Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
La politica di coesione è fondamentale affinché le regioni e le città possano far ‎ fronte ai contraccolpi della crisi storica in corso e ridurre le disparità in Europa  

Le istituzioni dell'UE e i governi nazionali devono garantire che tutte le politiche​ dell'UE contribuiscano a combattere i divari territoriali, economici e sociali

L'Alleanza per la coesione (#CohesionAlliance) sottolinea che la politica di coesione rimane lo strumento di investimento più importante dell'UE, uno strumento che è stato efficace nell'affrontare i contraccolpi delle crisi straordinarie in corso, come la pandemia di COVID-19, e che sarà cruciale per rispondere alle conseguenze della guerra in Ucraina. Le disparità regionali rimangono tuttavia elevate. La politica di coesione dovrebbe essere rafforzata e riconosciuta come un valore fondamentale dell'Unione al fine di garantire una ripresa equa e una transizione verde e digitale giusta in Europa.

In seguito alla pubblicazione dell' 8 a relazione sulla coesione , la coalizione su scala europea #CohesionAlliance ha presentato una serie di osservazioni congiunte in vista dell' 8º Forum sulla coesione , che si terrà il 17 e 18 marzo. I membri dell'Alleanza accolgono con favore i risultati positivi evidenziati dalla relazione: le regioni meno sviluppate dell'Europa orientale stanno recuperando il ritardo di sviluppo , il numero delle persone a rischio di povertà ed esclusione sociale è sceso di 17 milioni tra il 2012 e il 2019 e le previsioni basate su modelli economici indicano che nel 2023 il PIL pro capite delle regioni meno sviluppate crescerà del 2,6 % grazie al recente sostegno offerto loro dalla politica di coesione dell'UE.

Tuttavia, diverse regioni – a reddito medio e meno sviluppate – del Sud dell'Unione europea hanno subito una stagnazione o un declino, prese in una sorta di trappola dello sviluppo . La capacità locale e regionale in termini di sviluppo economico è ancora disomogenea, e, se si vuol conseguire l'obiettivo di non lasciare nessuna persona o regione indietro, le sfide cruciali devono ancora essere affrontate.

Il futuro della politica di coesione sarà strettamente legato a un'eventuale riforma del quadro di governance economica dell'UE . Nondimeno, la #CohesionAlliance fa notare che manca un riconoscimento del ruolo del semestre europeo nell'attuazione della politica di coesione, sostenendo altresì che gli enti locali e regionali dovranno essere formalmente coinvolti nella governance economica dell'UE e avranno bisogno che le loro capacità di investimento siano rafforzate.

Secondo i membri dell'Alleanza, il messaggio forte inviato dalla Commissione europea per rafforzare il principio di governance multilivello e di partenariato è tempestivo e rassicurante. Tale messaggio, tuttavia, è in contraddizione con la recente tendenza dell'UE a riaccentrare la gestione dei suoi fondi e delle sue politiche in capo agli Stati membri – una tendenza evidente nell'attuazione dei piani nazionali per la ripresa e la resilienza e nell'elaborazione dei prossimi piani sociali nazionali per il clima. I membri dell'Alleanza hanno dichiarato che resta da vedere in che modo il nuovo concetto proposto dalla commissaria europea per la Coesione e le riforme, Elisa Ferreira – ossia la politica volta a " non pregiudicare la politica di coesione " – sarà effettivamente applicato in tutte le altre politiche dell'UE che hanno un impatto sullo sviluppo territoriale e a livello locale.

Fin dalla sua creazione nell'ottobre 2017, #CohesionAlliance (Alleanza per la coesione) , una coalizione su scala europea di 12 000 firmatari a favore di una politica di coesione più forte, si batte per – ed è riuscita a – evitare drastici tagli di bilancio dopo il 2020, contribuisce a mantenere una politica di coesione vantaggiosa per tutte le regioni dell'Unione e propugna norme più semplici e più flessibili in materia di fondi di coesione.

VOCI DALLA #COHESIONALLIANCE

Apostolos Tzitzikostas , Presidente del Comitato europeo delle regioni (CdR) e presidente della regione Macedonia centrale (GR), ha dichiarato che " questa ottava relazione mostra che la politica di coesione funziona, ma anche che tutte le politiche dell'UE devono contribuire a ridurre i divari sociali ed economici. Le persone hanno bisogno che gli attori europei, nazionali, regionali e locali collaborino tra loro per creare posti di lavoro, combattere la povertà e realizzare la duplice transizione verde e digitale in ogni regione, città e piccolo borgo, dappertutto in Europa. E questa politica è l'unica politica dell'UE che investa massicciamente in questa cooperazione. La pandemia ha dimostrato, e la tragica situazione causata dalla guerra mossa contro l'Ucraina da un regime spietato sta dimostrando, che la politica di coesione riveste per l'UE un'importanza vitale al fine di far fronte a emergenze come queste nonché ai cambiamenti a lungo termine ".

Da parte sua, Nathalie Sarrabezoles , presidente della commissione Politica di coesione territoriale e bilancio dell'UE ( COTER ) e consigliera dipartimentale del Finistère (FR), ha dichiarato che, "con la guerra in Ucraina, la politica di coesione si dimostra ancora una volta la prima politica europea a reagire di fronte a una crisi di grandi proporzioni. Questa politica fondamentale non è soltanto uno strumento per reagire, ma è anche necessaria a lungo termine come strumento di investimento per conseguire l'autonomia strategica dell'UE. La realizzazione di una transizione ecologica e digitale equa, il rafforzamento della capacità amministrativa locale e regionale e della democrazia non sarebbero possibili senza una politica di coesione forte che possa contribuire a ridurre le disparità economiche, sociali e territoriali e a rafforzare il ruolo dell'UE quale attore forte nel mondo ".

Secondo Magnus Berntsson , presidente dell' Assemblea delle regioni d'Europa (ARE) e vicepresidente della regione Västra Götaland (SE), " è venuto il momento di trasformare la crisi in opportunità. La politica di coesione è fondamentale per sfruttare appieno il potenziale delle nostre regioni mentre ci riprendiamo dagli effetti della pandemia. Per una ripresa equa ed equilibrata, abbiamo bisogno di investimenti che raggiungano tutte le regioni europee ".

Karl-Heinz Lambertz , presidente dell' Associazione delle regioni frontaliere europee (ARFE) e membro del parlamento della comunità germanofona del Belgio, ha osservato che " la politica di coesione è stata ed è cruciale per trasformare le regioni frontaliere europee da aree del tutto periferiche a territori più centrali nell'integrazione del nostro continente. Ed essa sarà determinante anche per consolidare e sviluppare ulteriormente questi 'bacini di vita', affinché possano far fronte alle sfide esistenti, tra cui la ripresa dalla pandemia e i prevedibili effetti della guerra in corso sull'integrazione europea. Le regioni di frontiera serbano ancor viva la memoria dei conflitti del passato e sono i luoghi adatti per avviare la ricostruzione " .

Jean-Claude Marcourt , presidente della Conferenza delle assemblee legislative regionali europee (CALRE) e presidente del parlamento regionale della Vallonia (BE), ha avvertito che " adesso che l'Unione europea è già scossa dai contraccolpi della guerra, è più che mai essenziale mantenere e sviluppare la solidarietà tra le diverse regioni d'Europa, in particolare attraverso la politica di coesione ". 

Stefano Bonaccini , presidente del   Consiglio dei comuni e delle regioni d'Europa  (CEMR) e presidente della regione Emilia-Romagna (IT), ha dichiarato che " non siamo ancora usciti dalla pandemia e tutto potevamo immaginare fuorché una nuova guerra in Europa. La crisi che abbiamo vissuto negli ultimi anni dimostra che la politica di coesione europea è più che mai importante nel lungo periodo e che deve essere rafforzata negli anni a venire. È una politica che collega i cittadini europei all'Europa attraverso i comuni e le regioni. È il nostro strumento migliore per portare avanti il progetto europeo e rafforzare la democrazia locale" .

Cees Loggen , presidente della Conferenza delle regioni periferiche marittime d'Europa (CRPM) e assessore provinciale dell'Olanda settentrionale (NL), ha sottolineato che " il fatto che il dispositivo per la ripresa e la resilienza e la politica di coesione siano in certo qual modo in competizione tra loro non giova a un utilizzo efficace delle risorse dell'UE. Le conseguenze della guerra renderanno ancor più necessario il funzionamento in sinergia dei fondi europei. Dobbiamo riflettere su come coordinare meglio in futuro le politiche di investimento dell'UE. È inoltre della massima importanza per gli enti regionali che tutte le politiche dell'UE contribuiscano alla coesione territoriale, come suggerito in questa 8 a relazione sulla coesione ".

Dario Nardella , presidente di Eurocities e sindaco di Firenze (IT), ha dichiarato che " la politica di coesione rimane lo strumento più importante a nostra disposizione per investire nelle persone e nei territori, e questa relazione dimostra l'efficacia di tale politica nel portare equilibrio in ogni parte d'Europa, come prova il recupero del ritardo di sviluppo da parte delle regioni dell'Est europeo. Dobbiamo accrescere le possibilità di attingere a questa risorsa in particolare per i comuni e per le città metropolitane, che sono i poli di innovazione che contribuiscono a stimolare lo sviluppo regionale. Ciò è tanto più importante in un momento come questo, in cui cerchiamo di riprenderci dagli effetti della pandemia di COVID-19 orientando gli investimenti pubblici verso una trasformazione giusta, verde e digitale delle nostre città ".

Per contattare la segreteria:

CohesionAlliance@cor.europa.eu

Condividi :
 
Notizie correlate

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/CITIES-AND-REGIONS-DEMAND-NEW-RESOURCES-EU-BUDGET.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/COHESION-ALLIANCE---COHESION-FORUM.ASPX

Cities and regions demand new revenue sources for the EU budget
Cities and regions demand new revenue sources for the EU budget
01.12.2022

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/SOCIAL-COHESION-RISKS.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/COHESION-ALLIANCE---COHESION-FORUM.ASPX

La coesione sociale ed economica è a rischio se i territori remoti vengono trascurati dalle politiche dell'UE
La coesione sociale ed economica è a rischio se i territori remoti vengono trascurati dalle politiche dell'UE
01.12.2022

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/SMALL-URBAN-AREAS-GREEN-DIGITAL-TRANSITIONS.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/COHESION-ALLIANCE---COHESION-FORUM.ASPX

Europe cannot leave its small urban areas behind in green and digital transitions
Europe cannot leave its small urban areas behind in green and digital transitions
01.12.2022

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/COTER-22112022.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/COHESION-ALLIANCE---COHESION-FORUM.ASPX

Europe needs a “winter of solidarity” to cope with skyrocketing energy prices, local leaders warn
Europe needs a “winter of solidarity” to cope with skyrocketing energy prices, local leaders warn
23.11.2022

1.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/COHESION-ALLIANCE-REACTION-TO-GAC-CONCLUSIONS.ASPX

2.HTTPS://COR.EUROPA.EU/IT/NEWS/PAGES/COHESION-ALLIANCE---COHESION-FORUM.ASPX

Le regioni e le città dell'UE accolgono con favore l'impegno degli Stati membri a mantenere la politica di coesione tra i pilastri portanti dell'Unione
Le regioni e le città dell'UE accolgono con favore l'impegno degli Stati membri a mantenere la politica di coesione tra i pilastri portanti dell'Unione
22.11.2022