Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
I leader locali e regionali chiedono una ripresa verde e obiettivi climatici più ambiziosi in vista della COP 26  

I membri della commissione Ambiente, cambiamenti climatici ed energia (ENVE) del Comitato europeo delle regioni si sono riuniti il 26 marzo in modalità virtuale per discutere su come garantire una ripresa dalla crisi COVID-19 che sia verde e inclusiva, e porti alla definizione di obiettivi climatici più ambiziosi in vista del vertice delle Nazioni Unite sul clima che si terrà a Glasgow il prossimo novembre (COP 26). Nel corso della riunione sono stati presentati quattro progetti di parere sui seguenti temi: sostanze chimiche sicure e sostenibili per un ambiente privo di sostanze tossiche, strategia dell'UE per l'integrazione del sistema energetico, protezione dell'ambiente marino e un traguardo climatico 2030 più ambizioso per l'Europa in vista della COP 26 .

In apertura della riunione Juan Espadas (ES/PSE) , sindaco di Siviglia e presidente della commissione ENVE e del gruppo di lavoro Green Deal a livello locale del CdR, ha dichiarato: " In vista della COP 26, l'Unione europea non deve soltanto dare un chiaro esempio definendo traguardi climatici che permettano di conseguire la neutralità climatica entro il 2050, ma deve anche fornire soluzioni concrete per coinvolgere adeguatamente gli enti locali e regionali. La dichiarazione di Edimburgo sulla biodiversità dimostra che questo percorso è possibile, e spero che riusciremo ad ottenere un coinvolgimento analogo delle città e delle regioni per la COP di Glasgow. Senza gli enti locali e regionali la transizione climatica non è possibile, per cui occorre tenere pienamente conto del loro ruolo " .

Durante riunione si è tenuto un dibattito su come garantire una ripresa verde dalla crisi causata dalla COVID-19, al quale ha partecipato Amaia Barredo del governo dei Paesi baschi, che presiede attualmente Regions4 , la rete dei governi regionali per lo sviluppo sostenibile. Sono intervenuti anche Arno Bonte , vicesindaco di Rotterdam e membro dell' ICLEI , ed Eulalia Rubio , dell' Istituto Jacques Delors .

I membri hanno discusso dell'azione globale per il clima con Maria Spyraki (EL/PPE) , deputata europea copresidente dell'intergruppo Cambiamento climatico, biodiversità e sviluppo sostenibile, James Grabert , direttore responsabile della mitigazione e direttore facente funzione della comunicazione e della partecipazione presso l' UNFCCC , Kirsten Dunlop , amministratrice delegata di Climate-KIC , e Dimitrios Zevgolis , vicecapo dell'unità Relazioni internazionali e della delegazione dell'UE alla Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, DG CLIMA della Commissione europea.

I membri hanno votato a favore dell'accordo di cooperazione rafforzata tra il CdR e la Direzione Generale Energia ( DG ENER ) della Commissione europea, che stabilisce misure comuni per garantire un'attuazione efficace dell'iniziativa " ondata di ristrutturazioni " (Renovation Wave) .

I membri della commissione ENVE hanno discusso dei seguenti progetti di parere:

Un traguardo climatico 2030 più ambizioso per l'Europa in vista della COP 26 : il relatore Vincent Chauvet (FR/RE) , sindaco di Autun, ha dichiarato: " Il mio obiettivo principale è raggiungere un equilibrio tra l'ambizioso traguardo climatico dell'UE per il 2030 e i risultati che le città e le regioni sono in grado di ottenere oggi. Non si tratta tuttavia di un fine in sé: sto cercando di individuare quello che bisogna fare per dare il via ad un'ondata di cambiamenti in tutta Europa, esportare questo ingrediente segreto e chiedere un ruolo formale per le città e le regioni e i loro contributi alla COP 26 " .

Energia per un'economia climaticamente neutra: strategia dell'UE per l'integrazione del sistema energetico : questo è il titolo di un progetto di parere elaborato da Gunārs Ansiņš (LV/RE) , vicesindaco di Liepāja, il quale ha dichiarato che " la strategia di integrazione energetica dell'UE è fondamentale per la ripresa economica degli enti locali e regionali, in particolare a seguito della crisi della pandemia di COVID-19. È importante che l'efficienza energetica diventi un obiettivo fondamentale degli enti locali e regionali. Allo stesso modo, un sistema integrato può contribuire ad aumentare l'efficienza energetica di tali enti, in quanto le risorse disponibili verrebbero impiegate per passare a tecnologie energetiche più efficienti " .

Adam Struzik (PL/PPE) è il relatore del progetto di parere sul tema Sostanze chimiche sicure e sostenibili per un ambiente privo di sostanze tossiche nelle città e nelle regioni d'Europa . Il relatore, presidente della regione Masovia, ha dichiarato: " La strategia in materia di sostanze chimiche sostenibili è un elemento importante di una politica economica basata su soluzioni verdi, e gli effetti della sua realizzazione sono attesi tanto dalle regioni quanto dalla società in generale. Nel parere vogliamo evidenziare il ruolo delle regioni nel processo di attuazione, con una particolare attenzione per la salute dei abitanti e per l'ambiente. La strategia offre l'opportunità di accrescere la competitività attraverso l'innovazione ".

Emma Nohrén (SE/Verdi) , relatrice del progetto di parere del CdR sul tema Gli enti locali e regionali e la protezione dell'ambiente marino , ha dichiarato: " Abbandonando gli oceani al loro destino uccidiamo il nostro pianeta. Abbiamo già perso del tempo prezioso senza riuscire a migliorare la situazione dei mari dell'UE sul piano ambientale. Ora è il momento di agire: liberare l'enorme potenziale dei comuni e delle regioni dell'UE spalancherebbe le porte ad azioni concrete per ripristinare lo stato di salute dei nostri mari " .

Altre informazioni:

Il Green Deal a livello locale ( Green Deal Going Local - GDGL) è l'iniziativa del CdR intesa a porre le città e le regioni al centro del Green Deal europeo e a garantire che sia la strategia dell'UE per la crescita sostenibile sia i piani per la ripresa dalla crisi causata dalla COVID-19 si traducano in finanziamenti diretti per le città e le regioni e in progetti concreti per ogni territorio. L'iniziativa è stata lanciata il 15 giugno 2020 con la creazione di un gruppo di lavoro ad hoc, di cui fa parte anche la vice sindaca della Città Metropolitana di Milano, Arianna Censi (IT/PSE). Per ispirare e accelerare il passaggio all'azione, il Green Deal a livello locale comprende una mappa online nella quale sono repertoriate 200 buone pratiche.

Contatti stampa:

David Crous

+ 32 (0) 470 88 10 37

david.crous@cor.europa.eu

Share: