Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Adattamento ai cambiamenti climatici: le città e le regioni esortano l'UE a dare un taglio alla burocrazia e semplificare l'accesso ai fondi  

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) ha adottato le sue proposte sull'adattamento ai cambiamenti climatici nel parere Plasmare un'Europa resiliente ai cambiamenti climatici – La nuova strategia dell'UE di adattamento ai cambiamenti climatici . Il CdR chiede di utilizzare come criteri per gli appalti pubblici politiche basate sulla domanda, incentivi di mercato, impronte ecologiche e azioni positive in materia di carbonio, ed esorta ad accelerare la cooperazione con il mondo accademico e le imprese per promuovere l'innovazione su larga scala, prodotti e servizi sostenibili, e le soluzioni basate sulla natura. Sebbene si preveda per il 2020 un calo del 35% delle emissioni nette di gas a effetto serra rispetto ai livelli del 1990, la ripresa economica dalla pandemia di COVID-19 rischia di innescarne un nuovo aumento. Circa il 40% delle città dell'UE con una popolazione di oltre 150 000 abitanti ha adottato piani di adattamento ai cambiamenti climatici.

Durante la presentazione del parere di cui è relatore alla sessione plenaria del CdR , Markku Markkula (FI/PPE), presidente del consiglio comunale di Espoo e della regione di Helsinki, ha dichiarato: " Dobbiamo iniziare riducendo gli oneri burocratici e semplificando l'accesso ai finanziamenti dell'UE. Abbiamo anche bisogno di una maggiore ambizione, e l'UE deve incoraggiare misure di avanguardia, le innovazioni socioculturali e solidi incentivi basati sul mercato per favorire la diffusione di nuove tecnologie di riduzione delle emissioni di CO 2 . I comuni e le regioni devono elaborare i loro piani d'azione del Green Deal a livello locale in stretta cooperazione con il mondo accademico, gli istituti di ricerca e le imprese private. A tal fine, le nuove azioni positive in materia di carbonio per prodotti, sistemi e servizi sono fondamentali ".

Nel parere elaborato dall'ex Presidente del CdR Markku Markkula si sottolinea la necessità di porre fine ai sussidi diretti e indiretti ai combustibili fossili, come le attuali esenzioni fiscali in vigore per il carburante per aeromobili, e di garantire un efficace sistema di fissazione del prezzo della CO 2 , che comprenda un meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere per eliminare la rilocalizzazione delle emissioni di carbonio e proteggere le imprese dalle pratiche anticoncorrenziali. Il parere del CdR invita gli enti locali e regionali a ricorrere agli appalti pubblici per accelerare la domanda di prodotti e servizi innovativi e sostenibili, per attuare soluzioni di adattamento basate sulla natura nelle aree urbane verdi e per proteggere e ripristinare la capacità delle foreste di fungere da serbatoi di CO 2 .

L'europarlamentare Maria Spyraki (EL/PPE), che ha partecipato al dibattito in aula, ha sottolineato che: " Nessuna politica di adattamento ai cambiamenti climatici avrà successo se non tiene conto delle esigenze, delle opinioni e delle competenze delle regioni e delle città. Abbiamo bisogno di coerenza e coordinamento tra le politiche dell'UE e della giusta combinazione di meccanismi di mercato, imposte, misure di finanziamento, disposizioni giuridiche e impegni volontari del settore pubblico per attrarre investimenti per l'adattamento ai cambiamenti climatici. Affrontare i cambiamenti climatici significa ridurre le emissioni di gas a effetto serra. Il metano è un gas a effetto serra che riscalda il pianeta 86 volte più dell'anidride carbonica. È quindi fondamentale negoziare un accordo principale sulle emissioni di metano in occasione della prossima COP 26 di Glasgow al fine di istituire un quadro normativo mondiale per il metano nel 2021 ".

Sul fronte finanziario, il CdR esorta a ridurre gli oneri burocratici e a semplificare l'accesso ai fondi dell'UE. Il CdR si compiace del nuovo impegno della Banca europea per gli investimenti (BEI) ad aumentare la quota dei finanziamenti destinati all'azione per il clima entro il 2025, ed accoglie con favore l'elaborazione della tabella di marcia della banca per il clima e l'introduzione del sistema di valutazione dei rischi climatici ( Climate Risk Assessment system – CRA) della BEI.

Il CdR esorta l'industria europea ad avviare e sostenere con investimenti le azioni positive in materia di carbonio, quali il potenziamento dell'efficienza energetica, la riduzione dell'uso di materiali, l'introduzione di materie prime rispettose del clima, la riduzione della quantità di rifiuti, l'estensione del ciclo di vita dei prodotti e il miglioramento dell'utilizzabilità dei prodotti. Le azioni positive in materia di carbonio sono rappresentate dall'impatto ambientale positivo di un prodotto o servizio durante il suo ciclo di vita.

Il CdR appoggia il meccanismo di sostegno delle politiche, come proposto nella strategia dell'UE di adattamento ai cambiamenti climatici , volto a fornire assistenza tecnica all'elaborazione e all'attuazione delle strategie di adattamento locali, e si dichiara altresì disponibile a mettere a punto tale meccanismo in collaborazione con la Commissione europea.

Il CdR esorta la Commissione europea a raccomandare vivamente agli Stati membri di coinvolgere i governi subnazionali nell'elaborazione delle strategie nazionali di adattamento ai cambiamenti climatici, di includere una ripartizione di tali strategie su base regionale e di sostenere la definizione di piani regionali e locali di adattamento.

Il CdR propone di ampliare la sfera d'azione dell' Osservatorio europeo per il clima e la salute nel quadro della piattaforma europea Climate-ADAPT, in modo da includere anche gli effetti dell'urbanizzazione e dell'invecchiamento nell'ambito della sua missione di raccolta, monitoraggio e analisi di dati, strumenti e competenze per prevenire gli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute umana.

Il Comitato chiede una rapida attuazione delle missioni previste nel quadro di Orizzonte Europa, comprese le due missioni incentrate sul clima: "un'Europa resiliente ai cambiamenti climatici" e "100 città climaticamente neutre entro il 2030". Il CdR sottolinea il suo impegno a realizzare il piano d'azione comune , firmato nel novembre 2020 con la commissaria Mariya Gabriel , ed è pronto a cooperare con il Centro comune di ricerca per organizzare attività di ricerca e apprendimento nell'ambito del tema La scienza incontra le regioni . Il CdR sottolinea l'importanza fondamentale di stipulare contratti di partenariato tra l'UE e le città e le regioni con ruoli dimostrativi nel quadro delle missioni "Città intelligenti" e "Adattamento ai cambiamenti climatici".

In materia di digitalizzazione, dati e spazio, il CdR pone in rilievo l'importanza di utilizzare sistemi preventivi di informazione, sistematici e globali, quali Galileo e Copernicus , per poter prevedere i rischi legati al clima, e incoraggia gli enti locali e regionali a utilizzare i servizi relativi ai cambiamenti climatici di Copernicus (C3S) .

Insieme al parere elaborato da Markku Markkula sull'adattamento ai cambiamenti climatici, il CdR ha presentato le sue posizioni politiche sull'azione globale per il clima in vista della COP 26 in un parere di cui è relatore Vincent Chauvet (FR/Renew Europe), sindaco di Autun.

Per saperne di più:

I cambiamenti climatici stanno producendo effetti di vasta portata sugli ecosistemi, i settori economici, la salute umana e il benessere in Europa.  Secondo la Commissione europea , tra il 1980 e il 2016 le condizioni meteorologiche sfavorevoli e altri fenomeni estremi legati al clima hanno causato in Europa perdite per oltre 436 miliardi di euro.

Benché si stimi che nel 2020 le emissioni nette di gas a effetto serra siano del 30-35% inferiori ai livelli del 1990, le medesime stime indicano che il rimbalzo dell'economia dopo la crisi della COVID-19 riporterà le emissioni ai livelli precedenti, a meno che non vengano adottate ulteriori misure. Secondo le stime, nel 2019 le emissioni dell'UE, compresi gli assorbimenti, sono diminuite del 25% rispetto al 1990, mentre nello stesso periodo l'economia è cresciuta del 62%. Ciò dimostra che possiamo affrontare i cambiamenti climatici e garantire contemporaneamente una crescita economica duratura e la creazione continua di posti di lavoro ( comunicazione della Commissione ).

Next Generation EU e il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2021-2027, con un peso complessivo di oltre 1 800 miliardi di euro, offrono una capacità d'intervento significativa per contribuire a realizzare la duplice transizione verde e digitale (Commissione europea, Un traguardo climatico 2030 più ambizioso per l'Europa – Investire in un futuro a impatto climatico zero nell'interesse dei cittadini , COM(2020) 562 final ).

Circa il 40% delle città dell'UE con una popolazione di oltre 150 000 abitanti ha adottato piani di adattamento ai cambiamenti climatici ( comunicazione della Commissione ).

Nel novembre 2020 , il relatore del CdR sull'adattamento ai cambiamenti climatici, Markku Markkula, ha esortato la Commissione europea a sviluppare una strategia europea di adattamento più ambiziosa, in linea con i principi di sussidiarietà attiva e di proporzionalità, riconoscendo il ruolo cruciale svolto in questo campo dalle città e dalle regioni e fornendo loro gli strumenti necessari per mettere a punto soluzioni basate sul territorio.

Il 24 febbraio 2021 la Commissione europea ha adottato la nuova strategia dell'UE di adattamento ai cambiamenti climatici , che stabilisce in che modo l'Unione europea può adattarsi agli effetti inevitabili dei cambiamenti climatici e diventare resiliente a tali cambiamenti entro il 2050. La strategia ha quattro obiettivi principali: rendere l'adattamento più intelligente, più sistemico e più rapido e promuovere azioni internazionali sull'adattamento ai cambiamenti climatici.

Il CdR è determinato a contribuire ad accelerare la transizione verso la neutralità climatica con la sua iniziativa Green Deal a livello locale .

Markku Markkula e Vincent Chauvet sono entrambi membri del gruppo di lavoro Green Deal a livello locale del CdR, di cui fa parte anche la vicesindaca della Città Metropolitana di Milano, Arianna Censi (IT/PSE).

Contatti stampa:

David Crous

david.crous@cor.europa.eu

+32 (0) 470 88 10 37

Share: