Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
COP25: Città e regioni unite nel promuovere l'azione per il clima  
Il Comitato europeo delle regioni rafforza le sue alleanze con le reti internazionali di governi locali e regionali a Madrid, mentre le città e le regioni di tutto il mondo si impegnano a continuare a realizzare azioni a favore del clima in vista della COP26 di Glasgow.

Alla COP25 non è stato raggiunto alcun accordo sulla definizione di norme per la piena attuazione dell'accordo di Parigi, né è stato possibile integrare nelle decisioni finali gli indicatori regionali del codice di Parigi e la richiesta di collaborazione multilivello. Tuttavia, Madrid ha dimostrato che le città e le regioni di tutto il mondo sono fermamente impegnate a realizzare obiettivi e interventi più ambiziosi per il clima. La delegazione del Comitato europeo delle regioni (CdR) ha difeso con forza il ruolo centrale svolto dalle città e dalle regioni nella lotta contro il riscaldamento globale e la necessità di ufficializzare il loro ruolo nella governance climatica mondiale. Nel dicembre 2020 Glasgow ospiterà la COP26, che avrà aspettative più ambiziose in materia di impegni climatici e azione multilivello. Clicca qui per accedere alla fotogallery del CdR alla COP25.

La 25 a conferenza delle parti (COP) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) non è riuscita a raggiungere un accordo sugli aspetti in sospeso del codice di Parigi, ossia l'insieme di procedure, norme e meccanismi di notifica previsti per mettere in pratica l'accordo di Parigi a partire dal 2020. I mercati mondiali del carbonio e i meccanismi di scambio delle quote di emissione, il sostegno finanziario per l'adattamento ai cambiamenti climatici nei paesi in via di sviluppo e i più ambiziosi impegni in materia di clima hanno impedito ai negoziatori della COP25 di raggiungere un accordo a Madrid.

Il Comitato europeo delle regioni ha partecipato alla COP25 con una delegazione guidata dal primo vicepresidente Markku Markkula e dai seguenti membri: Jean-Noël Verfaillie (FR/RE) , secondo vicepresidente della commissione ENVE del CdR e membro del consiglio dipartimentale del Nord, Benedetta Brighenti (IT/PSE) , membro del consiglio comunale di Castelnuovo Rangone, Andries Gryffroy (BE/AE) , membro del parlamento fiammingo e primo vicepresidente del Senato e Tjisse Stelpstra (NL/ECR) , membro della giunta provinciale della Drenthe.

Inoltre, numerosi membri del CdR hanno partecipato alla COP25 per conto delle rispettive circoscrizioni. Tra questi, Ximo Puig (ES/PSE) , presidente della regione di Valencia e presidente della delegazione spagnola al CdR, Raffaele Cattaneo (IT/PPE) , assessore all'Ambiente e Clima della regione Lombardia, Francisco Igea Arisqueta (ES/RE) , vicepresidente della giunta della Castiglia e León, Manuel Cardenete Flores (ES/RE) , vice assessore regionale dell'Andalusia per il Turismo, la riqualificazione, la giustizia e l'amministrazione locale, Virginia Marco Cárcel (ES/PSE) , assessora agli Affari europei della regione Castiglia-La Mancia, Mikel Irujo Amezaga (ES/AE) , assessore all'Azione esterna della regione Navarra, Sirpa Hertell (FI/PPE) , consigliera comunale di Espoo e Witold Stępień (PL/PPE) , membro del consiglio regionale di Łódz.

Alla COP25 erano presenti anche due rappresentanti del programma del CdR Giovani rappresentanti politici eletti per il clima : Henderick Wickström (RE/FI), consigliere e presidente del consiglio comunale di Inkoo e Maximilian Reinhardt (DE/RE) , consigliere comunale di Sindelfingen, responsabile degli Affari europei.

I membri del CdR sono intervenuti in oltre 20 eventi ed hanno partecipato a più di 15 riunioni bilaterali, nonché a riunioni informative di alto livello sullo stato dei negoziati con la Commissione europea, la presidenza finlandese dell'UE e i deputati al Parlamento europeo. I principali messaggi politici comunicati dal CdR alla COP25 sono riassunti qui.

Sintesi delle attività svolte dai membri del CdR in seno alla COP25

Sabato 7 dicembre

Le attività della delegazione del CdR alla COP25 sono iniziate sabato 7 dicembre con l'intervento di Raffaele Cattaneo (IT/PPE) , assessore regionale all'Ambiente e Clima della regione Lombardia e di Tjisse Stelpstra (NL/ECR) , membro della giunta provinciale della Drenthe, all'Assemblea generale della Under2coalition.

La   Under2 Coalition è una comunità mondiale di governi statali e regionali impegnati a favore di un'ambiziosa azione per il clima in linea con l'accordo di Parigi. La coalizione riunisce oltre 220 governi che rappresentano oltre 1,3 miliardi di persone e il 43 % dell'economia mondiale. Una recente relazione conferma che l'azione per il clima svolta a livello regionale supera quella dei governi nazionali. Il CdR si è impegnato a rafforzare la cooperazione con questa rete mondiale di governi regionali, che esercita un'influenza autorevole in materia di clima, e con il suo segretariato, il Gruppo sul clima .

La regione di Navarra ha preso la parola in qualità di membro attivo della Under2 Coalition, rappresentata dall'assessore regionale per l'Ambiente e gli affari rurali, Itziar Gómez e dal membro del CdR Mikel Irujo (ES/AE) .

Il primo vicepresidente Markku Markkula ha visitato il padiglione dell'UE, dove ha partecipato agli eventi Accelerating transition: How cities and regions make a difference ("Accelerare la transizione: in che modo le città e le regioni fanno la differenza"), in collaborazione con l'ICLEI, e From data to policy: unlocking the power of indexes for Sustainable Development and Climate Action ("Dai dati alla politica: sbloccare il potere degli indici dello sviluppo sostenibile e dell'azione per il clima"), evento co-organizzato con il Centro comune di ricerca (JRC).

Domenica 8 dicembre

Il primo vicepresidente del CdR, Markku Markkula e Raffaele Cattaneo (IT/PPE) , hanno partecipato alla sessione Regional leadership in the Climate Emergency . Nature-based solutions for adaptation and the water challenge . ("Leadership regionale nell'emergenza climatica. Soluzioni basate sulla natura per l'adattamento e la sfida dell'acqua") Raffaele Cattaneo (IT/PPE) è anche intervenuto all'assemblea generale di Regions4 .

I membri del CdR hanno partecipato al ricevimento di benvenuto della COP 25, offerto dal sindaco di Madrid, José Luis Martínez-Almeida, nel padiglione Cecilio Rodriguez presso il parco Retiero.

Lunedì 9 dicembre

Durante la presenza della delegazione del CdR alla COP25, l'Unione europea ha ospitato la Giornata mondiale del Patto dei sindaci - Contributi stabiliti a livello nazionale all'emergenza per il clima - Tempo per la giornata dell'azione multilivello .

Benedetta Brighenti (IT/PSE) ha pronunciato le osservazioni conclusive alla presenza del nuovo commissario UE per l'Energia Kadri Simson. " Il 2020 sarà un punto di svolta per il Patto, poiché esso dovrà guidare le città e le regioni verso gli obiettivi dell'UE per il 2030. Il Patto deve essere in grado di rispondere alle sfide future ed è fondamentale per conseguire gli obiettivi del Green Deal europeo ", ha dichiarato Brighenti, relatrice del parere del CdR sul Patto dei sindaci dopo il 2020 .

Il primo vicepresidente del Senato belga e il membro del CdR Andries Gryffroy (BE/AE) hanno preso la parola durante la sessione Global trends in climate legislation and litigation: Enhancing resilience and adaptation ("Tendenze globali nella legislazione e nelle controversie in materia di clima. Rafforzare la resilienza e l'adattamento").

Il membro del CdR Tjisse Stelpstra (NL/ECR) è stato uno dei partecipanti all'evento tenutosi nel padiglione tedesco e intitolato Smart urban transitions: innovative and efficient mobility solutions ("Transizioni urbane intelligenti: soluzioni di mobilità innovative ed efficienti"). In tale occasione, ha dichiarato: " Dobbiamo trasformare i nostri modi di trasporto in quanto contribuiscono al 23 % delle emissioni totali dell'UE e generano elevati costi esterni, ad esempio in termini di inquinamento, incidenti, rumore e congestione. Dobbiamo sviluppare approcci di mobilità come servizio da una prospettiva incentrata sull'utente e ammodernare le reti elettriche, i sistemi di stoccaggio dell'energia elettrica e la gestione delle infrastrutture pubbliche, al fine di diffondere tecnologie innovative in materia di celle a combustibile e batterie. Non riusciremo a decarbonizzare i trasporti senza una cooperazione efficace tra tutti i livelli di governo. "

Martedì 10 dicembre

Il padiglione dell'UE è stato visitato da un ampio ventaglio di rappresentanti di governi locali e regionali, associazioni di categoria, ONG, imprese private e funzionari dell'UE e dell'UNFCCC per la EU Energy Day @ COP25 ("Giornata dell'energia dell'UE @ COP25"). Tra le tematiche discusse figurano: la trasformazione del sistema energetico verso il 100 % di rinnovabili, l'accelerazione dell'innovazione per realizzare il Green Deal europeo, assicurare una transizione equa per tutte le regioni e i cittadini, creare condizioni locali per migliorare la prestazione energetica degli edifici e il ruolo del programma Copernicus dell'UE nella decarbonizzazione dell'Europa.

Nel suo intervento il primo vicepresidente Markku Markkula ha sottolineato che " lo sviluppo delle capacità dei decisori in ambito pubblico e privato è essenziale. La pianificazione urbana, la ristrutturazione dei vecchi immobili e le reti energetiche intelligenti devono essere settori prioritari per una collaborazione basata sulla conoscenza ".

Il padiglione cileno ha ospitato la manifestazione intitolata Roadmap towards COP26: From Chile to UK ("Tabella di marcia verso la COP26: dal Cile al Regno Unito") in cui il vicepresidente Markkula ha dichiarato: " Come possiamo avanzare per conseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile? Si tratta di un processo di apprendimento fondato sull'apprendimento comparativo, sull'analisi comparativa e sull'azione comparativa ". A suo avviso è essenziale "consolidare i contributi delle città e degli enti subnazionali al fine di aumentare le ambizioni in materia di clima".

Una delegazione composta da nove membri del CdR, la delegazione del Parlamento europeo guidata dall' eurodeputato Bas Eickhout (NL/Verts/ALE) e i membri di diversi parlamenti nazionali e del Comitato economico e sociale europeo (CESE) hanno assistito alla sessione informativa del vicepresidente esecutivo Frans Timmermans sullo stato dei negoziati alla COP25. Timmermans ha osservato che " un mancato accordo è meglio di un cattivo accordo ", facendo riferimento ai risultati dei negoziati sui mercati globali del carbonio e ai meccanismi di scambio delle quote di emissione che potrebbero pregiudicare gli sforzi di decarbonizzazione.

Tjisse Stelpstra (NL/ECR) ha avuto un incontro bilaterale con Bas Eickhout (NL/Verts/ALE) sulla governance multilivello e su un progetto per la produzione di idrogeno nella provincia di Drenthe.

Raffaele Cattaneo (IT/PPE) è stato uno dei partecipanti all'evento collaterale tenutosi nel padiglione italiano e intitolato We are Action – Young People Leading the Way ("Siamo in azione – i giovani in prima linea").

Andries Gryffroy ha partecipato a una riunione parlamentare organizzata dall'Unione interparlamentare ( UIP ) e dal Congresso dei deputati spagnolo per promuovere gli scambi di iniziative parlamentari in materia di cambiamenti climatici.

Benedetta Brighenti (IT/PSE) ha partecipato al Dialogo aperto del PSE sull'azione per il clima e a una riunione bilaterale con il Ministero italiano competente per uno scambio di punti di vista sul Patto dei sindaci.

Mercoledì 11 dicembre

La delegazione del CdR alla COP25 al completo, compresi il presidente della regione di Valencia Ximo Puig (ES/PSE) e la delegazione spagnola al CdR, si è riunita con Dimitris Zevgolis, vicecapo della delegazione dell'UE alla COP25 , che ha presentato un aggiornamento sullo stato di avanzamento dei negoziati.

Tra i punti all'ordine del giorno figurava anche la comunicazione sul Green Deal europeo. I membri hanno espresso la volontà di impegnare il Comitato europeo delle regioni nei numerosi lavori legislativi in corso, ricordando che le città e le regioni perseguono già ora obiettivi più ambiziosi di quelli dei governi nazionali e rinnovando il loro impegno a compiere ogni sforzo per realizzare la transizione verso la neutralità climatica a livello locale. Consultare qui il comunicato stampa.

Dopo la riunione il vicepresidente Markkula e il presidente Puig hanno avuto un incontro con la stampa nel padiglione dell'UE.

Markku Markkula ha affermato: " L'Unione europea deve continuare a svolgere un ruolo guida nella lotta contro il riscaldamento globale. La comunicazione sul Green Deal arriva proprio al momento giusto, dato che stiamo entrando nella fase finale dei negoziati per la piena attuazione dell'accordo di Parigi. Il CdR conferma il suo totale impegno a contribuire agli obiettivi del Green Deal garantendo il coinvolgimento attivo delle città e delle regioni, senza lasciare indietro nessuno ".

A dimostrazione dell'impegno dei membri del CdR a promuovere concretamente l'azione per il clima, il presidente Ximo Puig ha dichiarato: " Al termine del mio mandato, l'energia consumata dall'amministrazione regionale, compresa quella necessaria per gli edifici adibiti a uffici, le scuole e gli ospedali pubblici, proverrà al 100 % da fonti energetiche verdi e rinnovabili ".

Nel padiglione italiano Raffaele Cattaneo (IT/PPE) è intervenuto all'evento ad alto livello CDP (Carbon Disclosure Project) Italy report: a dive into the cases of climate leadership and trends by Italian business and local governments ("Relazione dell'Italia sul CDP (Progetto sulla divulgazione dei dati sul carbonio): alla scoperta dei casi di leadership e delle tendenze in materia di clima tra le imprese e gli enti locali italiani").

Andries Gryffroy (BE/AE) è intervenuto in qualità di oratore invitato all'evento interparlamentare organizzato dai Paesi Bassi sul tema Spice up the European Green Deal with Benelux Parliament ("Stimolare il Green Deal europeo con il Parlamento del Benelux") nel padiglione del Benelux.

Giovedì 12 dicembre

Jean-Noël Verfaillie (FR/RE) è intervenuto al padiglione francese per discutere dell'"attuazione delle strategie di adattamento degli attori territoriali". Il secondo vicepresidente della commissione ENVE del CdR e membro del consiglio dipartimentale del Nord ha dichiarato: " Dobbiamo mettere a punto dei nuovi meccanismi finanziari quali le obbligazioni verdi per attuare i progetti in materia di adattamento climatico nelle nostre città. Per realizzare gli obiettivi dell'accordo di Parigi e del Green Deal europeo, dobbiamo rafforzare la capacità amministrativa degli enti locali al fine di elaborare proposte di progetti e garantire la "bancabilità" dei potenziali investimenti. Sostengo l'invito del Comitato europeo delle regioni a istituire una serie unica di orientamenti per coordinare tutte le misure di sviluppo delle capacità finanziate dall'Unione e rivedere i livelli di cofinanziamento dell'UE dato che gli enti locali e regionali non dispongono della capacità finanziaria necessaria per raccogliere fondi propri sufficienti " .

Andries Gryffroy (BE/AE) ha partecipato a un dibattito sulla legislazione e la definizione delle politiche in materia di adattamento ai cambiamenti climatici nel quadro del Resilience Lab, il laboratorio per la resilienza dell'UNFCCC. " Il riscaldamento globale ha già colpito i nostri territori e non abbiamo altra scelta se non quella di sviluppare politiche efficaci per l'adattamento ai cambiamenti climatici. I governi nazionali devono dare alle amministrazioni locali e regionali gli strumenti per inverdire le nostre città e sviluppare soluzioni basate sulla natura al fine di ridurre al minimo i rischi climatici e le perdite e danni che ne conseguono ", ha affermato Gryffroy. Il vicepresidente del Senato fiammingo ha partecipato anche all'evento sul tema Electricity Security in Support of Mitigation and Adaptation Efforts ("Sicurezza dell'energia elettrica a sostegno degli sforzi di mitigazione e di adattamento") che si è tenuto nel padiglione francese.

Sirpa Hertell (FI/PPE) ha pronunciato un discorso nel padiglione del Regno Unito, in occasione di un evento organizzato dall'Istituto Grantham, su iniziativa della Fondazione Grantham per la protezione dell'ambiente.

Venerdì 13 dicembre

L'ultimo giorno della COP25 è iniziato con la prospettiva di un ritardo dei negoziati nel fine settimana. In linea con l'invito rivolto dal raggruppamento delle amministrazioni locali e comunali (LGMA) presso l'UNFCCC, l'organizzazione non governativa che riunisce i governi locali e regionali di tutto il mondo, il Comitato europeo delle regioni ha chiesto alla Commissione europea e alla presidenza finlandese dell'UE di sostenere l'integrazione della "collaborazione multilivello" nella decisione finale della COP25.

Poiché i negoziati si sono concentrati sui mercati del carbonio e sull'assistenza finanziaria per l'adattamento ai cambiamenti climatici nei paesi in via di sviluppo, i testi sono stati ridotti a un minimo comune denominatore. Ciò ha impedito che il riferimento alla collaborazione multilivello e, ancor più, agli indicatori regionali del codice di Parigi fosse integrato nelle decisioni finali.

Ciononostante Madrid ha dimostrato che le città e le regioni di tutto il mondo sono fermamente impegnate a conseguire obiettivi più ambiziosi e a continuare a realizzare l'azione per il clima a livello locale.

In vista della COP26 che si terrà a Glasgow, il raggruppamento delle amministrazioni locali e comunali (LGMA) chiede che i governi nazionali accrescano il livello di ambizione e di azione in materia di clima, e che gli enti locali e regionali siano pienamente coinvolti nella fase di aggiornamento dei contributi stabiliti a livello nazionale (NDC).

Contesto

Sotto la presidenza del Cile, la 25ª Conferenza delle parti (COP) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) si è svolta a Madrid dal 2 al 15 dicembre 2019.

Cliccare qui per accedere al portale della COP25 del CdR.

Cliccare qui per scoprire come i membri del CdR stanno concretamente realizzando azioni a favore del clima.

Il CdR ha risposto alla comunicazione sul Green Deal dalla COP25. Per ulteriori informazioni cliccare qui

Consultare qui il comunicato stampa in merito alla Risoluzione sul Green Deal adottata dal Comitato europeo delle regioni nella sessione plenaria del 5 dicembre 2019. Una delle proposte faro del CdR è la creazione di un forum che veda la cooperazione degli enti locali e regionali, della Commissione europea e degli Stati membri per seguire l'attuazione del Green Deal.

Editoriale del Presidente del Comitato europeo delle regioni, Karl-Heinz Lambertz : "Dobbiamo agire ora, tutti insieme!" I leader locali e regionali propongono un percorso per realizzare il Green Deal europeo.

Contatti stampa: david.crous@cor.europa.eu / +32 (0) 470 88 10 37