Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
I leader locali offrono il loro sostegno alla campagna di vaccinazione e chiedono nuove misure entro l'estate per proteggere le economie regionali  

In un dibattito con la commissaria europea per la Salute, i membri del CdR chiedono una revisione delle competenze dell'UE in materia di salute e un ruolo più incisivo per gli enti locali sulla base delle loro responsabilità

Gli enti locali e regionali dell'UE avvertono che la mancata apertura delle frontiere entro l'estate avrebbe conseguenze catastrofiche sulle economie regionali. In un dibattito con la commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides , i membri del Comitato europeo delle regioni (CdR) hanno affermato che l'UE e i suoi Stati membri si sono adoperati per fare avanzare la campagna di vaccinazione, evitando un conflitto tra Stati membri per i vaccini, ma l'assenza di un chiaro quadro giuridico dell'UE ha portato a errori che devono essere evitati in futuro. I membri del CdR hanno offerto sostegno per contrastare la sfiducia nei confronti dei vaccini e accelerare la loro somministrazione, aggiungendo che i certificati di vaccinazione sono un passo nella giusta direzione, ma non dovrebbero essere considerati come una soluzione miracolosa.

La presenza della commissaria Kyriakides, che ha pronunciato un intervento durante la plenaria di marzo del CdR, ha offerto l'opportunità di discutere dell'attuale ripartizione delle competenze in materia sanitaria tra l'UE e i livelli di governo nazionale, regionale e locale. I membri del CdR hanno chiesto che, nel contesto della Conferenza sul futuro dell'Europa , tali competenze vengano riconsiderate, alla luce delle lacune riscontrate nella risposta alla pandemia di COVID-19, al fine di aumentare la preparazione e il coordinamento tra tutti gli attori. Essi hanno invitato l'UE e gli Stati membri a garantire che si tenga pienamente conto del ruolo significativo svolto durante le crisi sanitarie dagli enti locali e regionali, che sono un elemento essenziale per lo sviluppo di sistemi sanitari più resilienti ed efficaci in tutta Europa. Il CdR ha espresso la propria disponibilità a partecipare al dibattito riguardante l'Unione della salute, sulla base delle competenze giuridiche degli enti regionali e locali e delle responsabilità politiche dei leader regionali e locali.

Nel suo intervento di apertura, il Presidente del CdR e della regione della Macedonia centrale Apostolos Tzitzikostas , ha dichiarato: " Senza solidarietà avremmo avuto un conflitto europeo per i vaccini, che avrebbe lasciato indietro numerosi paesi, regioni e città. Ma i cittadini vogliono un ritorno alla normalità e dobbiamo aprire l'Europa in tutta sicurezza per l'estate. Un certificato di vaccinazione contro la COVID-19 per viaggiare è un passo in avanti, anche se da solo non rappresenta una soluzione miracolosa. Questa terribile malattia ha dimostrato che abbiamo bisogno di più Europa nel settore della salute per essere meglio preparati in futuro, e che tutti i livelli di governo, da quello internazionale a quello locale e regionale, hanno un ruolo fondamentale. Il nostro Comitato è pronto a discutere l'Unione della salute, sulla base delle nostre competenze locali e regionali, in linea con i principi guida dell'UE: sussidiarietà e proporzionalità. Solo insieme possiamo fare di meglio e ottenere risultati più rapidi. Investendo di maggiori responsabilità i governi locali e regionali possiamo dare vigore a una campagna di vaccinazione che stenta ad avanzare, e gettare le basi per ulteriori aperture delle frontiere in vista dell'estate ".

La commissaria Kyriakides e i membri del CdR hanno inoltre discusso il pacchetto di misure in materia di salute elaborato dall'inizio della pandemia, il programma UE per la salute (EU4Health) , la direttiva sull' assistenza sanitaria transfrontaliera e un sistema per la gestione delle emergenze sanitarie. Lo scorso ottobre il CdR ha formulato le sue raccomandazioni su tutti e tre i temi.

Birgitta Sacrédeus (SE/PPE), membro del consiglio della contea di Dalarna e relatrice del CdR sul tema Meccanismo dell'UE per le emergenze sanitarie ha affermato: " Suscita grande soddisfazione vedere che la richiesta avanzata dal CdR, di un meccanismo dell'UE per le emergenze sanitarie, si sta concretizzando in una Autorità dell'UE per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie . La resilienza dipende dalla preparazione e, a tal fine, abbiamo bisogno di efficaci strutture di cooperazione e di linee di comunicazione consolidate. Sono convinta che la nuova autorità europea potrà aiutare i piccoli comuni, le città e le regioni a far fronte alle pandemie future e a devastazioni come quelle registrate lo scorso anno. Ma dobbiamo garantire che si tenga pienamente conto del ruolo determinante degli enti locali e regionali nelle situazioni di crisi ".

In una dichiarazione rilasciata prima della plenaria e riguardante il programma UE per la salute , adottato dal Parlamento europeo il 9 marzo scorso, la relatrice del CdR Nathalie Sarrabezolles (FR/PSE), presidente del consiglio dipartimentale del Finistère, ha affermato: " I 5,1 miliardi di euro del programma UE per la salute serviranno a contrastare le disuguaglianze sanitarie, garantire che la medicina sia economicamente accessibile, rafforzare i nostri sistemi sanitari e accrescere la cooperazione tra i paesi. I leader locali e regionali si sono battuti energicamente per garantire finanziamenti adeguati e, con il nostro sostegno, il Parlamento europeo è riuscito a superare la pericolosa e ingiustificata riluttanza degli Stati membri a fornire finanziamenti adeguati per la programmazione e il sostegno a livello dell'UE. Continueremo a chiedere più attenzione e sostegno per lavoro svolto dalle regioni e dalle città nell'assistenza sanitaria "

Karsten Uno Petersen (DK/PSE), consigliere regionale della Danimarca meridionale e relatore del CdR sul tema della Assistenza sanitaria transfrontaliera , ha detto: " La possibilità di fruire di assistenza sanitaria in un altro paese ha permesso di salvare vite umane in questa crisi. Sono quindi lieto che la risposta sanitaria a lungo termine dell'UE, il programma UE per la salute, riconosca che la cooperazione transfrontaliera ha un grande potenziale per aumentare l'efficienza dei sistemi sanitari. Dobbiamo ora garantire che gli Stati membri e il Parlamento europeo traducano questo riconoscimento in azione, semplificando l'accesso all'assistenza sanitaria in occasione della revisione della direttiva sull'assistenza sanitaria transfrontaliera ".

Contesto

Relazioni e studi del CdR:

Esperienze locali:

Contatto stampa:

Andrew Gardner

+32 473 943 981

andrew.gardner@cor.europa.eu

Share: