Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Il premio Paweł Adamowicz onorerà l'impegno di chi lotta per la libertà e la solidarietà, e combatte contro l'intolleranza, l'oppressione e la xenofobia  

Il Comitato europeo delle regioni, insieme con la Rete internazionale delle città rifugio e la città di Danzica, annuncia il lancio del premio che onora la memoria del sindaco di Danzica e membro del CdR, assassinato nel 2019

Il Comitato europeo delle regioni (CdR), insieme alla Rete internazionale delle città rifugio (International Cities of Refuge Network - ICORN) e alla città di Danzica, ha annunciato il 19 marzo, alla presenza della Commissaria per gli Affari interni, Ylva Johansson , l'istituzione del premio Sindaco Paweł Adamowicz. Il premio, intitolato a Paweł Adamowicz, sindaco di Danzica e membro del CdR, assassinato nel 2019, sarà un riconoscimento per l'impegno di coloro che lottano per la libertà e la solidarietà e combattono contro l'intolleranza, l'oppressione e la xenofobia.

L'obiettivo del premio Sindaco Paweł Adamowicz è quello di sviluppare la sua eredità nello spirito della missione fondamentale dell'ICORN che consiste nella promozione della libertà di espressione, nella difesa dei valori democratici e nella promozione della solidarietà internazionale. L'istituzione di questo premio è un atto di omaggio e un riconoscimento per tutti coloro che lavorano con coraggio e integrità contro l'intolleranza, la radicalizzazione, l'incitamento all'odio, l'oppressione e la xenofobia e che si adoperano per promuovere le pari opportunità, l'integrazione sociale e i diritti fondamentali.

Apostolos Tzitzikostas , Presidente del Comitato europeo delle regioni e della regione della Macedonia centrale, ha dichiarato: " Non dimenticheremo mai la passione e la dedizione di Paweł Adamowicz a favore della sua comunità e la protezione che ha offerto a chi ne aveva bisogno. Con questo premio intendiamo incoraggiare gli attori locali e regionali a continuare a lottare contro la radicalizzazione, l'incitamento all'odio e la discriminazione nelle loro comunità ".

Ylva Johansson , Commissaria europea per gli Affari interni, ha descritto Paweł Adamowicz come " un leader locale e un leader europeo, che si è battuto per la libertà e i suoi valori: prima, in gioventù, contro il comunismo, e poi sostenendo i diritti dei rifugiati e della popolazione LGBTQ, spesso contro una forte opposizione e persino manifestazioni di odio ". La Commissaria ha elogiato l'iniziativa di istituire un premio alla sua memoria, affermando che è necessario " riconoscere il lavoro dei leader locali che accolgono i rifugiati nelle loro comunità, che lavorano per la tolleranza, la libertà, i diritti fondamentali e l'inclusione sociale, e che meritano di essere al centro dell'attenzione, anzi, che devono essere al centro dell'attenzione " . Nel suo intervento ha espresso anche un forte sostegno ai leader locali, rivolgendosi ai leader locali e regionali in questi termini: " il vostro ruolo vi mette nella posizione migliore per fare la differenza, nei villaggi, nelle città e nelle regioni, nelle strade, nelle scuole e nei quartieri d'Europa. Perché è lì che batte il cuore delle nostre comunità, il cuore del nostro continente e il cuore della nostra Unione europea. Agire a livello locale non significa agire da soli ".

Magdalena Adamowicz , membro del Parlamento europeo e vedova di Paweł Adamowicz, ha dichiarato : " Oggi la battaglia per garantire l'uguaglianza a ogni essere umano diventa una battaglia per l'Unione europea. L'uguaglianza è il fondamento stesso della nostra comunità, senza la quale l'Unione non potrà esistere. Abbiamo bisogno di coraggio per difendere l'uguaglianza e la libertà, perché esse sono il bersaglio su cui si concentrano gli attacchi delle forze antidemocratiche. Sappiamo che isolarci dai valori europei sarà come tagliare un albero dalle sue radici. Mio marito lo sapeva ed è per questo che ha difeso le nostre radici, i valori dell'umanitarismo e della democrazia con tale coraggio. Il premio Paweł Adamowicz ricorderà a noi europei che la pace e la prosperità dipendono dalla cooperazione, che la cooperazione ha bisogno di fiducia e rispetto reciproci, e che il rispetto è possibile solo quando tutti sono trattati allo stesso modo e con dignità. "

La sindaca di Danzica, Aleksandra Dulkiewicz , ha dichiarato: "' Danzica condivide quanto ha di buono ' . Sono state queste le ultime parole pronunciate da Pawel Adamowicz, che stava costruendo un mondo migliore, a dispetto dell'insensibilità, dell'intolleranza, dell'odio e della violenza. E noi facciamo lo stesso — condividiamo quanto di buono abbiamo. Non solo con i nostri cari, non solo con i cittadini di Danzica. La solidarietà e la libertà sono i valori che hanno plasmato Danzica e la necessità si manifesta in questo momento di un'azione e di un sostegno reali per coloro i cui diritti sono violati. E non importa da dove vengono, chi amano e a chi si rivolgono in preghiera. Nei nostri ospiti possiamo vedere molto di più di semplici immigrati in stato di bisogno. Per noi, è un'opportunità per imparare a conoscerli come artisti, partner alla pari, personalità di valore e semplicemente come vicini che meritano il nostro sostegno con cui vale la pena creare un futuro comune ".

Helge Lunde , direttrice esecutiva di ICORN ha detto: " Il lavoro di ICORN si basa sulla convinzione che le città possano essere attori importanti per i diritti umani e la libertà di espressione. Negli ultimi anni abbiamo creato una rete di approdi sicuri che offre rifugio a scrittori e artisti perseguitati di tutto il mondo e i valori dell'ospitalità, della creatività e della solidarietà si sono iscritti ancora più a fondo nel carattere particolare della città. Il sindaco Pawel Adamowicz ha lottato per la libertà e la solidarietà durante tutta la sua vita e la sua carriera. È stato Pawel Adamowicz a volere che Danzica entrasse a far parte di ICORN e per la nostra rete contribuire alla promozione dei valori per cui si è battuto è molto importante. L'ICORN si congratula con il Comitato europeo delle regioni per il lancio del premio a suo nome e, insieme con il CdR e la città di Danzica, siamo onorati di partecipare all'organizzazione della prima edizione del premio ".

Il premio Sindaco Paweł Adamowicz sarà assegnato a leader di città, leader civici, organizzazioni che lavorano in partenariato con gli enti locali e regionali e che, seguendo l'esempio del sindaco Adamowicz, costruiscono ponti e demoliscono muri con un chiaro senso di innovazione e responsabilità per le generazioni future, spianando la strada a cambiamenti sociali a favore dei più deboli, non sottraendosi ad alcuna battaglia urgente per i diritti umani e le libertà civili, a livello locale, nazionale o internazionale.

Paweł Adamowicz è stato accoltellato il 13 gennaio 2019 mentre parlava a un evento di beneficenza ed è morto il giorno successivo a causa delle ferite. Aveva 53 anni. Il suo assassinio è stato preceduto da un aumento dei discorsi d'incitamento all'odio nei suoi confronti. La sua morte ha innescato un dibattito sul contributo che la tendenza a una degradazione del discorso pubblico offre ai fenomeni della violenza, dell'estremismo, della propaganda e dell'intolleranza.

Adamowicz era impegnato a promuovere i valori fondamentali dell'UE ed era un membro attivo del Comitato europeo delle regioni. Nel 2016 il sindaco Adamowicz aveva lanciato il "modello di integrazione degli immigrati" di Danzica dopo aver incontrato Papa Francesco. È stato un modello che ha ispirato altre città polacche.

Contesto

Il Comitato europeo delle regioni, in quanto assemblea politica dei politici locali e regionali dell'UE, su iniziativa della delegazione polacca, ha adottato all'unanimità il 7 febbraio 2019, una risoluzione che condanna l'incitamento all'odio e le minacce di ogni tipo contro i leader politici.

La Rete internazionale delle città rifugio ( International Cities of Refuge - ICORN ) è un'organizzazione internazionale di 75 città e regioni europee e non, che offre rifugio sicuro a scrittori e artisti perseguitati, promuove la libertà di espressione, difende i valori democratici e promuove la solidarietà internazionale. Oltre 250 scrittori e artisti sono stati invitati a risiedere in una città ICORN. In un ambiente sicuro, essi continuano a svolgere un ruolo fondamentale, sia nel mettere in evidenza le violazioni dei diritti umani e della libertà di espressione nei loro paesi di residenza, sia nel sostenere i colleghi nel loro paese di origine. Per iniziativa del sindaco Pawel Adamowicz la città di Danzica ha aderito a ICORN il 30 agosto 2017.

Con l'adesione all'ICORN, le città diventano parte di una rete dinamica e globale di solidarietà e creatività. L'ICORN collega le pertinenti istituzioni pubbliche e organizzazioni della società civile attive nel campo dei diritti umani, della cultura, delle arti e della migrazione, nonché organismi governativi e intergovernativi, a livello locale e internazionale, e coopera con loro.

Contatti stampa:

Comitato europeo delle regioni

Wioletta Wojewodzka

Tel. +32 (0)2 282 2289

Cell. +32 (0)473 843 986

wioletta.wojewodzka@cor.europa.eu

Città di Danzica

Maciej Buczkowski

Tel. + 48 58 323 62 84

Rete internazionale delle città rifugio (International Cities of Refuge Network)

Helge Lunde

Tel. + 47 51 50 71 25

helge@icorn.org