Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Migrazione: la commissaria europea Johansson e il Presidente Lambertz insistono sulla necessità di condividere le buone pratiche nel campo dell'integrazione  
La nuova commissaria annuncia anche la concessione di assistenza di emergenza a Italia e Spagna per sostenere i loro sforzi rivolti all'integrazione dei nuovi arrivati.

Intervenendo oggi ad un convegno, la nuova commissaria europea per gli Affari interni Ylva Johansson ha avuto parole di elogio per il lavoro di integrazione dei rifugiati e dei migranti che svolgono le città e i piccoli comuni e centri urbani in tutta l'Unione europea. Il Presidente del Comitato europeo delle regioni (CdR) Karl-Heinz Lambertz ha accolto con soddisfazione il plauso della commissaria e sottolineato che in Europa, sul tema della migrazione, occorre "un approccio più equo, pragmatico e inclusivo, che sia di aiuto per le regioni e le città".

Ad appena due giorni dal suo insediamento, Johansson è intervenuta ad un incontro di circa 400 responsabili politici locali e regionali dal titolo Go Local: Sostenere le regioni, le città e le zone rurali nell'integrazione dei migranti . Frutto di una collaborazione tra il Comitato europeo delle regioni e la Commissione europea, il convegno intende promuovere una forte componente di investimenti sociali a livello locale e regionale nell'approccio dell'UE alle questioni migratorie. In particolare, il CdR chiede da tempo di sostenere i piccoli comuni e centri urbani, i quali accolgono circa un terzo dei rifugiati e migranti presenti sul territorio dell'Unione.

Ylva Johansson ha dichiarato: "Nel mio ruolo di commissaria europea, vorrei mettere l'accento sul fatto che uno dei nostri obiettivi a lungo termine è la costruzione di una società coesa, in cui ciascuno si senta rispettato e al sicuro. Per questo una delle mie priorità consisterà nell'ottenere una buona integrazione: l'integrazione poggia sulla comunità di appartenenza, e le comunità si costruiscono dal basso. Ecco perché Go Local è un evento e un'iniziativa così importante." La commissaria Johansson ha poi annunciato che verrà erogata un'assistenza di emergenza a Italia e Spagna per sostenere gli sforzi dei due paesi rivolti all'integrazione dei nuovi arrivati.

La Commissione europea ha chiesto di triplicare le risorse del principale strumento dedicato al sostegno delle attività di integrazione - attualmente il Fondo asilo, migrazione e integrazione - aumentandole dai 3,1 miliardi di euro del periodo 2014-2020 a 10,4 miliardi di euro. L'UE intende erogare la maggior parte dei finanziamenti a lungo termine destinati all'inclusione sociale attraverso il futuro Fondo sociale europeo Plus (FSE+).

Il convegno è stato organizzato congiuntamente dalla direzione generale Migrazione e affari interni della Commissione e dal Comitato europeo delle regioni, il cui Presidente Karl-Heinz Lambertz (BE/PSE) aveva già lanciato, nell'aprile 2019, l' Iniziativa Città e regioni per l'integrazione insieme all'allora commissario europeo Dimitrios Avramopoulos.

Il Presidente Lambertz ha dichiarato: "Dobbiamo mettere la parola fine all'allarmismo, far tacere la retorica populista e fonte di divisioni e lavorare con pragmatismo, equità e solidarietà. In questi ultimi dieci anni le città e i piccoli comuni di tutta Europa hanno accolto e aiutato i rifugiati pur trovandosi ad affrontare un periodo di austerità. L'Iniziativa per l'integrazione continua a crescere e svilupparsi, a riprova del fatto che le città, i piccoli comuni e centri urbani e le regioni danno ogni giorno il loro contributo all'integrazione dei nuovi arrivati e, così facendo, alla creazione di comunità inclusive. La presenza della commissaria Johansson al nostro convegno di oggi, per iniziare un dialogo con le regioni e le città fin dai primissimi giorni del suo mandato, dimostra che l'Europa non solo è all'ascolto dei territori, ma è anche disposta ad agire a livello locale."

Tra gli altri oratori intervenuti al convegno figuravano Virginio Merola (IT/PSE), sindaco di Bologna e membro del Comitato europeo delle regioni; Annika Annerby Jansson , presidente della regione svedese della Scania; Rutger Groot Wassink , vicesindaco e assessore agli Affari sociali, diversità e democratizzazione della città di Amsterdam; e Oriol Amorós , segretario all'Uguaglianza, la migrazione e la cittadinanza del governo della regione spagnola della Catalogna.

Il convegno era articolato in seminari dedicati a un buon numero di ambiti della vita quotidiana in cui in genere le amministrazioni locali e regionali hanno notevole peso e importanza - alloggio, sanità, istruzione, animazione socioeducativa e sport - come pure ad una serie di settori in cui la Commissione europea mette le proprie competenze a disposizione delle città e delle regioni, ad esempio i dati, le strategie locali e gli strumenti finanziari innovativi.

Attualmente l'UE offre un sostegno a progetti di integrazione attraverso il Fondo Asilo, migrazione e integrazione, il Fondo sociale europeo, il Fondo europeo di sviluppo regionale, il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e il programma Erasmus+.

Contatti stampa:

Andrew Gardner

Tel. +32 473 843 981

andrew.gardner@cor.europa.eu