Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
End the Cage Age (Basta con l'epoca delle gabbie)  
Guillaume Cros ribadisce l'appello del CdR a eliminare progressivamente l'allevamento in batteria di animali e volatili

Il relatore del Comitato europeo delle regioni (CdR) per il parere sulla riforma della politica agricola comune si congratula con i difensori del benessere degli animali per aver superato la soglia del milione di firme per l'iniziativa dei cittadini europei "End the Cage Age".

Con l'ondata di calore che questa settimana ha colpito gravemente gli animali in gabbia, gli attivisti del benessere degli animali sono scesi in strada per raccogliere un maggior numero di firme per l'iniziativa dei cittadini europei (ICE) End the Cage Age . Oltre 1 milione di cittadini hanno già firmato l'ICE, per cui la Commissione europea sarà tenuta a discutere della questione e gli organizzatori avranno il diritto di presentare la loro iniziativa in un'audizione pubblica al Parlamento europeo.

Il Comitato europeo delle regioni si è impegnato a porre fine all'allevamento in batteria di volatili e animali in tutta l'Europa nel suo parere 'Riforma della PAC ' , adottato dai membri del CdR nella sessione plenaria del dicembre 2018.

Guillaume Cros (FR/PSE), vicepresidente della regione Occitania e relatore del parere del CdR 'Riforma della PAC ' , ha dichiarato: " Sono davvero lieto del successo dell'iniziativa dei cittadini "End the Cage Age". È necessario porre fine senza ulteriori indugi alla situazione attuale in cui gli animali sono allevati in gabbie. L'ultimo incidente verificatosi a Middelharnis (Paesi Bassi), in cui centinaia di suini che non sono riusciti a scappare dalle gabbie sono morti lentamente a causa del calore dovuto al guasto di un ventilatore, conferma che questo metodo costituisce una grave minaccia per il benessere degli animali e la salute pubblica".

La pratica dell'allevamento in gabbie di animali e volatili è ampiamente utilizzata nelle cosiddette unità di allevamento intensivo in tutta Europa. Ogni anno nell'Unione europea oltre 300 milioni di animali da allevamento - tra cui galline, conigli, suini, quaglie, anatre e oche - sono tenuti in minuscole gabbie spoglie. I frequenti casi in cui migliaia di animali e uccelli perdono la vita in incendi o in incidenti di altro genere hanno di recente concentrato l'attenzione del pubblico sulla questione. Secondo l'organizzazione "Compassion in World Farming" , il 94 % dei cittadini europei reputa che sia importante proteggere il benessere degli animali da allevamento e l'82 % ritiene necessaria una maggiore protezione di questi animali.

L'ICE cesserà la raccolta delle firme l'11 settembre, prima dell'inizio negli Stati membri di un processo di convalida delle firme della durata di tre mesi. La Commissione disporrà quindi di tre mesi per discutere la propria risposta, e presenterà una proposta al riguardo nel corso del primo semestre del 2020.

Contatti stampa:

Carmen Schmidle

Tel. +32 (0)2 282 2366

carmen.schmidle@cor.europa.eu