Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Le città e le regioni pronte a guidare la rivoluzione della mobilità sostenibile in Europa  

Per rimodellare con successo il settore europeo dei trasporti e renderlo più sostenibile, le città e le regioni dell'UE devono insistere maggiormente sulla promozione della mobilità a zero emissioni, sul sostegno di modi di trasporto attivi e condivisi, sulla ridefinizione della mobilità urbana e su un migliore collegamento delle zone rurali. Queste raccomandazioni figurano in un parere sulla strategia per una mobilità sostenibile e intelligente adottato dal Comitato europeo delle regioni (CdR) e presentato dal relatore Robert van Asten (NL/RE) durante la sessione plenaria del CdR di mercoledì 30 giugno.

Nel 2017 i trasporti rappresentavano il 27 % delle emissioni di CO 2 dell'UE e le emissioni nel settore dei trasporti sono aumentate sia nel 2018 che nel 2019 , il che significa che saranno necessari cambiamenti su vasta scala per conseguire gli ambiziosi obiettivi climatici dell'UE. Con l'obiettivo a lungo termine di ridurre le emissioni nel settore dei trasporti del 90 % entro il 2050, la strategia di mobilità dell'UE è una delle principali iniziative del Green Deal europeo, che mira a gettare le basi per il conseguimento degli obiettivi di trasformazione verde e digitale nel sistema dei trasporti dell'UE. La strategia, proposta dalla Commissione europea alla fine dello scorso anno, è integrata da un piano d'azione che elenca le misure concrete da adottare nei prossimi quattro anni. Tra i settori chiave definiti dal piano d'azione rientrano i veicoli a emissioni zero e le infrastrutture per i combustibili alternativi, la fissazione del prezzo del carbonio con migliori incentivi per gli utenti, e una mobilità più accessibile, anche in termini di prezzi.

Robert van Asten (NL/RE), assessore comunale dell'Aia e relatore del parere, ha osservato che " Gli enti locali e regionali svolgono un ruolo cruciale nella transizione in materia di mobilità, che crea un collegamento tra il Green Deal dell'UE e la transizione digitale per una mobilità più sostenibile e intelligente. Il progetto di parere si concentra in particolare sugli aspetti sociali e di inclusione, in quanto la transizione nella sfera della mobilità richiede anche un cambiamento di comportamenti incentrato sull'utente. L'UE può aiutarci a collegare meglio la connettività, l'accessibilità e la salute, non solo tramite i finanziamenti, ma anche garantendo la standardizzazione e l'armonizzazione delle norme dell'UE. Dobbiamo anche tenere conto dei piani di mobilità urbana sostenibile della Commissione europea, che possono rappresentare uno strumento efficace per la cooperazione tra i diversi livelli di governo, ma solo se sono sufficientemente flessibili e rispondono alle sfide cui devono far fronte le città e le regioni ".

L'europarlamentare Ismail Ertug si è espresso in merito al parere osservando che " La strategia dell'UE per una mobilità sostenibile e intelligente sta indicando il percorso futuro del settore europeo dei trasporti . La duplice sfida della digitalizzazione e della decarbonizzazione costituisce un compito importante per i prossimi decenni. Per avere successo, il livello europeo, quello nazionale e, non da ultimo, quello regionale devono collaborare strettamente. Ciò vale in particolare per i progetti infrastrutturali, che si tratti di collegamenti transfrontalieri mancanti, di sistemi ferroviari migliorati o di una rete globale di infrastrutture per i combustibili alternativi ".

Il CdR accoglie con favore la strategia per la mobilità proposta dalla Commissione europea, ma individua diversi settori che possono essere migliorati. I membri hanno sottolineato in particolare l'importanza della dimensione regionale della strategia di mobilità, in quanto gli enti locali e regionali svolgono un ruolo chiave nella definizione della politica europea dei trasporti e nella fornitura di servizi e infrastrutture per la mobilità. Data questa realtà, una efficace transizione nel campo della mobilità richiederà un forte impegno da parte degli enti locali e regionali e un approccio comune che coinvolga tutti i livelli di governo, in linea con il principio di sussidiarietà attiva.

Il parere sottolinea anche che, oltre a rendere i trasporti stessi più sostenibili, ad esempio ampliando il ricorso alla ferrovia piuttosto che all'aviazione, la transizione verso la mobilità richiede anche un cambiamento nel comportamento dei cittadini. Per raggiungere l'ambizioso obiettivo di ridurre le emissioni nel settore dei trasporti del 90 % entro il 2050 è necessario ampliare notevolmente alcuni aspetti, quali la riduzione delle distanze e del numero dei viaggi, ove possibile, e optare per forme di mobilità più attive, come gli spostamenti in bicicletta e a piedi, o mediante modi di trasporto condivisi. 

I membri sottolineano inoltre che nella strategia della Commissione mancano iniziative concrete per le zone rurali, nonostante il ruolo importante della mobilità nel garantire la fornitura di servizi nelle zone rurali con infrastrutture limitate. Il parere chiede pertanto fondi europei più cospicui e misure normative per contribuire a migliorare la mobilità dei cittadini, in particolare nelle zone scarsamente popolate.

Informazioni di base

Data la sua dimensione regionale e la sua importanza per il Green Deal europeo, la mobilità e le infrastrutture di trasporto sono state individuate come uno dei settori chiave in cui dovrebbe essere rafforzata la cooperazione tra il Comitato delle regioni e la Commissione europea .

Una parte importante della strategia dell'UE volta a rendere i trasporti più sostenibili è il passaggio alla ferrovia. Il 2021 è stato ufficialmente proclamato Anno europeo delle ferrovie (EYR) e il CdR ha partecipato attivamente fin dall'inizio all'Anno europeo, collaborando con la Commissione e organizzando diversi eventi locali in collaborazione con i membri del CdR. È previsto che anche il Presidente del CdR Apostolos Tzitzikostas e diversi altri membri visitino il treno Connecting Europe Express lungo il suo percorso attraverso 23 Stati membri dal 2 settembre al 7 ottobre.

Un altro settore chiave per il CdR sarà la cosiddetta missione di Orizzonte Europa per rendere 100 città in Europa a impatto climatico zero entro il 2030 . Una delle prime tappe verso città a impatto climatico zero sarà il nuovo quadro europeo per la mobilità urbana, che la Commissione europea presenterà verso la fine di quest'anno. Entrambe le iniziative costituiscono temi chiave per il CdR e la chiave per il successo è un approccio di sussidiarietà attiva a una mobilità urbana sostenibile.

Contatti stampa:

Tobias Kolonko

Tel. +32 22822003

tobias.kolonko@cor.europa.eu

Share: