La Conferenza sul futuro dell'Europa e il ruolo delle regioni e delle città dell'UE 

In quanto organo dell'UE che rappresenta il livello di governo più vicino ai cittadini, il Comitato europeo delle regioni è impegnato a svolgere un ruolo politico significativo.

Conferenza sul futuro dell'Europa

Sommario

​​​​​La Conferenza

"Avvicinare l'Europa ai cittadini" è la prima priorità politica del Comitato europeo delle regioni (CdR), e la Conferenza sul futuro dell'Europa costituisce l'evento più importante per conseguire questo obiettivo. La piattaforma digitale multilingue della Conferenza consente ai cittadini di interagire e discutere le loro proposte sui nove temi oggetto di consultazione nelle 24 lingue ufficiali dell'UE.

In quanto organo dell'UE che rappresenta il livello di governo più vicino ai cittadini, il Comitato europeo delle regioni (CdR) è impegnato a svolgere un ruolo politico significativo nella Conferenza attraverso la partecipazione attiva dei suoi rappresentanti al comitato esecutivo e alla sessione plenaria della Conferenza . Sono inoltre previsti oltre 120 dialoghi locali e transfrontalieri con i cittadini, e le idee e raccomandazioni che ne scaturiranno saranno pubblicate sulla piattaforma digitale multilingue.

L'obiettivo della delegazione del CdR che partecipa alle sessioni plenarie della Conferenza è instaurare dei contatti con gli altri 420 delegati per rafforzare il ruolo degli enti locali e regionali nel funzionamento democratico dell'Unione europea e promuovere la dimensione territoriale delle politiche dell'UE. Ecco una panoramica delle questioni che stanno a cuore dalle regioni e alle città dell'UE riguardo ai nove temi di discussione della Conferenza.

Cambiamenti climatici e ambiente

Perché questo tema è importante per le regioni e le città dell'UE?

L'obiettivo di trasformare l'Europa nel primo continente climaticamente neutro entro il 2050 grazie al "Green Deal europeo" deve essere adattato alle condizioni locali. Gli enti locali e regionali attuano il 70 % delle misure di mitigazione dei cambiamenti climatici e il 90 % delle politiche di adattamento a tali cambiamenti. Alla luce della diversità dei territori dell'UE è necessario adottare un approccio dal basso per rispettare il principio di sussidiarietà, garantendo nel contempo la flessibilità indispensabile per adattarsi alle diverse esigenze. Le regioni e le città si trovano in una posizione privilegiata in quanto lavorano a diretto contatto con i cittadini, promuovendone il cambiamento dei comportamenti in un'ottica di sostenibilità.

Quali sono le raccomandazioni del CdR?

Il CdR, in quanto organo consultivo, formula pareri per le istituzioni dell'UE in merito alla legislazione e alle politiche, tenendo conto della situazione e delle esigenze specifiche delle amministrazioni locali e regionali. Le questioni relative ai cambiamenti climatici e all'ambiente sono trattate dalla commissione Ambiente, cambiamenti climatici ed energia (ENVE) . Tra i tre temi chiave delle priorità politiche del Comitato europeo delle regioni per il periodo 2020-2025 figura la priorità "Costruire comunità resilienti", che si basa sulla recente iniziativa del CdR Green Deal a livello locale , costituita da un gruppo di lavoro composto da tredici rappresentanti eletti a livello locale e regionale.

Che cosa fa l'UE?

Per saperne di più: https://futureu.europa.eu/processes/GreenDeal?locale=it

Salute

Perché questo tema è importante per le regioni e le città dell'UE?

Gli enti locali e regionali si occupano dell'organizzazione e della prestazione dei servizi sanitari sul territorio. In molti casi sono responsabili anche della gestione, del controllo e del finanziamento degli operatori e delle strutture della sanità. Messi a dura prova dalla pandemia, questi sistemi sanitari e le relative infrastrutture devono essere ripensati per diventare più resilienti. Essi costituiscono il fondamento stesso dell' Unione europea della salute , volta a far sì che tutti i paesi dell'UE si preparino alle crisi sanitarie e le affrontino insieme, le forniture mediche siano disponibili, innovative e a buon mercato, e tutti lavorano insieme per migliorare la prevenzione, la terapia e la fase post-cure di malattie come il cancro.

Quali sono le raccomandazioni del CdR?

Il Comitato chiede un dibattito aperto sull'architettura della politica sanitaria dell'UE. In linea con le richieste dei cittadini europei, il Comitato ha sostenuto gli stanziamenti a sé stanti per la sanità nel bilancio dell'UE e ha raccomandato di rendere i sistemi sanitari a prova di crisi. A tal fine è necessario rafforzare le capacità di produzione dell'UE e costituire una scorta di prodotti strategici per salvaguardare l'accesso ai farmaci sia in tempi normali che in momenti di crisi. Il Comitato auspica progressi più rapidi nella prevenzione sanitaria e nella sanità elettronica e chiede che la cooperazione transfrontaliera in materia di assistenza sanitaria sia modificata per renderla più accessibile e resiliente, in quanto costituisce un elemento chiave della preparazione delle regioni frontaliere e della loro capacità di risposta.

Che cosa fa l'UE?

Per saperne di più:  https://futureu.europa.eu/processes/Health?locale=it

Un'economia più forte, giustizia sociale e occupazione

Perché questo tema è importante per le regioni e le città dell'UE?

Le disparità sia tra le regioni e le città dell'UE che al loro interno in termini di risultati economici e di occupazione variano notevolmente, motivo per cui l'Unione europea ha istituito la politica di coesione e i fondi destinati a ridurre tali disparità. Inoltre l'Europa sta attraversando la più grave crisi sanitaria, ambientale, economica e sociale della sua storia, crisi che colpisce il territorio dell'UE in grado diverso e rischia di aggravare ulteriormente le disparità esistenti. L'azione a livello dell'UE da sola non è sufficiente: la chiave del successo è nelle mani delle autorità nazionali, regionali e locali, come anche delle parti sociali e degli altri soggetti interessati a tutti i livelli. Visto che gli enti regionali e locali svolgono un ruolo centrale nell'attuazione delle politiche occupazionali e sociali, è essenziale garantire una rappresentanza adeguata della dimensione locale e regionale nelle fasi di elaborazione e attuazione delle politiche dell'UE.

Quali sono le raccomandazioni del CdR?

In linea generale, il CdR, in quanto organo consultivo, formula pareri per le istituzioni dell'UE in merito alla legislazione e alle politiche, tenendo conto della situazione e delle esigenze specifiche delle amministrazioni locali e regionali. Le questioni relative alla giustizia sociale e all'occupazione sono trattate dalla commissione Politica sociale, istruzione, occupazione, ricerca e cultura (SEDEC) . Tra i tre temi chiave delle priorità politiche del Comitato europeo delle regioni per il periodo 2020-2025 figura la priorità "Coesione, il nostro valore fondamentale". Essa riguarda l'attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali , che costituisce un ambito prioritario per il Comitato ed è stata inclusa tra le priorità del programma di lavoro per il 2021. Questa priorità riveste inoltre la massima importanza per il CdR, in quanto potrebbe definire un nuovo asse di intervento per le istituzioni europee, che passerebbero da un approccio intergovernativo a un processo decisionale europeo.

Che cosa fa l'UE?

Per saperne di più:  Un'economia più forte, giustizia sociale e occupazione - Conferenza sul futuro dell'Europa (europa.eu)

L'UE nel mondo

Perché questo tema è importante per le regioni e le città dell'UE?

Le regioni e le città sono interessate dalle relazioni esterne dell'UE e dalle politiche ad esse connesse quali il commercio, la sicurezza, la migrazione e la cooperazione con organizzazioni internazionali quali le Nazioni Unite e l'OCSE. Esse hanno inoltre stretto partenariati con enti locali e regionali al di fuori dell'UE e partecipano attivamente ai programmi dell'UE con i paesi dell'allargamento, alla politica europea di vicinato, alla cooperazione allo sviluppo e alle relazioni con il Regno Unito. I lavori del CdR e i suoi pareri sono alimentati dalle discussioni e dalle interazioni politiche in seno agli organi comuni che il CdR ha istituito con i suoi partner esterni e ai gruppi di lavoro dedicati. Tali organi consentono al CdR di contribuire in modo efficace alle politiche di allargamento e di vicinato dell'UE da una prospettiva locale e regionale.

Quali sono le raccomandazioni del CdR?

Il CdR può facilitare il dialogo e la cooperazione con gli enti locali e regionali dei paesi terzi fornendo consulenza e agevolando gli scambi tra pari, al fine di sostenere lo sviluppo delle loro capacità e la governance multilivello. A tal fine il CdR si avvale di consessi quali i comitati consultivi misti e i gruppi di lavoro , la Conferenza degli enti regionali e locali per il partenariato orientale (Corleap) , l' Assemblea regionale e locale euromediterranea (ARLEM) e il gruppo di contatto CdR-Regno Unito .

Il CdR chiede un maggiore coinvolgimento degli enti locali e regionali nelle relazioni dell'UE con i paesi terzi, al fine di rispondere alle sfide cui devono far fronte le pubbliche amministrazioni, sia all'interno che all'esterno dell'UE.

Che cosa fa l'UE?

Per saperne di più:  https://futureu.europa.eu/processes/EUInTheWorld?locale=it

Valori e diritti, Stato di diritto, sicurezza

Perché questo tema è importante per le regioni e le città dell'UE?

Gli enti locali e regionali svolgono un ruolo cruciale nella tutela dei diritti fondamentali all'interno di un sistema di governance multilivello. Garantire un maggiore godimento dei diritti ha ricadute positive sullo sviluppo economico e sociale ed è la via migliore per conquistare la fiducia dei cittadini e rafforzare il loro impegno nell'elaborazione delle politiche a tutti i livelli di governance. Promuovere una cultura del rispetto dello Stato di diritto costituisce pertanto una responsabilità condivisa a livello europeo, nazionale, regionale e locale. Per quanto riguarda la "sicurezza", la lotta al terrorismo rientra nel concetto più ampio dell' Unione europea della sicurezza , e il ruolo chiave delle città nella protezione degli spazi pubblici e nella prevenzione della radicalizzazione, ad esempio, è posto in evidenza nell' impegno dell'UE sulla sicurezza e la resilienza urbane .

Quali sono le raccomandazioni del CdR?

Il CdR propone che le regioni e le città siano coinvolte nella promozione di una cultura del rispetto dei diritti fondamentali, dei valori dell'UE e dello Stato di diritto. È essenziale, in particolare, rafforzare l'adesione dei giovani a questi elementi fondanti dell'UE. I comportamenti dei cittadini svolgono un ruolo significativo nello sviluppo di forme illiberali di populismo, mentre l'istruzione può contribuire positivamente alla lotta contro i rischi di un regresso democratico. Ad esempio, in rapporto all'applicazione della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea , la creazione di punti di contatto a livello locale permetterebbe di fornire degli orientamenti agli enti locali e regionali su come definire le proprie politiche, nel pieno rispetto della Carta, e mettere in rilievo le buone pratiche. Un altro esempio recente è dato dall'adozione di un parere del CdR sul programma UE di lotta al terrorismo .

Che cosa fa l'UE?

Per saperne di più:  https://futureu.europa.eu/processes/ValuesRights?locale=it

Trasformazione digitale

Perché questo tema è importante per le regioni e le città dell'UE?

L'accesso alle infrastrutture e ai servizi digitali varia notevolmente tra le diverse regioni e città dell'UE e persino al loro interno. La trasformazione digitale è essenziale per lo sviluppo economico e sociale, e le tecnologie digitali sono diventate imprescindibili per ogni aspetto della nostra vita. Allo stesso tempo, la pandemia di COVID-19 ha messo in luce un crescente divario digitale in tutta l'UE, confermando che la disponibilità e l'accessibilità delle opportunità di trasformazione digitale hanno un impatto importante sulla coesione tra le regioni e le città dell'UE.

Quali sono le raccomandazioni del CdR?

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) sostiene il concetto di "coesione digitale" sin dal 2019, anno in cui ha adottato il suo parere sul tema L'Europa digitale per tutti . La coesione digitale è considerata un'importante dimensione aggiuntiva del concetto di coesione economica, sociale e territoriale, sancito dal Trattato UE. Il CdR sta esaminando lo stato della trasformazione digitale nelle regioni dell'UE per quanto riguarda il divario in termini di infrastrutture, utilizzo di Internet e disponibilità di servizi amministrativi online.

Che cosa fa l'UE?

Per saperne di più:  https://futureu.europa.eu/processes/Digital?locale=it

Democrazia europea

Perché questo tema è importante per le regioni e le città dell'UE?

Rafforzare il funzionamento democratico dell'Unione è un modo per rilanciare il progetto europeo. Le regioni, le città, i comuni e più di un milione di rappresentanti politici eletti a livello subnazionale svolgono un ruolo importante nel rendere la democrazia europea più resiliente. Un maggiore coinvolgimento degli enti locali e regionali e del Comitato europeo delle regioni nella definizione delle politiche dell'UE potrebbe permettere di avvicinare l'Europa ai cittadini.

Quali sono le raccomandazioni del CdR?

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) sostiene l'ulteriore sviluppo dei principi di sussidiarietà e proporzionalità dell'UE, che garantiscono che le decisioni siano adottate al livello più vicino possibile ai cittadini e che vi siano controlli costanti per verificare se l'azione dell'UE sia giustificata rispetto alle possibilità esistenti a livello nazionale, regionale o locale. Inoltre, il CdR propone di trasformare la partecipazione dei cittadini, incoraggiata dalla Conferenza sul futuro dell'Europa, in un elemento permanente e di mettere in comune le esperienze relative al coinvolgimento dei cittadini mediante una rete di regioni e città a livello dell'UE.

Che cosa fa l'UE?

Per saperne di più:  https://futureu.europa.eu/processes/Democracy?locale=it

Migrazione

Perché questo tema è importante per le regioni e le città dell'UE?

La migrazione ha avuto un forte impatto sulle regioni e sulle città dell'UE, soprattutto su quelle che si trovano in prima linea in relazione ai flussi migratori. Queste regioni e città sono spesso responsabili dell'accoglienza e dell'integrazione dei migranti, provvedendo a fornire loro le infrastrutture e i servizi essenziali. Inoltre, la situazione demografica di tutte le regioni e città dell'UE, come pure il relativo impatto sui mercati del lavoro e sui servizi pubblici, è significativa e svolgerà un ruolo più incisivo nelle politiche attuate a livello locale e regionale.

Quali sono le raccomandazioni del CdR?

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) chiede una politica migratoria globale a livello dell'UE, che integri le esperienze e i punti di vista delle regioni e delle città nelle fasi di elaborazione e attuazione. Tale politica dovrebbe tenere conto del contributo regionale e locale e includere l'integrazione, procedure di rimpatrio eque e politiche in materia di asilo in grado di rispondere in modo adeguato alle tendenze migratorie attuali e future. Essa deve inoltre affrontare le cause profonde della migrazione, in cooperazione con i paesi di origine e di transito, di coloro che necessitano di protezione umanitaria, e al tempo stesso deve proteggere le frontiere esterne dell'UE.

Che cosa fa l'UE?

Per saperne di più:  https://futureu.europa.eu/processes/Migration?locale=it

Istruzione, cultura, gioventù e sport

Perché questo tema è importante per le regioni e le città dell'UE?

Le politiche in materia di istruzione, cultura, gioventù e sport rispondono alle esigenze essenziali delle nostre società, sia incoraggiando lo sviluppo economico e sociale attraverso l'istruzione e la comprensione reciproca mediante la cultura e lo sport, sia promuovendo una vita democratica più inclusiva mediante la partecipazione dei giovani. Le regioni e le città svolgono un ruolo fondamentale in questi settori e in molti Stati membri sono responsabili dei relativi servizi e infrastrutture. La digitalizzazione dell'istruzione e della cultura, gli elevati tassi di disoccupazione giovanile in alcune regioni e l'aggravarsi delle disparità economiche e sociali sono tra le sfide più urgenti che gli enti locali e regionali si trovano ad affrontare. Alcune di queste sfide e le rispettive dimensioni regionali potrebbero diventare ancora più visibili e pressanti a seguito degli effetti della pandemia di COVID-19.

Quali sono le raccomandazioni del CdR?

In linea generale, il Comitato europeo delle regioni (CdR), in quanto organo consultivo, formula pareri per le istituzioni dell'UE in merito alla legislazione e alle politiche, tenendo conto della situazione e delle esigenze specifiche delle amministrazioni locali e regionali. Le questioni relative all'istruzione, alla cultura, alla gioventù e allo sport sono trattate dalla commissione Politica sociale, istruzione, occupazione, ricerca e cultura (SEDEC) . Tra i tre temi chiave delle priorità politiche del Comitato europeo delle regioni per il periodo 2020-2025 figurano le priorità "Avvicinare l'Europa ai suoi cittadini" e "Costruire comunità resilienti". Nel suo recente parere sul tema "Realizzazione dello spazio europeo dell'istruzione entro il 2025" , il CdR chiede un maggiore riconoscimento delle esigenze regionali e raccomanda di affrontare le disparità regionali nel settore dell'istruzione.

Che cosa fa l'UE?

Per saperne di più:  Istruzione, cultura, gioventù e sport - Conferenza sul futuro dell'Europa (europa.eu)

Contenuti multimediali

 

Per vedere altro materiale

  • The future is in your hands
    The future is in your hands
  • #TheFutureIsYours: "We need systemic changes to strengthen our health system"
    #TheFutureIsYours: "We need systemic changes to strengthen our health system"
  • #TheFutureIsYours: "I hope my son will harvest the fruits of digitalization"
    #TheFutureIsYours: "I hope my son will harvest the fruits of digitalization"
  • #TheFutureIsYours: "From climate change to migration, we want to make a change"
    #TheFutureIsYours: "From climate change to migration, we want to make a change"
  • #TheFutureIsYours: "Next generations will be even more European"
    #TheFutureIsYours: "Next generations will be even more European"
  • #TheFutureIsYours: "Europe was founded on the values of respect for freedom & equality"
    #TheFutureIsYours: "Europe was founded on the values of respect for freedom & equality"
  • #TheFutureIsYours: "The future of our planet concerns each & every one of us"
    #TheFutureIsYours: "The future of our planet concerns each & every one of us"
  • #TheFutureIsYours: "Today, so many people see their jobs become uncertain"
    #TheFutureIsYours: "Today, so many people see their jobs become uncertain"
  • #TheFutureIsYours: "I want Europe to be a welcoming place"
    #TheFutureIsYours: "I want Europe to be a welcoming place"
  • #TheFutureIsYours: "Today we take peace & justice for granted in Europe"
    #TheFutureIsYours: "Today we take peace & justice for granted in Europe"


Seguici

Contatto

Direzione Comunicazione – Team Dialoghi locali
Share:
Back to top