Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
I leader locali e regionali dell'UE chiedono la sospensione dei brevetti sui vaccini ‎ contro la COVID-19  

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) ha invitato l'Unione europea a sospendere temporaneamente i brevetti per i vaccini contro il virus della COVID-19, al fine di frenare la rapida diffusione della pandemia. Il CdR ha inoltre sollecitato un aumento della produzione in Europa e un'accelerazione della campagna di vaccinazione in tutto il continente.

Il CdR - l'assemblea degli enti locali e regionali dell'UE - è la prima istituzione europea a invocare la sospensione dei brevetti sui vaccini contro la COVID-19. La recente impennata delle infezioni in altri continenti ha fatto crescere le pressioni a favore della sospensione dei diritti di proprietà intellettuale al fine di aumentare al massimo la produzione di vaccini e garantire un accesso equo agli stessi.

Apostolos Tzitzikostas , Presidente del Comitato europeo delle regioni e presidente della Macedonia centrale, ha dichiarato: " L'assistenza sanitaria di base è un diritto umano fondamentale e oggi siamo di fronte alla più grave minaccia per la salute mondiale da generazioni. Non c'è spazio per un 'nazionalismo dei vaccini', e l'Unione europea deve continuare a dare l'esempio, proteggendo tutti i suoi cittadini senza lasciare indietro nessuna regione, città o territorio. Con il sostegno dei fondi dell'UE, gli scienziati, l'industria e le autorità di regolamentazione hanno svolto un lavoro eccellente trovando terapie efficaci in tempi brevi. L'Unione europea deve dimostrare di avere a cuore la solidarietà e i propri valori, garantendo una deroga temporanea ai brevetti per i vaccini contro la COVID-19 e incrementando la produzione di vaccini per aiutare tutte le comunità del mondo ".

Ximo Puig (ES/PSE), presidente della regione di Valencia, è stato il primo a chiedere la sospensione dei brevetti. Intervenendo alla sessione plenaria del CdR, ha dichiarato: " La pandemia non è ancora finita, e ha già mietuto più vittime delle battaglie di Verdun e di Stalingrado. Per porvi fine avremo bisogno ogni anno di miliardi di vaccini per l'intera popolazione mondiale. Per questo motivo l'Europa deve garantire che le grandi aziende farmaceutiche rispettino gli impegni che hanno assunto. Abbiamo bisogno di una maggiore capacità di produzione e distribuzione dei vaccini. A tal fine, ho proposto delle soluzioni alternative quali la sospensione temporanea dei brevetti, la compensazione finanziaria dei laboratori nel caso che si scelga la formula di licenza obbligatoria, oppure la necessità di una cooperazione interaziendale per incrementare la produzione. Non possiamo tornare indietro e impedire quanto è accaduto in passato sui campi di battaglia di Stalingrado o di Verdun, ma c'è ancora tempo per alleviare questa tragedia umana ".

La proposta è contenuta in una risoluzione sulla libera circolazione durante la pandemia di COVID-19 (certificato verde digitale) e sull'aumento della produzione di vaccini , che è stata adottata il 7 maggio. Secondo la risoluzione, " per aumentare la produzione di vaccini, l'Unione europea potrebbe esplorare nuove soluzioni, come la sospensione temporanea dei brevetti in materia di farmaci e tecnologie mediche per la cura o la prevenzione delle infezioni da COVID-19 ".

Il 5 maggio gli Stati Uniti hanno dichiarato che avrebbero avviato negoziati in seno all'Organizzazione mondiale del commercio per allentare le norme sui brevetti di cui beneficiano le aziende farmaceutiche. Il 6 maggio Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea, ha dichiarato che l'Unione europea è " pronta a discutere di qualsiasi proposta che affronti la crisi in modo efficace e pragmatico ".

Da un sondaggio commissionato dal Comitato europeo delle regioni lo scorso settembre è emerso che gli europei fanno affidamento più sugli enti regionali e locali che sull'UE o sui loro governi nazionali, e che la salute è il settore in cui gli europei vorrebbero che gli enti regionali e locali avessero maggiore influenza sulle decisioni prese al livello dell'UE.

Contatti stampa:

Andrew Gardner

Tel. +32 473 843 981

andrew.gardner@cor.europa.eu