Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
I leader delle amministrazioni locali chiedono che le politiche dell'UE offrano maggiore sostegno alla pastorizia al fine di preservare un tessuto rurale dinamico  

Il Comitato europeo delle regioni, su iniziativa di Jacques Blanc (FR/PPE), sindaco di La Canourgue, ha adottato all'unanimità il parere sulla pastorizia nella sessione plenaria di ottobre. "Il mantenimento dell'attività pastorizia è essenziale per conservare l'agricoltura in tutti i territori allo scopo di preservare un tessuto rurale dinamico, ma anche per conseguire i nostri obiettivi ambientali e climatici", sottolineano i leader delle amministrazioni locali. Il mantenimento dell'attività pastorizia consente inoltre di sviluppare il turismo nelle zone rurali e di combattere gli incendi e le valanghe. È pertanto indispensabile che non solo la politica agricola comune (PAC) ma anche le politiche ambientali e sociali tengano maggiormente conto delle attività legate alla pastorizia.

"L'attuale PAC favorisce i pascoli seminati e il pascolo grasso rispetto alla gariga, alla macchia o alle aree boschive di montagna, il che mette a rischio l'allevamento in molte regioni. È urgente riorientare il sostegno della PAC verso l'allevamento estensivo e riconoscere le superfici adibite a pascolo con una componente lignea come superfici di produzione agricola ammissibili ai diritti all'aiuto nell'ambito del regime di pagamento di base", ha sottolineato Jacques Blanc. Il CdR chiede che l'indicazione "latte, formaggio e carne di pascolo" sia riservata ai prodotti che garantiscano che l'alimentazione degli animali proviene per oltre l'80 % dai pascoli nei limiti consentiti dalla stagione di pascolo.

In molti paesi europei in cui le popolazioni di grandi carnivori sono in aumento, le attività legate alla pastorizia sono a forte rischio. Infatti, le perdite provocate dai grandi predatori sono molto significative e in crescita. Il CdR chiede alla Commissione di valutare la necessità di rivedere la direttiva Habitat in base alla prossima relazione sullo stato della natura nel 2020, tenendo conto dei risultati del piano d'azione per la natura, i cittadini e l'economia e dello stato di conservazione delle diverse specie e dei differenti habitat. Chiede inoltre che la strategia a favore della biodiversità si basi su un nuovo fondo specifico per la conservazione delle specie. "Tale fondo dovrebbe coprire il risarcimento dei danni causati dai grandi carnivori, il cui costo è in forte aumento, e assicurare la protezione del bestiame, impegnando potenzialmente una parte sempre più importante del FEASR, il cui bilancio si sta tuttavia riducendo significativamente", ha precisato Jacques Blanc.

I responsabili locali chiedono che il Fondo sociale europeo promuova le professioni o i lavori legati alla pastorizia.

Contatti stampa:

Wioletta Wojewódzka

Tel. +32 22822289

+32 473843986

wioletta.wojewodzka@cor.europa.eu