Rafforzare l'autonomia dei giovani imprenditori e delle donne imprenditrici nella regione euromediterranea  
Una casa di moda libica vince il Premio per l'imprenditorialità locale giovanile nel Mediterraneo

Il 26 febbraio un'azienda tessile e casa di moda libica ha ricevuto il Premio per l'imprenditorialità locale giovanile nel Mediterraneo 2019 . Il riconoscimento le è stato consegnato in occasione della sessione plenaria dell' Assemblea regionale e locale euromediterranea (ARLEM) tenutasi a Siviglia, dove 100 leader locali e regionali si sono riuniti per discutere di come promuovere l'imprenditoria giovanile, dare più autonomia alle donne, migliorare la governance, rafforzare la cooperazione tra città e gestire la migrazione.

Il Premio è stato assegnato a Zimni Jdeed , un'azienda tessile e casa di moda di Tripoli che sta riscuotendo grande successo con i suoi nuovi modelli che rivisitano l'abbigliamento tradizionale. La ditta della giovane imprenditrice Najway Altahir Mohammed Shukri e di suo fratello Ali è stata fondata tre anni fa e oggi impiega sei sarte, offrendo alle donne un ambiente di lavoro dignitoso. Questa prima edizione del Premio dell'ARLEM ha ricevuto 24 candidature da nove paesi.

Il Presidente del Comitato europeo delle regioni Karl-Heinz Lambertz si è complimentato con l'azienda vincitrice e ha dichiarato: " in tutta la regione mediterranea vi è questa volontà di rafforzare la cooperazione e sfruttare l'enorme potenziale di tale territorio. Rafforzando l'autonomia di tutti i giovani, poco importa se uomini o donne, possiamo stimolare lo spirito imprenditoriale e creare nuovi posti di lavoro. La cooperazione decentrata ci permette di approfondire l'integrazione della regione, di superare certe sfide che oltrepassano le frontiere, come quelle della migrazione e dell'esclusione sociale, e di realizzare uno sviluppo sostenibile ."

Lahcen Amrouch , sindaco di Argana (Marocco) e rappresentante del copresidente dell'ARLEM Mohammed Boudra alla sessione plenaria, ha sottolineato che " per l'ARLEM l'imprenditoria giovanile costituisce una priorità. Per questo abbiamo lanciato il nostro premio, destinato a promuovere l'imprenditorialità dei giovani e a dare visibilità a quanti non si perdono d'animo di fronte alle difficoltà di avviare una nuova impresa. Esortiamo i governi nazionali a semplificare la legislazione in materia di attività imprenditoriali, a ridurre gli oneri burocratici e fiscali e a creare incubatori di imprese e sistemi di microcredito per dare impulso all'imprenditoria giovanile. "

Nasser Kamel, Segretario generale dell'Unione per il Mediterraneo , ha dichiarato che " il lavoro che svolge l' Assemblea regionale e locale euromediterranea è di straordinaria importanza. L'Assemblea rappresenta oltre 800 milioni di cittadini della regione euromediterranea, i quali hanno bisogno della nostra convinzione e del nostro impegno a promuovere il dialogo e la cooperazione. L'ARLEM, che rappresenta la dimensione territoriale dell'Unione per il Mediterraneo, deve contribuire a definire le priorità e a migliorare la visibilità del nostro lavoro e delle nostre iniziative, avvicinando maggiormente il partenariato euromediterraneo agli interessi e alle aspettative dei suoi cittadini. "

La delegazione di 100 partecipanti provenienti da 19 paesi membri ha visitato La Cartuja, il sito dell'Esposizione universale di Siviglia del 1992, oggi riconvertito in un parco industriale e incubatore di imprese che conta 450 aziende e 17 000 dipendenti. Il sindaco di Siviglia Juan Espadas (ES/PSE) ha dichiarato: " Il nostro consiglio comunale si è avvalso di nuove competenze per affrontare il problema della disoccupazione, concentrandosi sulla formazione dei giovani e sul miglioramento della loro occupabilità. Siviglia dispone di un grande capitale umano. L'imprenditorialità è iscritta nel nostro DNA. Ecco perché sono particolarmente lieto che la prima cerimonia di assegnazione del Premio ARLEM per giovani imprenditori si svolga nella nostra città. "

Nella riunione dell'ARLEM è stata inoltre adottata una relazione sull'imprenditorialità giovanile nel Mediterraneo in cui si chiede di rafforzare i programmi che sostengono questo particolare settore dell'imprenditoria - ad esempio MedUP!, Med4jobs e Next Society - al fine di promuovere lo sviluppo economico sulle sponde meridionali del Mediterraneo. Secondo la relazione, l'UE dovrebbe avviare dei programmi che offrano a giovani imprenditori del Nord Africa e del Medio Oriente la possibilità di venire formati da imprenditori esperti in uno dei 28 Stati membri dell'Unione.

Il relatore Olgierd Geblewicz (PL/PPE) , presidente della regione Pomerania occidentale , ha fatto presente che " dobbiamo favorire l'imprenditorialità giovanile per ridare slancio alle comunità locali, creare nuova occupazione, stimolare la crescita economica e migliorare la protezione sociale. Invitiamo l'UE, le Nazioni Unite e i governi nazionali di tutta la regione euromediterranea a lanciare programmi di formazione professionale e a mettere a punto regimi di microcredito per i giovani imprenditori. Gli enti locali e regionali dovrebbero essere pienamente coinvolti nelle politiche del mercato del lavoro e occupazionali, dato che sono nella posizione migliore per attuare programmi adatti alle esigenze delle loro comunità ".

È stata adottata anche una relazione sulla governance e la trasparenza nella regione mediterranea a cura di Lütfü Savas , sindaco di Hatay (Turchia). La relazione propone un più forte decentramento nella regione quale strumento per superare l'attuale clima di sfiducia nelle autorità pubbliche: con governi locali dotati di maggiori poteri e autonomia, i cittadini potranno partecipare più attivamente al processo decisionale. L'ARLEM chiede più risorse finanziarie per i governi locali e maggiori capacità di riscossione delle imposte per investire in nuovi progetti in settori prioritari.

Si è inoltre tenuto un seminario sulla migrazione - organizzato congiuntamente dalla Conferenza delle regioni periferiche marittime d'Europa (CRPM) e dall' Associazione delle regioni frontaliere europee (ARFE) - che ha esaminato in particolare il ruolo degli enti locali e regionali nell'accoglienza e nell'integrazione dei migranti.

Alla plenaria dell'ARLEM si è discusso anche dell' iniziativa di Nicosia , un programma di cooperazione decentrata tra l'UE e i sindaci di città libiche. Dopo gli ottimi risultati dei programmi di scambio avviati nei settori della pesca sostenibile - con la regione Friuli Venezia Giulia - e della gestione delle risorse idriche - con la regione di Murcia - l'ARLEM punta ad estendere l'iniziativa di Nicosia dotandola di più fondi e nuovi programmi di scambio, e ha raccolto l'adesione di nuovi partner come la regione Galizia e il comune di Siviglia.

Nota per la stampa

Il Comitato europeo delle regioni ha istituito l'ARLEM nel 2010 per consentire agli amministratori locali e regionali eletti nelle tre sponde del Mediterraneo di essere rappresentati dinanzi all'UE e all'Unione per il Mediterraneo (UpM), mantenere un dialogo politico e promuovere la cooperazione interregionale. L'ARLEM è composta da 80 membri e due osservatori provenienti da Stati membri dell'UE e da paesi partner del Mediterraneo ed è presieduta congiuntamente dal Presidente del CdR, Karl-Heinz Lambertz, e da Mohamed Boudra, sindaco della città marocchina di Al Hoceima e presidente dell'Associazione dei presidenti dei consigli comunali del Marocco (AMPCC). L'UPM è un'organizzazione intergovernativa con sede a Barcellona (Spagna) che è stata fondata nel 2008 e riunisce 43 paesi, tra cui i 28 Stati membri dell'UE.

Per saperne di più sul Premio conferito dall'ARLEM, guardate la videoanimazione qui .

Guardate il video di presentazione dell'azienda vincitrice del Premio ARLEM 2019.

Contatti stampa:

David Crous | david.crous@cor.europa.eu | +32 (0)470 88 10 37