Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Occorre sviluppare una strategia di sicurezza alimentare nel Mediterraneo, sostiene una relazione dell'ARLEM  

L'Unione europea e l'Unione per il Mediterraneo dovrebbero prendere in considerazione l'elaborazione di una strategia macroregionale per la sicurezza alimentare nel Mediterraneo, promuovere una transizione agroecologica verso pratiche che preservano il suolo e l'agrobiodiversità nonché valutare l'introduzione di un marchio "prodotti mediterranei" o "dieta mediterranea": queste sono le raccomandazioni contenute in una relazione discussa dai membri dell'Assemblea regionale e locale euromediterranea (ARLEM) il 29 ottobre.

Le raccomandazioni, attualmente in fase di preparazione, esortano inoltre le regioni e le città a impegnarsi per diventare una forza trainante per lo sviluppo di approcci agricoli più resilienti ai forti cambiamenti climatici in atto nella regione del Mediterraneo.

Il parere, elaborato da Agnès Rampal (FR/PPE), vicesindaca di Nizza, è stato discusso dalla commissione Sviluppo territoriale sostenibile dell' ARLEM , un forum politico che riunisce esponenti politici dell'UE e dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Sarà ora esaminato nella riunione plenaria dell'ARLEM del febbraio 2021, insieme a un secondo parere sulla digitalizzazione delle piccole e medie imprese nella regione mediterranea.

Rampal ha dichiarato che "i cambiamenti climatici stanno avendo un impatto spaventoso nel Mediterraneo e stanno aggravando una situazione di estrema vulnerabilità. Il mio parere è un invito ad agire. Tra agricoltura, alimentazione e sicurezza alimentare vi è un legame indissolubile che dobbiamo mantenere nella regione mediterranea. Attualmente vi è un deficit di governance e di visione comune, in quanto le politiche di gestione agricola non sono una priorità dell'agenda politica. Abbiamo bisogno di pratiche agricole molto più resilienti, dobbiamo promuovere la dieta mediterranea, che fa parte del patrimonio mondiale dell'Unesco, e abbiamo bisogno di un sostegno specifico alla sovranità alimentare".

Presentando la sua relazione sulla digitalizzazione delle piccole e medie imprese nella regione mediterranea, Lizzy Delaricha , sindaca di Ganei Tikva in Israele, ha osservato che "la digitalizzazione è il prossimo ponte che le PMI devono attraversare", aggiungendo che oggi la mancanza di digitalizzazione "impedisce loro di competere con altre imprese".

La digitalizzazione è una priorità della Commissione europea guidata dalla Presidente Ursula von der Leyen, la quale ha sottolineato che la digitalizzazione, così come l'azione per il clima, è fondamentale per gli sforzi intrapresi dall'UE per riprendersi dalla pandemia di coronavirus.

La riunione è stata copresieduta da Lahcen Amrouch , sindaco di Argana in Marocco, e da Arianna Maria Censi (PSE), vicesindaca della città metropolitana di Milano.

Censi ha messo in evidenza le "sfide" che devono affrontare oggi le regioni e le città in Europa, nel Nord Africa e in Medio Oriente. "È necessario creare e sostenere modelli economici di sviluppo che pongano al centro le comunità locali, condividere le politiche per affrontare i cambiamenti climatici e la crisi COVID-19, promuovere il multilateralismo e rilanciare il contenuto della Carta di Milano - l'eredità culturale dell'Expo Milano 2015, sull'accesso al cibo - per eliminare completamente la fame entro il 2030".

Xavier Cadoret , del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d'Europa, ha affermato che le risposte alla crisi del coronavirus "non devono ostacolare la democrazia" e che le misure adottate dai leader nazionali devono avere una "legittimità democratica" e un carattere "temporaneo". Ha inoltre descritto la crisi come "un'opportunità per riconoscere il ruolo specifico e cruciale degli enti locali e regionali nel bacino del Mediterraneo".

La Commissione europea ha dichiarato che le vittime della pandemia nel vicinato meridionale sono oggi più di 13 000, gli investimenti esteri diretti sono diminuiti del 45 % quest'anno e le rimesse "stanno registrando un drammatico calo". Per dare un aiuto, la Commissione ha accelerato i pagamenti per il sostegno al bilancio a favore dei partner del Mediterraneo meridionale e ha reindirizzato 2,3 miliardi di EUR dei suoi programmi nella regione per fornire un sostegno di emergenza, rafforzare le risposte mediche e sociali e migliorare l'approvvigionamento idrico e i servizi igienico-sanitari. Tali aiuti comprendono anche delle misure a favore dei rifugiati.

I membri dell'ARLEM hanno anche partecipato a un dibattito sul progetto di strategia dell'Unione per il Mediterraneo per lo sviluppo urbano sostenibile . Nel 2008 il Comitato europeo delle regioni ha deciso di impegnarsi per la creazione dell'ARLEM in risposta all'istituzione dell'Unione per il Mediterraneo (UpM) avvenuta qualche mese prima, al fine di garantire che nei lavori di quest'ultima fosse integrata una prospettiva locale e regionale. L'UpM, che riunisce 42 paesi dell'UE e del bacino del Mediterraneo, è nata da un processo diplomatico che ha avuto inizio 25 anni fa a Barcellona .

Contesto:

Questa è stata la prima riunione che l'ARLEM ha tenuto dall'inizio del nuovo mandato del Comitato europeo delle regioni, da cui provengono i membri europei. Il rinnovo del mandato del CdR ha influito anche sulla composizione dell'ARLEM. A causa della pandemia, la riunione si è svolta online.

Tra gli oratori esterni invitati alla riunione dell'ARLEM figuravano: Isidro González , Segretario generale aggiunto dell'UpM responsabile della divisione Acqua e ambiente, il quale ha osservato che il Mediterraneo è secondo soltanto alla regione artica per quanto riguarda la gravità dell'impatto dei cambiamenti climatici; Jean-Paul Pelissier , del Centro internazionale di alti studi agronomici mediterranei, CIHEAM (Montpellier); nonché alcuni rappresentanti della Commissione europea. Al dibattito sulla strategia dell'UpM per lo sviluppo urbano sostenibile hanno partecipato politici e funzionari di Lovanio (Belgio) e della Giordania, nonché diversi esponenti del mondo accademico e membri dell'ARLEM.

La prossima riunione dell'ARLEM sarà la sessione plenaria del febbraio 2021. In tale occasione verrà inoltre annunciato il terzo vincitore del premio ARLEM per l'imprenditorialità locale giovanile nel Mediterraneo .

Share: