Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Il CdR è pronto a rappresentare un milione di politici regionali e locali all'interno della Conferenza sul futuro dell'Europa  

Roberto Ciambetti farà parte della delegazione composta da 18 membri, 9 donne e 9 uomini, che parteciperà alla riunione inaugurale della plenaria della Conferenza per rafforzare il ruolo degli enti locali e regionali nel funzionamento democratico dell'UE e per evidenziare la dimensione territoriale delle politiche dell'UE

La delegazione del Comitato europeo delle regioni (CdR) alla Conferenza sul futuro dell'Europa si è riunita il 16 giugno per preparare il suo contributo alla sessione inaugurale della plenaria della Conferenza sul futuro dell'Europa che si terrà il 19 giugno a Strasburgo. I delegati intendono cogliere l'opportunità offerta dalla Conferenza per rafforzare la dimensione democratica dell'Unione europea e ristabilire la fiducia dei cittadini nel progetto europeo. Il CdR, in quanto organo dell'UE che rappresenta il livello di governo più vicino ai cittadini, si impegna a farsi portavoce degli enti locali e regionali alla Conferenza.

Il Presidente del Comitato europeo delle Regioni Apostolos Tzitzikostas , che guiderà la delegazione, ha dichiarato: "Il Comitato europeo delle regioni è l'Assemblea politica dell'UE che rappresenta un milione di politici locali eletti in tutta Europa. La nostra priorità è garantire che la Conferenza ascolti la voce di chi vive nelle nostre regioni e città e nei nostri piccoli centri. Faremo in modo che le proposte presentate dai cittadini nel corso dei nostri dialoghi locali e il contributo politico raccolto nelle nostre sessioni plenarie, attraverso le attività dei nostri membri e in occasione dei nostri eventi chiave siano presi in considerazione nella relazione finale".

Roberto Ciambetti (IT/ECR), Capo della delegazione italiana al CdR e Presidente del Consiglio regionale del Veneto, ha detto: " Il futuro dell’Europa passa per le regioni, le città e gli enti locali che hanno scritto la storia del nostro continente e che oggi vogliono dare il loro contributo insostituibile nel segno della sussidiarietà e della lealtà dei rapporti tra le istituzioni, nel rispetto dell’ambiente, della cultura, della storia e dell'identità dei nostri popoli e territori. Non c’è Europa senza le regioni e le città. Non c’è futuro senza un'economia circolare, un nuovo patto generazionale, solidarietà e welfare ".

Il primo vicepresidente del CdR Vasco Alves Cordeiro , anche lui membro della delegazione del CdR, ha aggiunto: "In quanto politici locali e regionali, accettiamo la sfida di contribuire alla costruzione di un'Europa migliore. Ma non sarà sufficiente ascoltare i cittadini. Dal momento che le persone sono invitate a dare la loro visione del loro futuro, i leader dell'UE, a tutti i livelli, dovranno rispondere alle attese. Ciò che vogliamo tutti dalla Conferenza sono cambiamenti concreti per avvicinare l'UE ai suoi cittadini. Il CdR mobiliterà il maggior numero possibile di politici locali e regionali per far sentire la voce dei nostri territori in seno alla Conferenza. E presenteremo proposte concrete, sul funzionamento dell'Unione e sulle diverse politiche, per costruire un'Europa equa".

La delegazione del CdR, che parteciperà a tutti gli eventi della sessione plenaria della Conferenza, intende:

presentare contributi scritti con il sostegno del gruppo ad alto livello sulla democrazia europea , un organo consultivo indipendente composto da sette saggi, uomini e donne, presieduto dall'ex Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, la cui missione è sostenere il ruolo politico e istituzionale del CdR fornendo analisi politiche strategiche incentrate sugli aspetti locali e regionali;

organizzare dialoghi e dibattiti nei territori rappresentati dai suoi membri e comunicarne i risultati;

costruire alleanze di delegati con idee affini in seno alla Conferenza, per promuovere insieme raccomandazioni pertinenti per le regioni, le città e i piccoli centri di tutta l'UE;

mobilitare le sue reti, come le associazioni di enti locali e regionali di tutta l'UE, la rete degli ex membri del CdR e la rete di consiglieri locali dell'UE di recente istituzione , al fine di incoraggiare i politici locali e regionali a organizzare dibattiti con i cittadini. I risultati di tali consultazioni saranno comunicati alla plenaria della Conferenza.

Il CdR presenterà il suo contributo finale alla Conferenza in occasione del 9º vertice europeo delle regioni e delle città , che si terrà il 3 e 4 marzo 2022 durante la presidenza di turno francese del Consiglio dell'UE.

Composizione della delegazione del CdR alla Conferenza sul futuro dell'Europa:

Apostolos Tzitzikostas , Presidente del CdR (presidente della regione Macedonia centrale, Grecia, presidente dell'Associazione delle regioni greche)

Gruppo PPE

Olgierd Geblewicz , presidente del gruppo PPE (presidente della regione Pomerania occidentale, Polonia, presidente dell'Associazione polacca delle regioni)

Jelena Drenjanin , prima vicepresidente del gruppo PPE (vicesindaca di Huddinge, Svezia, presidente della commissione per la governance, Congresso dei poteri locali e regionali, Consiglio d'Europa)

Mark Speich , presidente della commissione Cittadinanza, governance, affari istituzionali ed esterni del CdR (sottosegretario del Land Renania settentrionale-Vestfalia, Germania)

Isabel Díaz Ayuso , presidente della regione di Madrid, Spagna

Ilse Aigner , presidente del parlamento del Land Baviera e delegata del CdR a nome dei parlamenti regionali, Germania

Gruppo PSE

Vasco Alves Cordeiro , primo vicepresidente del CdR (membro del parlamento regionale delle Azzorre, Portogallo)

Yoomi Renström , prima vicepresidente del gruppo PSE (consigliera comunale di Ovanåker, Svezia)

Concepción Andreu Rodríguez , vicepresidente del gruppo PSE (presidente del governo regionale della Rioja, Spagna)

Kata Tüttő , vicepresidente del gruppo PSE (vicesindaca di Budapest, Ungheria)

Karl-Heinz Lambertz , presidente del gruppo direttivo per la sussidiarietà del CdR (presidente del parlamento della comunità germanofona, Belgio)

Gruppo Renew Europe

Paula Fernández , ministra dell'Interno, della giustizia e degli affari europei, regione Cantabria, Spagna

Mirja Vehkapera , sindaca di Oulu, Finlandia

François Decoster , presidente del gruppo Renew Europe (sindaco di Saint Omer, Francia)

Gruppo ECR

Władysław Ortyl, presidente del gruppo ECR (presidente della regione Precarpazia, Polonia)

Roberto Ciambetti , Capo della delegazione italiana al CdR, Presidente del Consiglio regionale del Veneto, Coordinatore della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Provincie autonome italiane

Gruppo AE

Kieran McCarthy , presidente del gruppo AE (consigliere comunale di Cork, Irlanda)

Gruppo dei Verdi

Muhterem Aras , presidente del parlamento del Land Baden-Württemberg, Germania

I 18 membri della delegazione del CdR alla Conferenza sono stati selezionati in base alla rappresentatività dell'appartenenza politica, all'equilibrio geografico, alla rappresentatività dei diversi livelli di enti subnazionali e all'equilibrio di genere.

Qualche informazione di base:

La plenaria della Conferenza è composta da 433 membri: 108 rappresentanti del Parlamento europeo, 54 del Consiglio, 3 della Commissione europea, 108 dei parlamenti nazionali, 80 dei gruppi europei di cittadini (un terzo dei quali hanno meno di 25 anni), il presidente del Forum europeo della gioventù, 27 rappresentanti dei gruppi nazionali dei cittadini, 18 rappresentanti ciascuno per il CdR e il CESE, 8 rappresentanti ciascuno per le parti sociali e la società civile.

Sondaggio dei cittadini organizzato dal CdR in merito alla Conferenza sul futuro dell'Europa

Contributo del CdR alla Conferenza sul futuro dell'Europa

Piattaforma digitale multilingue della Conferenza sul futuro dell'Europa

Contatti stampa:

Marie-Pierre Jouglain

Tel. +32 (0) 473 52 41 15

mariepierre.jouglain@cor.europa.eu

Share: