Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
#EURegionsWeek mette la coesione al centro dell'Europa del futuro  
È iniziata a Bruxelles la 16ª edizione della Settimana europea delle regioni e delle città

All'insegna del motto "Il futuro dell'Europa sono i giovani, le regioni e le città - il futuro dell'Europa sono l'unità e la coesione", l'8 ottobre centinaia di leader locali e regionali e di alti esponenti dell'UE sono convenuti a Bruxelles per l'evento inaugurale della Settimana europea delle regioni e delle città . Il convegno annuale, organizzato congiuntamente dal Comitato europeo delle regioni (CdR) e dalla Commissione europea, è il più grande evento del mondo dedicato allo sviluppo regionale.

Avviata nel 1988, nell'arco di questi trent'anni la politica europea di coesione è diventata il principale strumento di investimenti dell'UE, aiutando città e regioni a creare posti di lavoro e crescita economica, a stimolare la competitività e lo sviluppo sostenibile e a migliorare la qualità di vita dei cittadini. Il suo obiettivo primario è colmare i divari tra le regioni dell'UE e all'interno di esse e contribuire così allo sviluppo armonioso dell'Unione e al benessere degli europei.

Nel suo intervento al convegno inaugurale, il Presidente del CdR Karl-Heinz Lambertz ha dichiarato che " investire nella coesione è molto di più che spendere denaro: significa tradurre in atto i nostri valori fondamentali, i valori dell'Europa. Attraverso la cooperazione tra l'UE e i governi nazionali, regionali e locali, la politica di coesione dimostra come i grandi problemi del 21° secolo possano essere superati soltanto lavorando insieme, in uno spirito di solidarietà. Tagliare i fondi destinati a questa politica sarebbe contrario agli obiettivi che l'UE si prefigge in materia di coesione territoriale, economica e sociale. Oggi più che mai, se vogliamo conquistare il cuore e la mente dei cittadini, abbiamo bisogno di una politica di coesione forte: senza coesione, non può esservi alcuna Unione ".

Da parte sua, il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha dichiarato che " oggi siamo qui riuniti per discutere del futuro delle nostre regioni e delle nostre città, ma in effetti è in larga misura del futuro della nostra Unione che stiamo parlando, dato che le due cose sono strettamente legate tra loro. Nel prossimo decennio, la Commissione continuerà ad aiutare le regioni e le città d'Europa a realizzare la transizione verso un'economia più innovativa e più verde, portatrice di occupazione, crescita e progresso sociale. La politica di coesione, uno degli esempi più concreti della solidarietà europea, svolgerà un ruolo cruciale in tal senso, al pari di Orizzonte Europa, di Erasmus+, di InvestEU e di tutti gli altri programmi e iniziative contemplati nella nostra proposta per il prossimo bilancio pluriennale dell'UE. Ma, affinché questo sostegno giunga tempestivamente alle regioni e alle città, è essenziale che si trovi un accordo su tale bilancio prima delle prossime elezioni europee ".

Nel suo intervento, la commissaria europea per la Politica regionale Corina Creţu si è detta orgogliosa " della proposta di una nuova politica di coesione - una politica semplificata, più moderna e flessibile - che abbiamo presentato nel maggio scorso ". " Tuttavia - ha aggiunto - rimane ancora molto lavoro da fare. Se vogliamo che i primi investimenti possano essere effettuati già nel 2021, dobbiamo iniziare adesso a pianificare i prossimi programmi. Oggi è la prima giornata della Settimana europea delle regioni e delle città, che offre a tutti noi una valida opportunità di discutere del futuro della politica di coesione, per cui vi presenterò una serie di proposte per aiutare gli Stati membri e le regioni a elaborare i loro programmi ."

Pavel Telička , vicepresidente del Parlamento europeo, ha dichiarato che " la politica di coesione è l'espressione più forte della solidarietà all'interno dell'Unione europea. Gli investimenti che essa consente di effettuare realizzano gli obiettivi di lungo termine dell'Unione. Pertanto, è importante massimizzare il potenziale di questa politica per il dopo 2020, accrescerne la flessibilità e il valore aggiunto così come la coerenza interna e quella con il processo del semestre europeo. Concentrandoci maggiormente su una valutazione costante ed obiettiva basata sugli indicatori di spesa e apportando le correzioni eventualmente necessarie, stimoleremo la crescita economica, creando nuove opportunità specialmente negli ambiti in cui si aprono prospettive per i cittadini, in ogni parte d'Europa. La Settimana europea delle regioni e delle città rappresenta una preziosa opportunità di discutere del futuro della politica di coesione con coloro che ne hanno acquisito sul campo una conoscenza e un'esperienza specifiche ."

Per addurre argomenti a favore di una politica di coesione più forte per tutti gli enti regionali e locali nel bilancio europeo per il dopo 2020, nella scorsa edizione della Settimana europea delle regioni e delle città il CdR - insieme ad alcune importanti associazioni di enti territoriali dell'UE - ha lanciato l'Alleanza per la coesione (#CohesionAlliance) , un movimento di base aperto a tutti coloro che pensano che la politica europea di coesione debba continuare a essere un pilastro del futuro dell'UE. Dal lancio dell'iniziativa ad oggi, la dichiarazione dell'Alleanza è stata sottoscritta da oltre 8000 sostenitori, tra i quali 114 regioni, 110 tra città ed altri enti locali, 45 associazioni di enti locali e regionali, 30 europarlamentari, 35 associazioni di categoria dell'UE e 141 altri partner istituzionali come università, centri di ricerca e gruppi europei di cooperazione territoriale (GECT). L'Alleanza è tuttora aperta a nuove adesioni e seguirà da vicino i negoziati interistituzionali attualmente in corso sul prossimo bilancio pluriennale dell'UE.

Qualche informazione di base

La Settimana europea delle regioni e delle città riunisce ogni anno migliaia di partecipanti - amministratori locali e regionali, esponenti delle istituzioni europee, studiosi ed esperti - offrendo loro l'opportunità di confrontarsi e scambiare opinioni sui diversi aspetti della politica di coesione nell'ambito di oltre 170 eventi - tra workshop, seminari, colloqui e incontri - distribuiti nell'arco di quattro giorni. L'edizione di quest'anno verte in particolare sulla necessità di una politica di coesione forte per il dopo 2020 al fine di superare le barriere strutturali, potenziare il capitale umano e migliorare la qualità della vita, nonché sulla gestione degli effetti prodotti a livello locale dalla globalizzazione, dalla trasformazione digitale e dai cambiamenti climatici e sulle strategie locali per i giovani, l'integrazione dei migranti e l'inclusione sociale.

È possibile scaricare gratuitamente immagini dell'evento e la registrazione degli interventi.

Contatti stampa:

Carmen Schmidle

Tel. +32 (0)494 735787

carmen.schmidle@cor.europa.eu