Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Le città invitano la Conferenza sul futuro dell'Europa a promuovere una democrazia dell'UE più partecipativa, verde e inclusiva  

All'evento Le città promotrici della democrazia nell'Unione europea - La prospettiva urbana per la Conferenza sul futuro dell'Europa , organizzato congiuntamente da Comitato europeo delle regioni, Eurocities e Consiglio dei comuni e delle regioni d'Europa (CCRE), i leader locali e regionali hanno espresso le loro aspettative riguardo alla Conferenza sul futuro dell'Europa e hanno condiviso le loro esperienze sul rafforzamento della democrazia locale. Sono stati discussi esempi di esercizi partecipativi innovativi, progetti verdi, servizi digitali per i cittadini o l'integrazione delle comunità. L'evento è sfociato nell'adozione di conclusioni che alimenteranno la Conferenza sul futuro dell'Europa.

Apostolos Tzitzikostas , Presidente del Comitato europeo delle regioni (EL/PPE) e presidente della regione greca della Macedonia centrale, ha dichiarato: "Le parole "citizen" (inglese), "citoyen" (francese), "cittadino" (italiano) e "πολίτης" (greco) hanno tutte la stessa radice di "città" . Città e democrazia sono infatti due concetti inseparabili. Ed è qui, a livello di base, che è nata la democrazia. Le città rappresentano il livello più vicino alla democrazia, il luogo in cui spiccano le migliori pratiche democratiche e i vettori della democrazia. I cittadini vogliono impegnarsi ed è nostro dovere creare gli strumenti giusti. Per questo sono fermamente convinto che le città siano autentici laboratori per arricchire, modernizzare e rafforzare la democrazia".

Dario Nardella , presidente di Eurocities e sindaco di Firenze, ha affermato: "Come dimostra la nuova ricerca di Eurocities , quasi tutte le nostre città hanno instaurato forme di democrazia partecipativa e molti di noi sperimentano quotidianamente pratiche innovative. Come città, riteniamo che la Conferenza sul futuro dell'Europa debba portare alla creazione di una strategia europea per la partecipazione. L'Europa dovrebbe sfruttare lo slancio della Conferenza per proseguire l'esercizio della democrazia partecipativa. Dovrebbe dar luogo a un nuovo modo di lavorare con le città e i cittadini, avvicinando l'Europa ai cittadini".

Christoph Schnaudigel , copresidente del Consiglio dei comuni e delle regioni d'Europa (CCRE) e presidente del circondario di Karlsruhe, ha dichiarato: " Il livello locale e regionale, il livello di governo più vicino ai cittadini, può fungere da canale per consentire ai cittadini di dialogare direttamente con i funzionari dell'UE. I cittadini hanno bisogno di una migliore rappresentanza nei confronti delle istituzioni dell'UE. Tale obiettivo potrebbe essere realizzato tramite un meccanismo permanente dell'UE per un dialogo strutturato con i cittadini attraverso i rappresentanti degli enti regionali e locali".

CdR, Eurocities e il CCRE hanno adottato una serie di conclusioni che alimenteranno la piattaforma digitale della Conferenza sul futuro dell'Europa.

1. La Conferenza sul futuro dell'Europa offre l'opportunità di promuovere modalità innovative per coinvolgere i cittadini nel funzionamento dell'Unione europea e sviluppare una strategia europea per la partecipazione. Le pratiche deliberative e partecipative, come il bilancio partecipativo dei comuni e la cogestione degli spazi pubblici, utilizzate per rafforzare la democrazia europea basata sui nostri valori, dovrebbero essere ulteriormente promosse e rispecchiate, anche a livello dell'UE. Riteniamo che occorra istituire un meccanismo permanente dell'UE per il dialogo strutturato con i cittadini attraverso i rappresentanti degli enti regionali e locali . Questo meccanismo consentirebbe 1) alle città di collaborare con i cittadini su questioni europee che hanno un impatto diretto su di loro, 2) ai responsabili politici europei di elaborare politiche adattate alle città e sostenute dai cittadini, 3) ai cittadini di partecipare a un processo politico che, in ultima analisi, incide sulla loro vita quotidiana. Nell'ambito di tale dialogo potrebbero rientrare le seguenti questioni strategiche con una forte rilevanza, anche per il loro contributo, per il livello urbano e territoriale:

2. Le città di tutte le dimensioni sono al centro della transizione verde , essendo responsabili del 70-80 % delle emissioni mondiali. Al tempo stesso, gli enti locali e regionali attuano il 70 % delle misure di mitigazione dei cambiamenti climatici e il 90 % delle politiche di adattamento agli stessi. Le città e i comuni devono pertanto essere riconosciuti come protagonisti della transizione verde verso la neutralità climatica, anche attraverso lo scambio regolare di idee o buone pratiche, un maggiore coinvolgimento nell'elaborazione e nell'attuazione dei programmi e nel sostegno finanziario dell'UE, anche per lo sviluppo di capacità.

3. Le città e i comuni sono all'avanguardia nella trasformazione digitale grazie allo sviluppo e all'attuazione di soluzioni innovative e integrate per i cittadini e le comunità. Occorre accelerare la diffusione dell'infrastruttura a banda larga e lo sviluppo di capacità a livello locale per superare il "doppio divario digitale" dovuto alla disparità di accesso e all'analfabetismo digitale. Inoltre, molte piattaforme online hanno un impatto considerevole a livello locale, ad esempio trasporti urbani e regionali, alloggi, alloggi turistici e fornitura di servizi pubblici, da prendere in considerazione negli approcci europei adottati per affrontare i problemi.

4. Le città e i comuni si trovano ad affrontare e hanno già superato molte sfide per promuovere la coesione sociale , costruire società inclusive e promuovere la diversità. Le strategie europee e nazionali per l'integrazione sociale, riguardanti in particolare la parità di genere, il cambiamento demografico, le disabilità e l'integrazione dei migranti, devono pertanto coinvolgere pienamente le città e i comuni, tramite la condivisione di esperienze e strumenti politici adeguati. Garantire loro accesso diretto e tempestivo ai finanziamenti dell'UE è fondamentale affinché possano svolgere il loro ruolo di "integratori" sociali.

5. La nuova Carta di Lipsia , basata sul potere di trasformazione delle città per il bene comune, l'agenda urbana rinnovata per l'UE e l' Agenda territoriale 2030 dovrebbero consentire alle città e ai comuni di partecipare all'elaborazione di politiche europee pertinenti e fungere da parametro di riferimento per l'attuazione pratica delle politiche dell'UE in tutti gli Stati membri. Esse devono consentire alle istituzioni dell'UE, agli Stati membri, alle città e ai comuni di collegarsi attraverso una piattaforma politica per sostenere il nuovo Green Deal dell'UE e la sua attuazione attraverso le diverse politiche ancorate al livello urbano e locale.

Contatti stampa:

CdR: Marie-Pierre Jouglain

Tel. +32 (0)473 52 41 15

mariepierre.jouglain@cor.europa.eu

CCRE : Georgina Mombo

Tel. + 32 (0) 489 47 16 30

georgina.mombo@ccre-cemr.org

Eurocities : Alex Godson
Tel. +32 (0)495 29 85 94

alex.godson@eurocities.eu  

Share: