Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
I leader locali e regionali dell'UE e del Regno Unito si riuniscono in un nuovo gruppo di contatto  

Rappresentanti politici locali e regionali del Regno Unito hanno incontrato per la prima volta alcuni membri del Comitato europeo delle regioni (CdR) in un gruppo di contatto. Lo scopo dell'iniziativa è assicurare che i canali di comunicazione sviluppati nel corso dei quasi 47 anni di appartenenza del Regno Unito all'Unione europea rimangano aperti a livello regionale e locale anche dopo il 2020. Dalla sua creazione nel 1994, il CdR rappresenta il principale punto di contatto tra le regioni e le città del Regno Unito e gli enti territoriali omologhi di altri Stati membri dell'UE.

Il Regno Unito ha lasciato l'UE il 31 gennaio 2020 e il periodo di transizione terminerà il 31 dicembre prossimo. A quella data decadranno gli accordi giuridici su cui si fondano le relazioni tra il Regno Unito, l'UE e i suoi 27 Stati membri, a meno che non venga raggiunto un nuovo accordo entro le prossime sei settimane.

Loïg Chesnais-Girard (FR/PSE), presidente del Consiglio regionale della Bretagna e presidente del gruppo di contatto CdR-Regno Unito, ha dichiarato: "i responsabili politici del Regno Unito e dell'UE hanno stretto forti legami nei 25 anni di contatti sviluppati nel quadro del Comitato europeo delle regioni e, nei suoi quasi cinquant'anni di adesione all'UE, il Regno Unito ha stabilito stretti rapporti con le regioni e le città dei 27 Stati membri. Vogliamo che i legami rimangano stretti anche dopo il 2020. Per questo motivo il gruppo di contatto CdR-Regno Unito si adopererà per mantenere buoni canali di comunicazione e cercherà d'instaurare relazioni tra l'UE e il Regno Unito che prevedano una stretta ed efficace cooperazione a livello regionale e locale. Con o senza accordo, ci saranno cambiamenti significativi a partire dal 1º gennaio 2021 e i responsabili politici locali e regionali delle due parti hanno entrambi interesse a limitare i danni alle economie dei loro territori".

Il presidente ha inoltre aggiunto: "nella mia veste di esponente politico dell'UE, invito il governo del Regno Unito a riconoscere che le relazioni con l'UE – comprese quelle delle sue amministrazioni decentrate e degli enti regionali e locali – non possono essere equiparate alle relazioni con altri paesi. L'incontro molto costruttivo tenutosi oggi con un ampio ventaglio di controparti del Regno Unito dimostra l'esistenza di legami forti e di vecchia data tra i rispettivi livelli locali e regionali, e tali relazioni vanno non solo mantenute ma anche approfondite in futuro".

I membri del CdR che siedono in questo gruppo di contatto hanno un mandato fisso, mentre i rappresentanti degli enti locali, dei parlamenti e delle assemblee con poteri delegati del Regno Unito varieranno da una riunione all'altra, in funzione degli argomenti da esaminare.

Alla prima riunione hanno partecipato i rappresentanti di Inghilterra, Galles, Scozia, Irlanda del Nord e Gibilterra. Il punto di vista del Galles è stato presentato da David Rees, presidente della commissione per gli Affari esterni del parlamento gallese , e da Anthony Hunt, in rappresentanza dell' associazione degli enti locali gallesi . L'omologa associazione degli enti locali inglesi è stata rappresentata dal consigliere Kevin Bentley, presidente della task force per il recesso dall'UE. Angela Constance, membro del parlamento scozzese , e il consigliere Alison Evison, presidente della convenzione degli enti locali scozzesi (COSLA), hanno rappresentato la Scozia, mentre il consigliere Matt Garrett è intervenuto in qualità di presidente dell' associazione degli enti locali nordirlandesi (NILGA). Il parlamento di Gibilterra era rappresentato da Joseph Garcia, uno dei suoi membri.

In una parte della riunione riservata ai responsabili politici dell'UE, David McAllister (DE/PPE), presidente del gruppo di coordinamento UE-Regno Unito del Parlamento europeo (PE), ha aggiornato i membri del CdR sul punto di vista del PE in merito allo stato di avanzamento dei negoziati. Il CdR ha sottolineato la necessità che la nuova riserva di adeguamento alla Brexit, uno strumento da 5 miliardi di euro per gli Stati membri e i settori maggiormente colpiti dal recesso del Regno Unito, sia operativa quanto prima.

Il capo negoziatore dell'UE Michel Barnier , che è intervenuto alla riunione inaugurale del gruppo di contatto tenutasi lo scorso 22 settembre, dovrebbe partecipare alla prossima riunione plenaria del CdR, in calendario per il 9 dicembre.

Oltre a Chesnais-Girard, i membri del CdR che siedono nel gruppo di contatto sono: Ellen Nauta-Van Moorsel (NL/PPE), capo della delegazione olandese del CdR e sindaca di Hof van Twente; Michael Murphy (IE/PPE), capo della delegazione irlandese del CdR e consigliere della contea di Tipperary; Ximo Puig i Ferrer (ES/PSE), presidente della regione di Valencia; Aleksandra Dulkiewicz (PL/PPE), sindaca di Danzica; Erik Flyvholm (DK/Renew Europe), sindaco di Lemvig; Pehr Granfalk (SE/PPE), sindaco di Solna; Antje Grotheer (DE/PSE), vicepresidente del parlamento del Land di Brema; Michiel Rijsberman (NL/Renew Europe), consigliere provinciale del Flevoland; Maria Gomes (PT/PSE), sindaca di Portimão; Karl Vanlouwe (BE/AE), membro del parlamento fiammingo; e Oldřich Vlasák (CZ/ECR), consigliere comunale di Hradec Králové. Henrike Müller (DE), membro del parlamento del Land di Brema, partecipa al gruppo di contatto in qualità di osservatrice per il gruppo dei Verdi.

Contatto per la stampa:

Andrew Gardner

Tel. +32 473 843 981

andrew.gardner@cor.europa.eu

Share: