Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Conferenza sul futuro dell'Europa: i leader locali e regionali al centro delle consultazioni dei cittadini  

In una relazione intermedia il CdR chiede l'istituzione di un'assemblea permanente dei cittadini dell'UE

Per il Comitato europeo delle regioni (CdR), un processo permanente di consultazione dei cittadini attraverso i loro rappresentanti locali e regionali costituirebbe un importante miglioramento della democrazia europea. Mentre si tiene a Strasburgo questo fine settimana l'ultimo ciclo di dibattiti nell'ambito della Conferenza sul futuro dell'Europa, il CdR ha presentato una relazione intermedia basata sul contributo fornito dai cittadini durante i dialoghi locali sui nove temi principali della Conferenza. Il contributo di quasi 130 dialoghi con i cittadini in tutta l'UE dimostra chiaramente che i leader locali e regionali sono considerati soggetti primari di questo processo di consultazione. Le idee raccolte nel corso di questi dialoghi sono state presentate alla piattaforma digitale della Conferenza e rifletteranno la voce dei cittadini insieme ai panel europei di cittadini organizzati nel quadro della Conferenza.

La relazione del CdR rispecchia i risultati di oltre 130 eventi che si sono svolti nel 2021, raggiungendo oltre 10 000 cittadini, politici locali e parti interessate. Il CdR ha collaborato con la Fondazione Bertelsmann , le amministrazioni locali e regionali, le associazioni che rappresentano gli interessi locali e regionali e le istituzioni dell'UE con l'obiettivo di consultare i cittadini e i politici locali sui nove temi della Conferenza , al fine di contribuire a sviluppare la propria posizione sul futuro della democrazia europea.

Apostolos Tzitzikostas , Presidente del Comitato europeo delle regioni e capo della delegazione degli enti locali e regionali alla plenaria della Conferenza sul futuro dell'Europa, ha dichiarato: " La Conferenza sul futuro dell'Europa rappresenta l'occasione per ascoltare i cittadini e le loro esigenze e discutere con loro soluzioni che apportino risultati concreti e tangibili. Sin dall'inizio l'impegno del Comitato europeo delle regioni è stato quello di portare la Conferenza in ogni regione, città e villaggio d'Europa, e riteniamo che l'Unione europea debba portare avanti questo dialogo con i cittadini perché questo rafforzerà la nostra democrazia europea. Questa relazione intermedia mostra che le regioni e le città dell'UE hanno sviluppato approcci molteplici e innovativi e che il rispetto di principi fondamentali, quali l'inclusività, la deliberazione e la valutazione dell'impatto delle assemblee dei cittadini, è fondamentale per garantire processi efficaci e sostenibili di coinvolgimento dei cittadini. Un'assemblea permanente dei cittadini a livello dell'UE dovrebbe collegare i diversi livelli dei parlamenti e dei governi, che sono importanti per affrontare le sfide territoriali specifiche cui i cittadini devono fare fronte, ad esempio nelle regioni frontaliere, nelle regioni in declino demografico e nelle zone remote o rurali. La nostra delegazione alla plenaria della Conferenza, forte di trenta leader locali e regionali, sosterrà nelle discussioni con gli altri delegati l'idea di istituire un'assemblea dei cittadini dell'UE. "

Tra i risultati iniziali della relazione intermedia figurano:

- Un'assemblea permanente dei cittadini dell'UE , che colleghi i livelli di governance locale, regionale, nazionale ed europeo, potrebbe far parte del seguito della Conferenza sul futuro dell'Europa. Al fine di garantire un approccio basato sul territorio, in tale assemblea potrebbero essere rappresentati i cittadini con esigenze specifiche provenienti dalle regioni frontaliere, dalle regioni remote, dalle regioni che affrontano sfide demografiche, dalle zone rurali o dalle destinazioni turistiche.

- Un'assemblea permanente dei cittadini dell'UE che dia seguito alla Conferenza dovrebbe andare oltre la fase di ascolto e concentrarsi sulla necessità di garantire che le politiche e la legislazione dell'UE tengano conto dei contributi significativi dei cittadini.

- Le regioni e le città sono attori chiave nella partecipazione dei cittadini: tale partecipazione ha assunto il ruolo di nuovo metodo di elaborazione delle politiche, che integra la democrazia rappresentativa in molte regioni e città dell'UE. La relazione conferma l'interesse dei governi locali a sviluppare il coinvolgimento deliberativo dei cittadini sia a livello locale che europeo.

- La comunicazione e la trasparenza sono fondamentali: la partecipazione dei cittadini su scala europea dovrebbe essere accompagnata da un approccio multilingue alla comunicazione , che fornisca informazione, trasparenza e la possibilità di coinvolgimento di altri soggetti interessati di tutti gli Stati membri dell'UE.

La versione definitiva della relazione sarà disponibile in occasione del 9º vertice europeo delle regioni e delle città che si terrà a Marsiglia il 3 e 4 marzo 2022.

Contesto:

Link alla relazione intermedia del CdR sul tema Cittadini, politici locali e futuro dell'Europa .

L'obiettivo della delegazione degli enti locali e regionali alle sessioni plenarie della Conferenza sul futuro dell'Europa è quello di instaurare dei contatti con gli altri 420 delegati per rafforzare il ruolo degli enti locali e regionali nel funzionamento democratico dell'Unione europea e promuovere la dimensione territoriale delle politiche dell'UE. Oltre a partecipare a tutti i formati della sessione plenaria della Conferenza, a organizzare dialoghi con i cittadini e a presentare relazioni su tali dialoghi, la delegazione del CdR provvede a:

- presentare contributi scritti con il sostegno del gruppo ad alto livello sulla democrazia europea , un organo consultivo indipendente composto da sette saggi, uomini e donne, e presieduto dall'ex Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, la cui missione è sostenere il ruolo politico e istituzionale del CdR fornendo analisi politiche strategiche incentrate sugli aspetti locali e regionali;

- costruire alleanze di delegati con idee affini in seno alla Conferenza, per promuovere insieme raccomandazioni pertinenti per le regioni, le città e i piccoli centri di tutta l'UE;

- mobilitare le sue reti, come le associazioni di enti locali e regionali di tutta l'UE, la rete degli ex membri del CdR e la rete di consiglieri locali dell'UE , al fine di incoraggiare i politici locali e regionali a organizzare dibattiti con i cittadini. I risultati di tali consultazioni saranno comunicati alla plenaria della Conferenza.

Si veda il contributo del CdR alla Conferenza sul futuro dell'Europa nella piattaforma multilingue della Conferenza sul futuro dell'Europa .

Contatto stampa:

Marie-Pierre Jouglain

Tel. +32 473 52 41 15

mariepierre.jouglain@cor.europa.eu

Share: