Cliccare qui per ottenere una traduzione automatica del testo sottostante.
Il nuovo "metodo di lavoro" dell'UE attraverso un impegno a largo raggio e duraturo con i cittadini : quali sono le prossime tappe?  

In occasione del vertice europeo delle regioni e delle città , tenutosi a Bucarest il 14 e 15 marzo scorsi, il Presidente del Comitato europeo delle regioni (CdR) Karl-Heinz Lambertz e il Presidente del Comitato economico e sociale europeo (CESE) Luca Jahier hanno rinnovato l'invito alle istituzioni dell'UE affinché collaborino in vista dell'istituzione di un " meccanismo permanente dell'UE per la consultazione strutturata "  dei cittadini, delle città, delle regioni e della società civile nel corso del prossimo mandato (2019-2024).

Negli ultimi anni le istituzioni a livello europeo, nazionale e locale si sono tutte adoperate per coinvolgere i cittadini al fine non solo di migliorare l'elaborazione delle politiche dell'UE sul piano della qualità e della trasparenza, ma anche di aumentare il grado di accettazione di tali politiche. Oggi i presidenti di questi due organi consultivi dell'UE (ossia, Luca Jahier del Comitato economico e sociale europeo e Karl-Heinz Lambertz del Comitato europeo delle regioni) hanno rinnovato l'invito al Parlamento europeo, alla Commissione e al Consiglio europeo affinché venga istituito un meccanismo permanente congiunto per le "consultazioni dei cittadini europei".

" È più che mai necessaria una rinascita dell'Unione europea a partire dalle sue convinzioni e dai suoi valori fondamentali . Questa rinascita riguarda anche il modo i cui le istituzioni dell'UE tengono conto delle preoccupazioni delle persone e coinvolgono più direttamente i cittadini nel processo decisionale. Le organizzazioni della società civile possono svolgere un ruolo cruciale in tale contesto e sono pronte ad avviare un dialogo su nuove basi con i cittadini ", ha affermato Luca Jahier .

" La democrazia inizia nelle nostre regioni e città. I rappresentati eletti degli enti locali e regionali operano a stretto contatto con i cittadini e dialogano quotidianamente con loro. Esorto pertanto i leader locali di tutti gli Stati membri dell'UE a compiere uno sforzo più concertato per dare vita, una volta all'anno, a un vero e proprio dibattito europeo, che dovrebbe vertere sui temi che stanno più a cuore ai cittadini e trasmettere il relativo feedback, compreso un invito ad agire, alle istituzioni dell'UE. Limitarsi ad ascoltare non è sufficiente se vogliamo che l'Europa diventi più democratica ", ha dichiarato Karl-Heinz Lambertz .

Lo scorso 15 marzo, a Bucarest, il Presidente del CESE e il Presidente del CdR hanno entrambi preso la parola durante il vertice europeo delle regioni e delle città, una manifestazione organizzata congiuntamente dal CdR e dalla presidenza rumena dell'UE a cui hanno partecipato più di 700 persone, tra sindaci e rappresentanti eletti di giunte e assemblee regionali. Dal 2015 il CdR ha organizzato più di 200 dialoghi con i cittadini che hanno coinvolto 40.000 persone in 27 Stati membri. Il CESE ha dialogato con la società civile attraverso 27 consultazioni nazionali a cui hanno preso parte più di 1.000 rappresentanti di organizzazioni della società civile.

Contesto

Il 13 e 14 dicembre 2018 il Consiglio europeo ha discusso i risultati di 1.700 consultazioni e dialoghi con i cittadini organizzati dai governi nazionali in merito al tema "Il futuro dell'Europa". Il Presidente del CESE e il Presidente del CdR sono stati i primi a suggerire una linea d'azione proponendo di istituire un "meccanismo permanente per consultazioni e dialoghi strutturati con i cittadini" . Tale meccanismo coinvolgerebbe i parlamenti e le assemblee regionali, gli enti locali e le organizzazioni della società civile allo scopo di influire con regolarità sul ciclo delle politiche dell'UE. Il progetto è attualmente in fase di discussione da parte delle istituzioni dell'UE, in vista del suo lancio alla fine del prossimo anno. 

 

Per maggiori informazioni:

 Un meccanismo permanente dell'UE per consultazioni e dialoghi strutturati con i cittadini
Ottava edizione del vertice europeo delle regioni e delle città

          

Contatto stampa:
Nathalie Vandelle
Tel. +32 2 282 24 99
nathalie.vandelle@cor.europa.eu