Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Europa digitale per tutti: le soluzioni digitali intelligenti devono andare a vantaggio ‎ di tutti i cittadini dell'UE  

Il Presidente e il primo vicepresidente del Comitato europeo delle regioni (CdR) chiedono alla prossima Commissione europea di garantire che i benefici economici e sociali della trasformazione digitale raggiungano tutte le comunità locali e i loro cittadini. La proposta Un'Europa digitale per tutti si concentra sul monitoraggio, sulla condivisione e sul potenziamento delle innovazioni digitali. L'argomento è stato discusso mercoledì nella riunione congiunta del CdR e della piattaforma per la banda larga della Commissione europea.

"Ormai i vantaggi della rivoluzione digitale devono essere costruiti insieme e percepiti in tutta l'Unione europea. Le comunità e le amministrazioni locali e regionali sono direttamente coinvolte nell'applicazione sul campo del mercato unico digitale, ma la loro capacità di gestire il cambiamento e di produrre nuove soluzioni varia notevolmente. Finora i principali beneficiari sono state le città più grandi, le regioni più prospere e alcune comunità locali con una forte leadership locale", ha dichiarato il Presidente del CdR Karl-Heinz Lambertz .

Il primo vicepresidente Markku Markkula ha presentato il progetto di proposta alla piattaforma per la banda larga , in cui i politici locali e regionali degli Stati membri dell'UE collaborano con esperti della Commissione europea per accelerare la diffusione della connettività a banda larga ad alta velocità nelle regioni dell'UE.

"Le soluzioni intelligenti sviluppate in Europa rimangono spesso troppo piccole e non sono abbastanza interoperabili. Ne consegue che soggetti dominanti a livello mondiale spingono fuori dal mercato le soluzioni europee. All'Europa serve un nuovo modo di sviluppare soluzioni digitali intelligenti e di mettere i soggetti locali e regionali in condizione di guidare insieme la rivoluzione digitale. Dobbiamo costruire insieme solidi ecosistemi digitali europei e inventare il futuro per i cittadini e con i cittadini", ha sottolineato Markkula.

In un dibattito con Gerard De Graaf , direttore per il mercato unico digitale presso la DG CNECT della Commissione europea, i membri della piattaforma per la banda larga hanno avuto uno scambio di opinioni sulle idee e sugli orientamenti presentati dal Presidente Lambertz e dal primo vicepresidente Markkula. Si è parlato tra l'altro di:

Sviluppare una rete europea di poli dell'innovazione digitale collegata alle strategie regionali di specializzazione intelligente.

Utilizzare vari strumenti di finanziamento dell'UE, compresi i fondi strutturali, per rafforzare la diffusione dei poli dell'innovazione digitale e della connettività a banda larga ad alta velocità in tutte le regioni dell'UE.

Creare alleanze regionali per le competenze digitali insieme al settore dell'istruzione e della formazione, per rispondere alla domanda di competenze digitali delle imprese locali.

Procedere alla revisione della direttiva sugli appalti pubblici per facilitare la diffusione dei servizi intelligenti in stretta associazione con i poli dell'innovazione digitale; fare un uso ottimale degli accordi di acquisto in comune; lavorare con la BEI alla semplificazione degli acquisti in comune.

Lanciare un invito a scegliere in ciascuno Stato membro comuni e regioni modello intelligenti, in combinazione con apposite azioni di formazione e di integrazione.

Utilizzare nuove soluzioni digitali a livello locale per un dialogo permanente con i cittadini su questioni che vanno dalla sicurezza informatica ai servizi pubblici digitali.

Mettere a disposizione di 700 città piccole e medie un sistema di buoni europei per attività di verifica dell'amministrazione pubblica online, grazie al quale degli esperti di amministrazione locale offriranno al consiglio comunale per 15 giorni un servizio di consulenza.

Introdurre una serie di indicatori significativi in grado di misurare i progressi compiuti a livello locale e regionale e pubblicare una relazione periodica sulla situazione della dimensione locale/regionale del mercato unico digitale.

La proposta finale sarà presentata alla Assemblea digitale 2019 , a Bucarest, il 13 e 14 giugno.

Contatti stampa:

Lauri Ouvinen

Tel. +32 22822063

lauri.ouvinen@cor.europa.eu