Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
L'Unione dell'uguaglianza deve basarsi sul lavoro delle comunità locali sul campo  

Daniela Ballico, sindaca di Ciampino, relatrice sulla strategia europea sui diritti delle persone con disabilità

Nel corso di un dibattito con la commissaria europea per l'Uguaglianza Helena Dalli, i membri del Comitato europeo delle regioni (CdR) hanno accolto con favore l'obiettivo di integrare una prospettiva di uguaglianza in tutte le politiche, la legislazione e i programmi di finanziamento dell'UE, ma hanno insistito sul fatto che la costruzione di un'autentica Unione dell'uguaglianza richiede un maggiore sostegno finanziario e politico da parte dell'UE e degli Stati membri per promuovere politiche in materia di uguaglianza, inclusione e non discriminazione a livello locale e regionale. Essendo il livello di governo più vicino alla vita quotidiana dei cittadini, gli enti locali e regionali sono in prima linea per quanto riguarda la protezione dei gruppi vulnerabili e delle minoranze e la promozione della coesione sociale.

Sebbene l'uguaglianza sia uno dei valori fondanti dell'Unione europea, diverse forme di discriminazione continuano a essere frequenti in tutta Europa. Secondo uno speciale Eurobarometro pubblicato nel 2019, quasi il 59% degli intervistati ritiene che la discriminazione fondata sulla razza o l'origine etnica sia diffusa nel proprio paese. La crisi della COVID-19 ha ulteriormente aggravato le disuguaglianze, l'emarginazione e la discriminazione esistenti. La Commissione europea ha pertanto presentato un'ampia gamma di iniziative con l'obiettivo di conseguire la parità di genere, combattere il razzismo e promuovere l'inclusione di diverse minoranze, come le comunità LGBTIQ, i Rom e le persone con disabilità.

Intervenendo oggi alla sessione plenaria del CdR, la commissaria Helena Dalli ha dichiarato: " La lotta alla discriminazione e la promozione dell'uguaglianza sono materie di responsabilità condivisa che richiedono gli sforzi comuni e risoluti di tutte le istituzioni dell'UE. Riusciremo ad apportare cambiamenti e a fare progressi solo se gli enti locali e regionali saranno trattati come partner strategici nell'attuazione e nel monitoraggio del pacchetto su Un'Unione dell'uguaglianza ".

Le ha fatto eco il Presidente del CdR Apostolos Tzitzikostas : " Dobbiamo continuare a contrastare la discriminazione strutturale e gli stereotipi, e creare condizioni che consentano a ognuno di vivere e prosperare, indipendentemente dalle differenze basate sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, la disabilità, l'età o l'orientamento sessuale. Dobbiamo anche garantire che il processo decisionale politico tenga conto delle necessità di tutti i componenti delle nostre società. La promozione dell'uguaglianza a livello locale e regionale deve essere posta al centro di tutte le nostre attività di rappresentanti politici locali e regionali ".

Nella sessione plenaria odierna sono stati discussi due pareri collegati al pacchetto su Un'Unione dell'uguaglianza . Il primo riguarda la strategia sui diritti delle persone con disabilità , e sottolinea che la disabilità è associata a un maggiore rischio di povertà, esclusione e depressione. Il parere invoca l'inclusione sistematica delle persone con disabilità nei processi decisionali attraverso la collaborazione con le organizzazioni della società civile, le associazioni di persone con disabilità e i loro familiari. L'attuazione della strategia dovrebbe essere monitorata con indicatori efficaci per misurare e valutare l'impatto dell'inclusione sociale delle persone con disabilità.

" Sono convinta che Comuni e Regioni svolgano un ruolo fondamentale nelle politiche sociali e debbano essere messi in condizione di essere riconosciuti realmente dal cittadino come organi in grado di fornire risposte concrete e come primo supporto istituzionale alle necessità più immediate. Il parere si concentra su alcuni aspetti di particolare importanza per le persone con disabilità, che in Europa sono circa 80milioni: il lavoro, chiedendo politiche concrete di sostegno all’occupazione, incentivi per le imprese e investimenti nella formazione; l’accessibilità e l’abbattimento delle barriere architettoniche; e l’aspetto sanitario. C’è bisogno di una politica attenta ai 'caregiver' e bisogna tenere conto dell’impatto che l’assistenza alle persone disabili ha sul mondo del lavoro, soprattutto per quanto riguarda le donne, visto che sono proprio loro, in larghissima misura, a occuparsi dei figli e dei familiari con disabilità , ha dichiarato la relatrice Daniela Ballico (IT/ECR), sindaca di Ciampino.

Il secondo parere riguarda il piano dell'UE contro il razzismo e sottolinea il ruolo chiave degli enti locali e regionali nella lotta contro il razzismo e i reati generati dall'odio, nella protezione dei gruppi vulnerabili e delle minoranze e nella promozione dell'inclusione sociale. Gli enti locali e regionali dovrebbero pertanto essere riconosciuti in quanto partner strategici nell'elaborazione, nell'attuazione e nel monitoraggio dei pertinenti piani d'azione nazionali, che dovrebbero essere integrati da quelli locali e regionali al fine di contrastare meglio il razzismo a livello locale.

" Un'Unione dell'uguaglianza è un'Unione di cui tutti possiamo essere orgogliosi, un'Unione che dia a tutti i suoi cittadini la possibilità di realizzarsi. La lotta al razzismo, sia strutturale che individuale, rappresenta una priorità assoluta perché si tratta di un fenomeno profondamente radicato in tutti gli Stati membri dell'UE. Per affrontarlo efficacemente, gli enti locali e regionali devono essere riconosciuti come partner strategici nell'elaborazione, nell'attuazione e nel monitoraggio di tutte le azioni contro il razzismo ", ha dichiarato la relatrice Yoomi Renström (SE/PSE), presidente del consiglio comunale di Ovanåker.

Il risultato della votazione sulle due opinioni sarà reso noto al termine della plenaria del CdR, il 7 maggio.

Il CdR ha già adottato pareri sulla strategia dell'UE per la parità di genere e sul quadro strategico per i Rom . Il parere sulla strategia LGBTIQ è stato discusso in seno alla commissione Politica sociale, istruzione e occupazione del CdR in aprile e sarà adottato nella sessione plenaria di ottobre.

Contatti stampa:

Lauri Ouvinen

Tel. +32 473536887

lauri.ouvinen@cor.europa.eu

Share: