Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Leader locali in prima linea per difendere e migliorare la politica di coesione UE  

La funzione strategica del Fondo Sociale Europeo e i rischi della 'non-coesione' sono stati i principali punti discussi dai leader locali e regionali il 27 febbraio a Bruxelles. Nel corso della riunione della commissione Politica di coesione territoriale e bilancio dell'UE (COTER) del Comitato europeo delle regioni (CdR), i suoi membri hanno adottato due pareri che mettono l'accento sulla necessità di una forte politica di coesione dopo il 2020.

La dimensione sociale della politica di coesione nel quadro del Fondo sociale europeo (FSE) è stata al centro le lavoro di Catiuscia Marini (IT/PSE), presidente della regione Umbria e relatrice del parere del CdR sul tema " Revisione intermedia del Fondo Sociale Europeo (FSE) per il periodo successivo al 2020 ".

" L'FSE è l'unico strumento dell'UE rivolto direttamente ai cittadini. Dal 2007 al 2014, grazie al supporto dell'FSE 9,4 milioni di cittadini europei hanno trovato un lavoro e 8,7 milioni hanno ottenuto una qualificazione professionale. In particolare negli ultimi anni, durante la crisi economica, esso ha dimostrato adeguata flessibilità nel rispondere alle sfide poste ed è intervenuto a favore dei gruppi più vulnerabili ed esposti, quali i diversamente abili, le donne, i giovani, i lavoratori con basso livello di qualificazione ", ha dichiarato Catiuscia Marini .

Per affrontare sfide attuali come le evoluzioni tecnologiche e la globalizzazione, l'FSE deve rimanere una componente fondamentale della politica regionale di coesione e restare un Fondo a gestione condivisa da parte dei diversi livelli di governo. La relatrice rigetta decisamente ogni proposta tesa a ricondurre l'FSE ad un modello di gestione diretta da parte della Commissione europea, come pure rifiuta ogni ipotesi di centralizzazione sotto l'esclusiva responsabilità degli Stati membri, ritenendo che " un importante fattore di successo nell'attuazione dell'FSE sia rappresentato proprio dall'approccio bottom-up, che consente di meglio adattare gli interventi ai bisogni dei beneficiari, applicando il metodo del partenariato tra istituzioni europee, Stati membri, governi regionali e locali e forze economiche e sociali del territorio ."

In generale, la missione della politica di coesione è quella di assicurare delle condizioni uniformi per tutti i cittadini dell'UE, soprattutto quelli dei territori meno sviluppati, che consentano loro di beneficiare dei vantaggi offerti dall'integrazione europea e dal mercato unico. I costi della "non coesione" sarebbero pesanti, perché essa non è solo un presupposto fondamentale della crescita economica, ma anche una solida base per il benessere della società in senso lato, nozione in cui rientrano la fiducia dei cittadini e la legittimità politica dell'UE, afferma Mieczysław Struk (PL/PPE), presidente della regione Pomerania, nel suo progetto di parere " I costi e i rischi della non-coesione: il valore strategico della politica di coesione per perseguire gli obiettivi del Trattato e far fronte alle nuove sfide per le regioni europee ".

Nel corso della riunione sono stati discussi altre temi politici collegati alla politica di coesione, più precisamente " Rafforzare la crescita e la coesione nelle regioni frontaliere dell'UE ", " Esame dell'attuazione dell'agenda urbana per l'UE " e " Mobilità a basse emissioni: manteniamo gli impegni". Il CdR adotterà pareri su queste sfide emergenti nel corso del 2018.

Nota per la stampa:

*Il Fondo sociale europeo (FSE) è il principale strumento a sostegno delle politiche dell'UE in materia di occupazione. Esso promuove la piena occupazione, mira a migliorare la produttività del lavoro e le pari opportunità, favorisce l'inclusione sociale e riduce le disparità nel tasso di occupazione tra le città e regioni europee e al loro interno.

Per difendere le politiche di coesione dopo il 2020, il Comitato Europeo delle Regioni ha lanciato l'Alleanza per la Coesione , sostenuta da migliaia tra regioni, città, enti locali, università, associazioni, sindacati e privati cittadini in tutta Europa.

Contatto stampa:

Carmen Schmidle

Tel. +32 (0)494 735787

carmen.schmidle@cor.europa.eu