Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Una forte centralizzazione rischia di allontanare la nuova politica agricola comune dalle esigenze dei cittadini e delle imprese  

Ora che il dibattito sulla futura PAC entra nella fase di trilogo, il Comitato europeo delle regioni chiede al Consiglio e alla Commissione di mantenere il ruolo delle regioni in linea con la posizione del Parlamento europeo in merito alla governance della PAC.

In due lettere indirizzate rispettivamente a Maria do Céu Antunes , ministra dell'Agricoltura del Portogallo, che esercita la presidenza di turno del Consiglio, e Janusz Wojciechowski , commissario per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale, il Comitato europeo delle regioni (CdR) chiede ai colegislatori di garantire un approccio europeo globale e comune alla governance degli interventi regionali nella futura politica agricola comune (PAC). Le lettere sono state inviate prima della riunione del Consiglio Agricoltura (26 aprile) e in vista di un nuovo ciclo di negoziati tra le istituzioni dell'Unione europea sulla futura PAC. Alle richieste del CdR si sono unite AgriRegions, AREFLH, AREPO e Euromontana.

Il regolamento sui piani strategici della PAC definirà la governance della futura PAC nel quadro del nuovo modello di attuazione. Il Comitato europeo delle regioni ha ripetutamente espresso i propri timori circa la mancanza di una visione comune sul ruolo degli enti regionali nella governance della futura PAC. Nelle lettere, firmate congiuntamente dal Presidente del CdR Apostolos Tzitzikostas e dalla presidente della commissione Risorse naturali del CdR Ulrika Landergren (SE/RE), il CdR chiede che le regioni europee svolgano un ruolo di primo piano nella gestione della PAC e che l'attuazione sia mantenuta e persino rafforzata, in particolare per il secondo pilastro, in modo che le scelte politiche possano essere modulate a livello locale.

" Oggi molti enti regionali esercitano le responsabilità di autorità di gestione dei programmi regionali di sviluppo rurale. Queste disposizioni hanno consentito agli enti regionali di adeguare le misure di sviluppo rurale alle esigenze locali ", ha sottolineato Guillaume Cros (FR/Verdi), vicepresidente della regione Occitania e relatore del CdR per il parere sulla riforma della PAC. Il CdR teme che la nuova governance proposta possa compromettere tutti i risultati raggiunti.

La coalizione delle regioni agricole europee (AgriRegions), l'assemblea delle regioni orto-frutticole europee (AREFLH), l'associazione delle regioni europee per i prodotti di origine (AREPO) e l'associazione europea per la cooperazione e lo sviluppo dei territori montani (Euromontana), che insieme rappresentano oltre 30 regioni di nove Stati membri, si sono dette preoccupate e si sono unite alla richiesta di un maggiore riconoscimento del ruolo delle regioni europee nell'elaborazione, nella gestione e nell'attuazione dei futuri piani strategici della PAC .

Secondo Loïg Chesnais-Girard (FR/PSE), presidente del consiglio regionale della Bretagna, regione che fa parte della coalizione AgriRegions , " si tratta di avvicinare l'Europa ai suoi cittadini. È essenziale che le regioni europee siano pienamente coinvolte nell'elaborazione dei futuri piani strategici della PAC, che il loro ruolo di autorità di gestione regionale sia riconosciuto nel regolamento e che possano continuare a dialogare con la Commissione europea, se necessario. In caso contrario, l'Europa rischia di perdere la ricchezza dell'esperienza gestionale maturata nel corso degli anni in molte regioni europee e i progressi compiuti nell'adattare la PAC, in particolare le misure di sviluppo rurale, alle esigenze locali ".

" Se la PAC deve rimanere comune in tutta Europa, deve anche poter essere adattata effettivamente alle esigenze e alle realtà locali ", ha spiegato Juan-Andrés Gutiérrez , membro del governo basco e presidente di Euromontana , aggiungendo che " mantenere le regioni europee fortemente coinvolte nell'elaborazione dei futuri piani strategici della PAC, come nei piani nazionali per la ripresa e la resilienza, è essenziale affinché i territori di montagna siano tenuti in maggiore considerazione ".

" La dimensione regionale sarà fondamentale se si vogliono realizzare gli obiettivi della nuova PAC e dei rispettivi piani strategici nazionali. Ora più che mai, gli obiettivi globali fissati dalla leadership a livello europeo e nazionale hanno bisogno delle conoscenze e delle competenze a livello locale, capaci di individuare e attuare le migliori strategie per adattare tali obiettivi in funzione dei diversi contesti locali. Senza il coinvolgimento attivo del livello regionale nella futura PAC, rischiamo che la politica agricola diventi più distante e astratta agli occhi dei diretti interessati, e il modello agricolo europeo potrebbe perdere le competenze e le buone pratiche necessarie per garantire realmente la sua adattabilità di fronte alle attuali sfide economiche e climatiche ", ha dichiarato Simona Caselli , ex assessora regionale all'Agricoltura, caccia e pesca della regione Emilia-Romagna e presidente di AREFHL .

" L'agricoltura e l'industria agroalimentare sono pilastri essenziali delle nostre economie regionali e sono radicate nella nostra cultura e nella nostra identità. La futura PAC deve mantenere una relazione diretta con il territorio rurale attraverso le regioni dell'UE, le quali svolgono un compito fondamentale per quanto riguarda la definizione e l'attuazione delle politiche di sviluppo agricolo e rurale a livello locale. Gli obiettivi della PAC possono essere realizzati soltanto attraverso la regionalizzazione della maggior parte degli strumenti della PAC ", ha sottolineato Eirini Choudetsanaki , consigliera regionale di Creta e presidente di AREPO .

In vista dell'entrata in fase di trilogo, il 30 aprile, del dibattito sul ruolo delle regioni nella futura PAC, i membri del CdR chiedono ai colegislatori di garantire un approccio europeo globale alla governance degli interventi regionali nella futura PAC. In particolare, chiedono l'introduzione di un ruolo chiaro per gli enti regionali nella gestione degli interventi di sviluppo rurale, come sostenuto dal Parlamento europeo nella sua risoluzione sulla politica agricola comune .

Dal Barometro regionale e locale , pubblicato dal Comitato europeo delle regioni nell'ottobre 2020, è emerso che il 33 % dei cittadini dell'UE vuole che le regioni e le città influiscano maggiormente sulla politica agricola e di sviluppo rurale dell'UE.

Contatto stampa:

Wioletta Wojewodzka

Tel. +32 473 843 986

wioletta.wojewodzka@cor.europa.eu

Share: