Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
I leader locali alla vicepresidente Šuica: siamo pronti a unire le forze per rafforzare e modernizzare la democrazia nell'UE e contribuire al successo della Conferenza sul futuro dell'Europa  

I leader locali e regionali hanno riaffermato la loro disponibilità a creare una rete di consiglieri regionali e locali dell'UE per rafforzare l'impegno dei cittadini attraverso il milione di leader locali e regionali di tutta Europa.

I leader locali e regionali hanno tenuto oggi un dibattito con Dubravka Šuica, vicepresidente della Commissione europea responsabile per la Democrazia e la demografia. I membri del Comitato europeo delle regioni (CdR) hanno elogiato il ruolo svolto dalla Commissione nel garantire che la voce delle regioni, delle città e dei piccoli centri sia rappresentata adeguatamente in seno alla Conferenza. Hanno rilanciato il loro invito a far sì che il dibattito sul futuro dell'Europa raggiunga i cittadini attraverso gli enti locali e regionali, rispondendo alle loro richieste.

Nel suo intervento di apertura , Apostolos Tzitzikostas , Presidente del Comitato europeo delle regioni e presidente della regione della Macedonia centrale in Grecia, ha dichiarato: "Ringrazio la vicepresidente Šuica per il suo lavoro in qualità di copresidente della Conferenza sul futuro dell'Europa e per il sostegno offerto a tutti i leader regionali e locali dell'UE. In tutte le sue azioni, la vicepresidente dimostra chiaramente di essere una delle nostre migliori amiche a Bruxelles. Tutti i delegati regionali e locali lavoreranno intensamente per il successo della Conferenza per avvicinare l'Europa ai suoi cittadini".

La vicepresidente della Commissione europea Dubravka Šuica ha dichiarato: "Senza il coinvolgimento e la dedizione del Comitato delle regioni, la Conferenza non riuscirebbe a realizzare il suo potenziale e a raggiungere tutti i cittadini, dalle montagne alle isole. L'impegno del CdR ad "avvicinare l'Europa ai suoi cittadini" e a rafforzare la democrazia europea a tutti i livelli di governo, e soprattutto dalle sue radici, è fondamentale per preparare la democrazia al futuro".

Vasco Alves Cordeiro (PT/PSE), primo vicepresidente del Comitato europeo delle regioni e consigliere regionale delle Azzorre, ha dichiarato: "La questione del dialogo con i cittadini non può essere solo un esercizio che termina con la Conferenza sul futuro dell'Europa. Questo dialogo comporta un esercizio della cittadinanza illuminato e informato, e deve proseguire dopo la conferenza. L'ex presidente del Comitato, Karl-Heinz Lambertz, ha presentato l'idea di un dialogo strutturato permanente con i cittadini. Questo progetto, insieme al ruolo del Comitato delle regioni e alla possibilità di modificare i trattati, è una questione che dovrà essere risolta il giorno in cui termina la conferenza".

La delegazione del CdR, che parteciperà a tutti gli eventi della sessione plenaria della Conferenza, intende:

  • presentare contributi scritti con il sostegno del gruppo ad alto livello sulla democrazia europea , un organo consultivo indipendente composto da sette saggi, uomini e donne, e presieduto dall'ex Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, la cui missione è sostenere il ruolo politico e istituzionale del CdR fornendo analisi politiche strategiche incentrate sugli aspetti locali e regionali;
  • organizzare dialoghi e dibattiti nei territori rappresentati dai suoi membri e comunicarne i risultati;
  • costruire alleanze di delegati con idee affini in seno alla Conferenza, per promuovere insieme raccomandazioni pertinenti per le regioni, le città e i piccoli centri di tutta l'UE;
  • mobilitare le sue reti, come le associazioni di enti locali e regionali di tutta l'UE, la rete degli ex membri del CdR e la rete di consiglieri locali dell'UE di recente istituzione , al fine di incoraggiare i politici locali e regionali a organizzare dibattiti con i cittadini. I risultati di tali consultazioni saranno comunicati alla plenaria della Conferenza.

Tutti i contributi del CdR alla Conferenza confluiranno in una relazione che sarà presentata al 9 o vertice europeo delle regioni e delle città di Marsiglia, il 3 e 4 marzo 2022.

Qualche informazione di base

La Conferenza sul futuro dell'Europa è stata inaugurata il 9 maggio 2021. Si tratta di un esercizio di consultazione e di un'opportunità unica per i cittadini di esprimere il loro punto di vista sull'Unione europea del futuro. Il CdR è rappresentato dal suo Presidente in seno al comitato esecutivo della Conferenza e da una delegazione composta da 30 rappresentanti nella sessione plenaria della stessa. L'obiettivo dei rappresentanti del Comitato alle sessioni plenarie quello di instaurare dei contatti con gli altri 420 delegati per rafforzare il ruolo degli enti locali e regionali nel funzionamento democratico dell'Unione europea e promuovere la dimensione territoriale delle politiche dell'UE.

Cliccare qui per una panoramica delle questioni che stanno a cuore delle regioni e le città dell'UE riguardo i nove temi di discussione della Conferenza.

Contatti per la stampa:

Ella Huber

Tel. +32 2 284 24 18

ella.huber@cor.europa.eu

Marie-Pierre Jouglain

Tel. +32 (0) 473 52 41 15

mariePierre.Jouglain@cor.europa.eu

Share: