliorare la qualità della vita nelle zone rurali.

Enda Stenson (IE/AE), consigliere della contea di Leitrim e relatore del parere Strategia dell'UE per rivitalizzare le comunità rurali , ha sottolineato che " l'attuale crisi pandemica ha evidenziato e aggravato le conseguenze di una serie di minacce cui le zone rurali sono esposte da tempo e ha reso ancora più urgente la rinascita rurale. Dobbiamo fare delle nostre comunità rurali dei luoghi ideali per vivere, lavorare e creare una famiglia. A tal fine, abbiamo bisogno di un patto rurale per investire nei servizi, nella connettività e nelle persone. Invito tutte le istituzioni dell'UE a collaborare per trovare soluzioni che garantiscano la sostenibilità economica, sociale e ambientale del settore della PAC e vadano a vantaggio delle nostre zone rurali. Le nostre comunità sono pronte, dunque non perdiamo l'opportunità di rilanciare le zone rurali".

Ulrika Landergren (SE/Renew Europe), consigliera comunale di Kungsbacka e presidente della commissione Risorse naturali (NAT) del Comitato europeo delle regioni, ha concluso avvertendo che " la polarizzazione della società è sempre fonte di gravi problemi e minacce per la democrazia. Da un lato, vi è una crescente disuguaglianza in termini di ricchezza e, dall'altro, aumenta il divario tra l'Europa rurale e quella urbana. Questa non è una situazione sana, e dobbiamo fare in modo che le comunità rurali diventino più attraenti. Un 'patto rurale' rappresenterebbe un primo passo in questa direzione".

Franc Bogovič , membro del Parlamento europeo e copresidente dell' intergruppo RUMRA e piccoli comuni intelligenti , ricorda che: "senza campi, non c'è tavola. Occorre ricostruire la fiducia tra i consumatori e gli agricoltori. Le zone rurali sono molto di più della silvicoltura e dell'agricoltura. Abbiamo bisogno di zone rurali resilienti, in cui i giovani possano trovare posti di lavoro moderni e gli anziani possano mantenere una buona qualità della vita. Un'efficace connessione a banda larga costituisce la base di tale approccio. Quando parliamo di piccoli comuni intelligenti, parliamo di sanità, mobilità, assistenza sociale, turismo, piattaforme digitali, soluzioni energetiche rigenerative e molte altre cose. È importante concepire i piccoli comuni intelligenti in modo orizzontale e iniziare a eliminare la compartimentazione. Occorre integrare una strategia per i piccoli comuni intelligenti nel Fondo di coesione, e mi sto impegnando a fondo al Parlamento europeo per realizzare quest'obiettivo".

L'attuale situazione pandemica potrebbe anche rappresentare un'opportunità irripetibile per sviluppare e rafforzare la resilienza delle zone rurali, rilanciando la produzione locale sostenibile, ponendo l'accento sulle filiere corte e puntando a promuovere forme di produzione locali e regionali. Le regioni e le città e i loro produttori locali sono attori chiave nella transizione verso un sistema alimentare più sostenibile ed equo, come spiegato nel parere Dal produttore al consumatore (dai campi alla tavola): la dimensione locale e regionale , elaborato da Guido Milana (IT/PSE), consigliere comunale di Olevano Romano.

Nell'Unione europea le regioni rurali e intermedie costituiscono l'88% del territorio, e in esse vive il 55% della popolazione, si produce il 43% del valore aggiunto lordo e si trova il 56% dei posti di lavoro.

Per ulteriori informazioni:

Contatti stampa:

Wioletta Wojewodzka

Tel. +32 (0)2 282 2289

Cell. +32 (0)473 843 986

wioletta.wojewodzka@cor.europa.eu