Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Rafforzare la mobilità sostenibile e intelligente per le città e le aree metropolitane  

Nella sessione plenaria di dicembre del Comitato europeo delle regioni, le città e le regioni hanno adottato le loro proposte per migliorare i trasporti pubblici nelle città e nelle regioni metropolitane. Nel parere elaborato da Adam Struzik (PL/PPE), presidente della regione della Masovia, il CdR mette in evidenza le sfide poste dall'aumento del traffico automobilistico nelle città e nelle aree metropolitane e chiede soluzioni di mobilità sostenibile e intelligente.

I trasporti sono all'origine di circa un quarto delle emissioni di gas a effetto serra nell'UE e alcune modalità di trasporto hanno un impatto negativo sulla qualità della vita e sulla salute delle persone a causa dell'inquinamento atmosferico, della congestione del traffico, del rumore, degli incidenti e delle modalità di utilizzo dello spazio pubblico. D'altro canto, la natura delle regioni metropolitane impone ai cittadini di spostarsi dalle aree periurbane ai centri urbani, il che rende necessaria la transizione verso una mobilità rispettosa dell'ambiente e implica che un trasporto pubblico efficiente sotto il profilo dei costi debba essere al centro di tale trasformazione.

" Le città moderne si basano su trasporti pubblici ben organizzati e gestiti in modo efficiente, che sono fondamentali per il loro sviluppo. Abbiamo bisogno di soluzioni alternative e sostenibili al trasporto individuale motorizzato, i cui costi effettivi sono attualmente notevolmente sottovalutati. Allo stesso tempo, dobbiamo tenere conto dell'inversione di tendenza nell'uso dei mezzi pubblici dovuta alla pandemia di COVID-19. Pertanto, dobbiamo investire in soluzioni innovative e imparare dalla situazione attuale per sviluppare sistemi di trasporto pubblico resilienti che rappresentino una scelta sicura ed equa per l'attuale crisi e per qualsiasi possibile crisi futura ", ha dichiarato Adam Struzik , presidente della regione della Masovia.

Il relatore invita la Commissione europea a mettere a disposizione risorse e a fornire sostegno non solo per nuovi investimenti nell'organizzazione dei trasporti pubblici urbani e nelle infrastrutture per la mobilità non motorizzata, ma anche per la rielaborazione di soluzioni obsolete e inefficienti. Il meccanismo per collegare l'Europa, il Fondo per la modernizzazione, il dispositivo per la ripresa e la resilienza e il Fondo per una transizione giusta devono apportare la loro quota di investimenti nella mobilità urbana sostenibile aiutando le città e le aree metropolitane a conseguire la decarbonizzazione di tutte le tipologie di trasporto e garantendo una ripartizione modale più sostenibile.

Il relatore sottolinea inoltre l'importanza di trovare soluzioni per soddisfare le esigenze di trasporto dei cittadini, riducendo nel contempo il loro bisogno di spostarsi e le conseguenze negative che esso comporta. Una stretta cooperazione in materia di trasporti e pianificazione territoriale può garantire che, in una rete di centri adeguatamente dimensionati, i cittadini possano accedere a tutti i tipi di beni e servizi, in particolare nei settori della salute, dell'istruzione, dello sport, della cultura e del sostegno sociale. Il relatore chiede inoltre sistemi di trasporto pubblico integrati affidabili che colleghino le zone rurali, periurbane e urbane, in particolare per i pendolari, gli anziani e i giovani.

" Le autorità regionali hanno un ruolo particolare da svolgere nell'efficienza dei trasporti pubblici e nell'integrazione delle città e delle aree metropolitane con le zone rurali, attraverso una pianificazione moderna e il finanziamento dei trasporti pubblici. In questo contesto rivestono inoltre un ruolo fondamentale i finanziamenti esterni provenienti dai fondi di coesione dell'UE, nonché da altri strumenti che finanziano gli investimenti nel settore dei trasporti, in particolare il Fondo per una transizione giusta, che fa parte del Green Deal europeo ", dichiara ancora Struzik.

Secondo il relatore, le città e le aree metropolitane avranno bisogno di decisioni strategiche basate sul lavoro concettuale, organizzativo ed educativo, e dovranno disporre di risorse finanziarie adeguate per conseguire i loro obiettivi di decarbonizzazione. Cambiare le abitudini sociali verso una quota maggiore di trasporti meno dannosi per l'ambiente richiede la consapevolezza degli utenti e, soprattutto, una reale possibilità di scelta.

Intervista ad Adam Struzik : I trasporti pubblici dopo la COVID - La necessità di soluzioni innovative e sicure per la crisi attuale e le possibili crisi del futuro .

Contatto per la stampa

Carmen Schmidle

Tel. + +32 (0)494 735787

carmen.schmidle@cor.europa.eu