Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Le città e le regioni chiedono sostegno per le regioni carbonifere in transizione  

Le esigenze delle regioni carbonifere europee nel contesto della transizione energetica dell'UE sono state il primo argomento discusso dalla commissione Politica economica (ECON) del Comitato europeo delle regioni (CdR) riunitasi il 9 luglio a Bruxelles. In un parere elaborato da Mark Speich, sottosegretario del Land Renania settentrionale-Vestfalia agli Affari federali, europei e internazionali, i membri della commissione ECON hanno chiesto un adeguamento delle norme sugli aiuti di Stato e un finanziamento supplementare per le regioni interessate nel quadro della politica di coesione 2021-2027.

Nel 2018 la Commissione europea ha pubblicato la sua visione strategica a lungo termine per realizzare entro il 2050 un'economia prospera, moderna, competitiva e climaticamente neutra. Per raggiungere questo obiettivo, l'UE deve rinunciare in larga misura alle fonti di energia fossili e, in particolare, ridurre significativamente la produzione di energia dal carbone. Il carbone è ancora estratto in 41 regioni NUTS-2*, in 12 Stati membri, dove svolge un ruolo fondamentale nelle economie locali.

Mark Speich (DE/PPE), sottosegretario del Land Renania settentrionale-Vestfalia agli Affari federali, europei e internazionali, e relatore del parere del CdR Ristrutturazione socioeconomica delle regioni carbonifere in Europa , ha dichiarato che: "attualmente in tutta Europa l'estrazione del carbone dà lavoro a 185 000 persone, mentre altre 52 000 sono occupate nel settore della produzione di energia elettrica dal carbone. Inoltre, l'industria del carbone è indirettamente legata a diversi settori dell'economia, come ad esempio la fornitura di fattori produttivi, beni strumentali, servizi e beni di consumo, dai quali dipendono altri 215 000 posti di lavoro. La trasformazione dell'economia e la creazione di nuove industrie richiederanno tempo. Dobbiamo pertanto assicurare ai lavoratori e alle comunità interessati il sostegno, la formazione e l'assistenza finanziaria di cui hanno bisogno per ricostruire le loro economie locali. Dobbiamo offrire loro una nuova prospettiva, affinché sappiano che non saranno lasciati indietro" .

In questo contesto, i membri della commissione ECON accolgono con favore la richiesta del Parlamento europeo di prevedere l'istituzione di un Fondo per una transizione energetica equa nel prossimo bilancio a lungo termine dell'UE (quadro finanziario pluriennale). Tuttavia, sottolineano che risorse supplementari nel quadro della politica di coesione 2021-2027 risulterebbero più adatte di un fondo centralizzato per aiutare le regioni carbonifere e soddisfare la loro necessità di un sostegno su misura. Ciò è particolarmente importante in quanto tali regioni presentano notevoli differenze per quanto concerne la posizione geografica, il livello di sviluppo economico e le prospettive demografiche.

Jerzy Buzek (PL/PPE), presidente della commissione Industria, ricerca ed energia del Parlamento europeo, ha dichiarato: " Sono lieto che il CdR si unisca alle istituzioni dell'UE che sostengono l'istituzione del Fondo per una transizione energetica equa per le regioni carbonifere, che io ho proposto in seno alla commissione ITRE del PE e che ha ricevuto il sostegno della stragrande maggioranza degli eurodeputati. Anche se le sinergie con i fondi di coesione saranno importanti, il Parlamento si aspetta finanziamenti supplementari e una linea di bilancio distinta per il Fondo nel nuovo quadro finanziario pluriennale. Si tratta di una condizione fondamentale per lanciare non solo un segnale forte ai cittadini delle regioni carbonifere, che non devono essere lasciati indietro, ma anche un messaggio importante per sottolineare l'importanza che attribuiamo nell'UE all'accordo di Parigi, alla nostra transizione energetica e agli ambiziosi obiettivi climatici ".

I membri della commissione ECON hanno inoltre posto l'accento sul valore aggiunto europeo derivante dal sostegno alle regioni carbonifere in questa fase di transizione, e hanno raccomandato di concedere alle regioni carbonifere un livello sufficiente di flessibilità nell'applicazione delle norme dell'UE in materia di aiuti di Stato, per consentire loro di eliminare gradualmente il carbone in modo sostenibile sul piano sociale ed economico.

Nel corso della riunione i membri del CdR hanno inoltre discusso e adottato i seguenti pareri:

Relazione sull'attuazione delle direttive sugli appalti pubblici , relatore: Thomas Habermann (DE/PPE)

Il contributo delle regioni e delle città a un nuovo quadro strategico dell'UE per le PMI , relatore: Tadeuz Truskolaski (PL/AE)

Nota per la stampa:

* La classificazione NUTS (classificazione comune delle unità territoriali per la statistica) è un sistema gerarchico che permette di suddividere il territorio economico dell'UE per la raccolta, lo sviluppo e l'armonizzazione delle statistiche regionali europee, delle analisi socioeconomiche delle regioni e della definizione delle politiche regionali dell'UE. Per ogni Stato membro dell'UE, una gerarchia di tre livelli NUTS viene stabilita da Eurostat, in accordo con ciascuno Stato membro. Le suddivisioni di alcuni livelli non corrispondono necessariamente alle suddivisioni amministrative interne degli Stati.

Contatti stampa:

Carmen Schmidle

Tel. +32 (0)2 282 2366

carmen.schmidle@cor.europa.eu