Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
I leader locali e il com missario dell'UE Oettinger: adottare il bilancio dell'UE prima delle elezioni europee per garantire la continuità degli investimenti  

Nel corso di un dibattito svoltosi al Comitato europeo delle regioni a Bruxelles, gli esponenti politici regionali e locali e il commissario europeo al Bilancio, Gunther Oettinger, hanno chiesto che un accordo sul nuovo quadro finanziario pluriennale (QFP), che stabilisce i massimali annui di spesa per tutte le politiche dell'UE per il periodo 2021-2027, sia raggiunto prima delle prossime elezioni europee del 2019, al fine di garantire la continuità del sostegno dell'UE per i cittadini e le imprese.

I leader locali e regionali dell'UE appoggiano gli sforzi della Commissione europea volti ad aumentare gli investimenti nel settore dell'istruzione, della ricerca, della gioventù e della migrazione, nonché le misure proposte per ridurre la dipendenza del bilancio dell'UE dai contributi finanziari degli Stati membri. Al tempo stesso, i rappresentanti delle regioni e delle città sottolineano che la proposta di una riduzione del 10 % per la politica di coesione comprometterà la loro capacità di affrontare le disparità e di promuovere l'innovazione in tutte le comunità locali dell'Unione.

I leader locali e regionali dell'UE hanno evidenziato, oltre alla necessità di disporre di finanziamenti adeguati, l'esigenza di definire in modo appropriato il ruolo delle regioni e delle città europee nell'attuazione della prossima generazione di tutte le politiche dell'UE, al fine di migliorare le sinergie e l'impatto di queste politiche. In questa prospettiva, un passo fondamentale sarà costituito dalle proposte della Commissione europea relative ai nuovi regolamenti sui fondi dell'UE, che si prevede saranno pubblicate tra la fine di maggio e l'inizio di giugno.

Il Presidente del Comitato europeo delle regioni, Karl-Heinz Lambertz, ha osservato che "Le priorità definite nel progetto di bilancio dell'UE sono quelle giuste, ma ciò che serve davvero è un bilancio dell'UE più consistente per un futuro dell'UE più ambizioso ed è per questo che il nostro Comitato chiede un aumento all'1,3 % dell'RNL dell'UE a 27. È un dato di fatto che l'Europa deve affrontare nuove sfide, come la migrazione e la difesa, ma ciò non deve avvenire a scapito della politica di coesione dell'UE. Fondamentalmente, si tratterà ora di vedere come i fondi saranno gestiti e di garantire che un accordo sia raggiunto presto affinché gli enti locali e regionali possano pianificare per il futuro . "

Il commissario Oettinger ha preso atto delle preoccupazioni delle regioni e ha invitato i leader locali a mobilitarsi presso i loro governi nazionali al fine di garantire il sostegno per un bilancio dell'UE adeguato, invitando anche i membri del CdR a leggere le proposte della Commissione con la dovuta attenzione ai nuovi programmi: "I fondi di coesione sono importanti, ma non sono gli unici. Vi è la ricerca, che è realizzata anche nelle regioni, la protezione delle frontiere, per esempio, e la migrazione. Il raddoppio dei fondi per Erasmus +, è un'azione che riguarda i vostri figli, non i figli della Commissione! Così, quando fate i vostri calcoli, non mettete nel conto solo i fondi strutturali, ma considerate altri programmi che sono anch'essi significativi e importanti nella vostra attività quotidiana."

Nota per la stampa

ALLEANZA PER LA COESIONE

Per difendere l'idea di una politica di coesione più forte dopo il 2020, il CdR, insieme con importanti associazioni territoriali dell'UE, ha lanciato #CohesionAlliance (Alleanza per la coesione), un movimento di base aperto a tutti coloro che pensano che la politica di coesione dell'UE debba continuare a essere un pilastro del futuro dell'Unione. Sin dal suo lancio nell'ottobre scorso, l'Alleanza ha continuato ad attrarre ogni giorno nuove adesioni, e tra queste si contano quelle di enti regionali e locali, associazioni imprenditoriali, istituzioni accademiche, sindacati e gruppi di riflessione.

Maggiori informazioni sulle iniziative, le dichiarazioni e i documenti di sintesi della #CohesionAlliance sono disponibili all'indirizzo: https://cohesionalliance.eu.

Ordine del giorno della sessione plenaria di maggio del CdR

Contatto stampa:

Pierluigi Boda

Tel. +32 2 282 2461

Cell. +32 473 85 17 43

pierluigi.boda@cor.europa.eu

Condividi: