Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
I leader locali e regionali plaudono alla decisione dell'UE di avviare i negoziati di adesione con la Macedonia del Nord e l'Albania  

La decisione dell'Unione europea di avviare i negoziati di adesione con la Macedonia del Nord e l'Albania è la decisione giusta per l'UE e rappresenta un'eccellente opportunità per i Balcani occidentali. Così hanno dichiarato i leader del Comitato europeo delle regioni il 25 marzo, dopo che gli Stati membri dell'UE hanno formalmente invitato i due paesi al tavolo dei negoziati.

Mark Speich , sottosegretario del Land Renania settentrionale-Vestfalia agli Affari federali, europei e internazionali e presidente della commissione Relazioni esterne del CdR, ha ribadito il messaggio che il Comitato europeo delle regioni (CdR) ripete da tempo sull'importanza di preparare le regioni e le città albanesi e della Macedonia del Nord all'adesione all'UE: "Ho accolto con vivo favore l'apertura dei negoziati di adesione all'UE con la Macedonia del Nord e con l'Albania. Il Comitato europeo delle regioni invocava questa importante decisione da anni, ed entrambi i paesi hanno intrapreso importanti riforme. L'avvio dei negoziati di adesione rispecchia l'impegno a favore di un programma comune di relazioni più profonde basate sulla cooperazione e sui valori europei. Si tratta della decisione giusta per l'UE e di un'eccellente opportunità per l'intera regione dei Balcani occidentali di rinnovare il suo processo di riforme. Dare un segno di speranza ai Balcani occidentali è doppiamente importante in questi tempi difficili, con una pandemia mondiale che causa incertezza economica in tutta Europa".

Il CdR opera di concerto con gli enti regionali e locali di entrambi i paesi da oltre dieci anni, affrontando le sfide politiche e collaborando su questioni amministrative di particolare interesse per loro, come la gestione dei rifiuti.

"Si tratta di una decisione positiva e lungamente attesa in tempi difficili, a dimostrare che l'UE mantiene viva la sua politica di allargamento nonostante questa situazione senza precedenti", ha affermato Jasna Gabrič (SI/Renew Europe), sindaca di Trbovlje e copresidente del comitato consultivo misto per la Macedonia del Nord. "In questo momento di crisi, infatti, siamo ancora più fermi nella nostra solidarietà con la regione dei Balcani occidentali".

Le ha fatto eco Nikola Dobroslavić (HR/PPE), presidente della provincia di Dubrovnik-Neretva e del gruppo di lavoro del CdR per i Balcani occidentali, che si è occupato delle relazioni con l'Albania: "I cittadini della Macedonia del Nord e dell'Albania sanno già che aderire all'UE non è facile, tuttavia venendo da un paese che ha aderito solo di recente come la Croazia so bene quanto sia importante fare parte di un club e sviluppare buone relazioni di cooperazione con gli altri paesi d'Europa. Per questo dico loro: continuate così e sarete ricompensati. Il processo di riforme dovrebbe rafforzare la vostra democrazia, le vostre economie e la vostra resilienza. Lavorate insieme e investite nella democrazia locale".

Il CdR intrattiene contatti politici e rapporti di lavoro anche con altri candidati e potenziali candidati all'adesione all'Unione europea. Ogni anno i politici degli enti locali e regionali dell'UE incontrano i loro omologhi di tutti i paesi dei Balcani occidentali e della Turchia in occasione della Giornata dell'allargamento organizzata dal CdR.

Contatti stampa:

Andrew Gardner

Tel. +32 473 843 981

andrew.gardner@cor.europa.eu